Sunday, 19 May 2019

Interessanti novità nel budget NASA: SLS sotto scacco e più fondi destinati alle collaborazioni con i privati

Conla Casa Bianca repubblicana e la Camera dei rappresentanti democratica, è quasi inutile dire che la richiesta di budget del Presidente per l’anno fiscale 2020 non otterrà molto dal Congresso. Eppure, nella richiesta di budget della NASA, ci sono accenni intriganti sulla natura sempre più commerciale dell’esplorazione lunare.

Due fonti che hanno familiarità con il pensiero del vicepresidente Mike Pence, che guida la politica spaziale degli Stati Uniti, hanno affermato che Pence è frustrato dal ritmo lento degli sforzi della nazione per mandare gli umani sulla Luna. In particolare, si sta stancando dei continui ritardi del razzo Space Launch System della NASA, che originariamente doveva essere pronto per il lancio nel 2017 e che probabilmente sarà ritardato ulteriormente fino al 2021 al più presto.

Grandi cambiamenti

Prima di tutto, con la riduzione del budget, la proposta del presidente “riduce” i finanziamenti per l’Exploration Upper Stage. Questo è il secondo stadio più potente che permetterebbe a una versione futura del razzo SLS di sollevare sia la capsula di Orione che i grandi pezzi di carico utile sull’orbita lunare.

Il bilancio propone riforme per il programma SLS per evitare che le sfide significative del programma e dei costi del programma derivino da ulteriori deviazioni di risorse da altre attività di esplorazione“, afferma la panoramica sul budget del presidente. Questo è il riflesso del desiderio di completare la versione iniziale “Block 1“, attualmente in ritardo, nel modo più rapido possibile. I futuri aggiornamenti dovranno attendere (o potrebbero non arrivare mai).

Il budget apre anche le porte ai lanci commerciali di merci verso l’orbita lunare, inclusi i componenti della stazione Lunar Gateway. “Gli elementi Lunar Gateway verrebbero lanciati su veicoli con procura competitiva, completando i voli di trasporto equipaggio su SLS e Orion“, si legge nel documento.

Infine, il budget dice che una sonda robotica destinata alla luna di Giove Europa (Europa Clipper), a causa del lancio nel 2020, non verrà lanciata con il booster SLS ma verrà lanciata con un razzo privato. (Come precedentemente riportato da Ars, questo quasi certamente sarà il Falcon Heavy di SpaceX). “Utilizzando un veicolo di lancio commerciale per questa missione, la NASA risparmierà oltre 700 milioni di dollari, consentendo il finanziamento di nuove attività in tutta l’Agenzia“, ​​afferma il documento di bilancio.

Con questa proposta, quindi, la NASA sta portando via un upgrade chiave allo stadio superiore del Sistema di lancio spaziale, proponendo di lanciare i componenti del Gateway su missili commerciali e rimuovendo una missione di alto profilo dal manifest di lancio: l’Europa Clipper. Questo lascia solo un compito reale per l’SLS, che nessun razzo commerciale può attualmente eseguire: l’invio diretto di una capsula di Orion con equipaggio verso un’orbita lunare alta.

Bisogna dire che i progressi attesi durante quest’anno per l’entrata in servizio delle capsule Dragon 2 di SpaceX e Starliner di Boeing, studiate per il trasporto di equipaggio e ormai prossime alla conclusione dei collaudi, potrebbero, già dall’anno prossimo, in caso di ulteriori ritardi, porre una pietra tombale sul progetto SLS+Orion.

Bridenstine su SLS

L’amministratore della NASA Jim Bridenstine ha presentato la richiesta di budget durante un discorso al Kennedy Space Center. Brindestine, ha parlato di “riusabilità” come di una pietra angolare fondamentale per il ritorno sulla Luna dell’agenzia spaziale. Usando sistemi riutilizzabili, i piani della NASA per le missioni umane sulla Luna e alla fine su Marte saranno accessibili e sostenibili.

Il grande razzo dell’agenzia – che è costato alla NASA 12 miliardi di dollari finora per lo sviluppo e ha un budget annuale di circa 2 miliardi di dollari – è un’eccezione. “SLS non è riutilizzabile, ma è un pezzo fondamentale dell’architettura che ci consente di fornire riusabilità alla Luna“, ha affermato Bridenstine.

Risposta del Senato

Il Senato degli Stati Uniti avrà molto da dire su questo bilancio prima che sia approvato. Negli anni passati, il Comitato per gli stanziamenti del Senato, sotto la direzione del suo presidente Richard Shelby, ha concentrato i budget amministrativi per il razzo SLS.

Il senatore dell’Alabama lo ha ribadito la scorsa settimana durante una sessione dell’Associazione del trasporto spaziale. Un altro relatore era Jody Singer, il direttore del Marshall Space Flight Center dell’Alabama, dove è in via di sviluppo il razzo SLS.

Shelby e il suo staff comprenderanno senza dubbio le implicazioni insite nella richiesta di budget del presidente e cosa significherebbero per l’utilità del razzo SLS. Se messi in atto, questi cambiamenti potrebbero significare l’inizio della fine del razzo SLS, specialmente se subisce ulteriori ritardi. Questa sarà una battaglia economica molto interessante da seguire e ci dirà quanto peso continuano ad avere i lobbysti nel senato americano.

Hits: 327

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: