Saturday, 23 Mar 2019

Un nuovo esperimento di fisica quantistica suggerisce che potrebbe, in determinate condizioni, non esistere un’unica realtà oggettiva

Un articolo pubblicato sulla rivista Futurism, che riprende un’analisi apparsa dal MIT Technology Review, riferisce che un nuovo studio apparso sul server di preprint ArXiv sembrerebbe dimostrare che nelle giuste condizioni, due persone possono osservare lo stesso evento, vedere accadere due cose diverse ed essere entrambi nel giusto. Non è un’idea nuova in quanto esistevano già studi teorici che affermavano questa possibilità ma, secondo questa ricerca, sarebbe la prima volta che questo risultato viene dimostrato attraverso un esperimento che realizza un pensiero classico della fisica quantistica.

L’esperimento coinvolge due persone che osservano un singolo fotone, la più piccola unità di luce quantificabile che può agire come una particella o un’onda a secondo delle condizioni. Il fotone può esistere in uno dei due allineamenti, ma fino a quando qualcuno non lo misura effettivamente per determinare quale, si dice che il fotone esiste in una sovrapposizione, ovvero che entrambe le condizioni sono vere allo stesso tempo.

Nell’esperimento, uno scienziato analizza tranquillamente il fotone e ne determina l’allineamento. Successivamente, un altro scienziato, ignaro della prima misurazione, conferma che il fotone esiste ancora in una sovrapposizione quantistica di tutti i possibili risultati.

Di conseguenza, ogni scienziato ha sperimentato una realtà diversaEntrambi i risultati sono tecnicamente veri, anche se non sono d’accordo l’uno con l’altro.

Per realizzare questo esperimento sono stati utilizzati laser, beam splitter e una serie di sei fotoni che sono stati misurati da vari strumenti utilizzati dai due scienziati.

In precedenza, secondo quanto riporta MIT Tech, altri ricercatori avevano ideato e provato l’esperimento ma questa è la prima volta che qualcuno è riuscito a portarlo a compimento.

La ricerca in questione, pubblicata il 12 marzo, non è ancora stata sottoposta ad un processo di Peer Review e non è stata ancora accettata per la pubblicazione in una rivista accademica, ma, quanto riportato nello studio, se confermato, dimostrerebbe che, quando si entra nel regno della fisica quantistica, potrebbe non esistere un’unica realtà oggettiva condivisa.

Fonte: Futurism

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: