Saturday, 23 Mar 2019

Notizie in pillole: SLS, T-rex, il peso della via Lattea, Little Earth sulla ISS, onde d’urto supersoniche, una nuova specie di balena,

SLS+Orion, primo lancio nel 2020

La NASA sta lavorando a un sistema di lancio di prossima generazione chiamato Space Launch System, o SLS, sperando di creare un sistema di trasporto per portare gli astronauti del futuro sulla Luna e oltre. Ora la NASA ha annunciato i progressi verso la prima missione per il nuovo sistema, chiamata Exploration Mission-1 (EM-1) che avverrà nel 2020.

Sembra proprio che il volo di prova senza equipaggio EM-1 avverrà nel 2020 e, se non ci saranno problemi, sarà seguito da una missione con equipaggio che raggiungerà la Luna, vi orbiterà intorno un certo numero di volte e poi rientrerà sulla Terra senza provare a scendere sula Luna. questa seconda missione, chiamata  Exploration Mission-2 (EM-2), è schedulata entro il 2023.

 

Novità sul Tyrannosaurus rex: da cucciolo era un animaletto delizioso

Man mano che altri fossili vengono scoperti, apprendiamo sempre di più sulla famiglia Tyrannosauroidea. La prima scoperta di un dinosauro piumato, il Sinosauropteryx, avvenuta prima del 1996, suggeriva che avevamo immaginato questi antichissimi animali, compreso il  T. rex, in modo errato. Le scoperte più recenti hanno rafforzato questo sospetto. Inoltre, i paleontologi hanno iniziato a trovare fossili di cuccioli di Tyrannousaurus, e questo ha permesso al team dell’AMNH, guidato da Mark Norell, di immaginare realisticamente il T. rex in tre fasi della vita per la mostra “Ultimate Predator“.

Non tutti i tirannosauri erano T. rex : c’erano dozzine di specie di tirannosauro e nessun altro era così grande. Erano tutti, comunque, predatori pericolosi e la mostra AMNH presenterà nuove rappresentazioni di una varietà di membri della famiglia. La maggior parte dei Tyrannousaurus erano veloci corridori, a parte il T. rex, una macchina della morte lenta ma inesorabile.

Il cucciolo T. rex

Fonte immagine: AMNH / D. Finnin

Circa il 60 per cento dei cuccioli di T. rex, che avevano più o meno le dimensioni di un tacchino, probabilmente non sopravvivevano al loro primo anno di vita. I più fortunati, però, crescevano rapidamente, circa 140 chili al mese, ma per raggiungere le dimensioni adulte impiegavano circa vent’anni.

T. rex adulto

Ancora più spaventoso di quanto credessimo? Fonte immagine: AMNH / D. Finnin

Questo è il terrificante ragazzaccio – o ragazza – che conosciamo e temiamo, anche se probabilmente con più piume di quanto si pensasse una volta. Il mostro era lungo fino a 12 metri e pesava tra l e 7 e le 9 tonnellate.

I denti a forma di banana del T. rex e le possenti mascelle potevano esercitare una forza di 3,5 tonnellate. Se ciò non bastasse, ora sappiamo che i sensi del T. rex erano super-acuti. Gli occhi rivolti in avanti, simili a quelli di un falco, erano disposti a una distanza tale da permettere al T. rex una grande profondità di visione. L’esame delle impronte del suo cervello sulle ossa della testa suggerisce anche un eccezionale senso dell’olfatto e dell’udito.

La nostra Via Lattea pesa circa 1,5 trilioni di soglie

Le stime del peso della nostra galassia variano ampiamente, da circa 500 miliardi di volte la massa del nostro sole a 3 trilioni di masse solari. Il numero è così difficile da definire perché circa l’85 percento della massa della Via Lattea è costituita da materia oscura, materiale misterioso che non assorbe né emette luce (da cui il nome).

Non siamo in grado di rilevare direttamente la materia oscura“, ha dichiarato Laura Watkins, dell’Osservatorio europeo meridionale di Garching, in Germania. “Questo è ciò che porta all’attuale incertezza nella massa della Via Lattea – non puoi misurare con precisione ciò che non puoi vedere!

Watkins ed il suo team hanno misurato le velocità degli ammassi globulari, ciuffi di stelle che orbitano attorno al familiare disco a spirale della Via Lattea (ma fanno ancora parte della nostra galassia). “Più grande è una galassia, più velocemente i gli ammassi globulari si muovono sotto la spinta della sua gravità“, ha affermato nella stessa dichiarazione il coautore dello studio N. Wyn Evans, dell’Università di Cambridge in Inghilterra .

Molte delle misurazioni precedenti hanno rilevato la velocità con cui un gruppo si avvicina o si allontana dalla Terra, cioè la velocità lungo la nostra linea di vista“, ha aggiunto Evans. “Tuttavia, siamo stati in grado di misurare anche il moto laterale dei grappoli, da cui è possibile calcolare la velocità totale e, di conseguenza, la massa galattica.”

Quel numero è di 1.5 trilioni di masse solari (entro 129.000 anni luce del centro galattico, per essere precisi) è praticamente nel bel mezzo della gamma delineata dagli studi precedenti.

Una grande vittoria per SpaceX, Ripley e Little Earth

La capsula di SpaceX Crew Dragon ha completato con successo la sua storica missione.
L’astronauta della NASA Anne McClain ha twittato che è stata “l’alba di una nuova era nel volo spaziale umano“, insieme a una foto della capsula.
Ripley aveva lo scopo di assicurarsi che l’astronave fosse sicura e confortevole per gli umani attraverso i sensori posizionati in punti chiave come la testa, il collo e la colonna vertebrale per vedere cosa succederà agli astronauti che vi voleranno.
E poi c’era Little Earth, un peluche adorabile che rappresenta il nostro pianeta. Little Earth, chiamato anche Buddy, ha goduto di una settimana di popolarità immensa. È tanto piaciuto agli astronauti della ISS che se lo sono tenuto a bordo.
Intanto gli astronauti hanno condiviso foto su Twitter con il peluche sempre presente mentre svolgevano i loro compiti quotidiani, gli esperimenti, gli allenamenti, e persino durante la cena.

Le onde d’urto sono bellissime

La velocità del suono è associata ai boom sonici e ai jet supersonici. Ma vi siete mai chiesti come può essere visualizzata?

Usando la tecnica della fotografia schlieren, la NASA è stata in grado di catturare le prime immagini aria-aria dell'interazione delle onde d'urto da due aerei supersonici che volano in formazione.

Ci sono voluti 10 anni per sviluppare la tecnologia che avrebbe permesso alla fotografia aria-aria di catturare l’interazione delle onde d’urto da due piani supersonici. I due jet supersonici della US Air Force T-38 hanno effettuato un volo di prova in California, volando a una distanza di metri l’uno dall’altro per creare onde d’urto interagenti.
Un aereo della NASA B-200 King Air che volava 600 metri sotto gli aerei e ha scattato le foto a 1.400 fotogrammi al secondo.
Le onde d’urto viste nella foto creano dei boom supersonici quando si incrociano nell’atmosfera, rompendo la barriera del suono.

Una nuova specie di balena killer

Un nuovo tipo di balena è stato individuato, “Tipo D” per essere esatti. Cosa significa? Bene, le balene di tipo D sembrano orche ma hanno una testa più arrotondata, piccoli segni bianchi attorno agli occhi e una diversa forma del corpo.

Gli scienziati hanno scoperto quello che potrebbe essere un nuovo tipo di balena killer

Un team internazionale di scienziati le ha individuate al largo di Capo Horn in Cile e ha prelevato piccole biopsie per studiarli.
Siamo molto entusiasti delle analisi genetiche“, ha detto in una pubblicazione Bob Pitman, un ricercatore del Southwest Fisheries Science Center della NOAA Fisheries. “Le orche di tipo D potrebbero essere il più grande animale non descritto rimasto sul pianeta e una chiara indicazione di quanto poco sappiamo della vita nei nostri oceani“.
Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: