Un bolide è esploso con una potenza di 10 bombe atomiche sopra il mare di Bering lo scorso dicembre

0
909

Il 18 dicembre 2018, si è verificata nell’atmosfera un’enorme esplosione della potenza equivalente di 173 chilotoni di tritolo. Stiamo parlando di un’esplosione di oltre dieci volte più potente di quella che provocò la bomba atomica da 15 chilotoni sganciata su Hiroshima al termine della seconda guerra mondiale. Per quanto ne sappiamo, è stata la terza più grande esplosione di una meteora in oltre 100 anni, meno forte solo dell’esplosione di Chelyabinsk del 2013 ( 440 kilotoni ) e l’evento di Tunguska nel 1908 (almeno 3 megatoni )

L’esplosione è avvenuta ad alta quota sopra il Mare di Bering, vicino, ma non abbastanza vicino, alla  penisola russa della Kamchatka.

Una meteora che esplode in una palla di fuoco a mezz’aria è anche conosciuta come bolide.

Secondo il meteorologo Peter Brown della Western University in Canada, l’evento è stato rilevato da almeno 16 stazioni di monitoraggio a infrasuoni in tutto il mondo, una rete globale progettata per monitorare le esplosioni nucleari atmosferiche (ma che può anche rilevare eventi come terremoti, eruzioni vulcaniche e, sì, bolidi).

Quando vedi queste onde infrarosse, sai immediatamente che c’è stato un impatto o un grande rilascio di energia“, ha detto l’astronomo Alan Fitzsimmons della Queen’s University di Belfast alla rivista scientifica online New Scientist.

Gli scienziati della NASA hanno ricevuto informazioni sull’esplosione dai satelliti militari statunitensi, che hanno rilevato la luce visibile e infrarossa dal bolide.

Inoltre, la sua scia è stata catturata in modo fortuito dalla telecamera dal satellite meteorologico giapponese Himawari-8 mentre la meteora stava cadendo.

View image on TwitterView image on TwitterView image on Twitter

Simon Proud@simon_sat

The meteor is really clear here – bright orange fireball against the blue + white background!

Background: https://www.bbc.co.uk/news/science-environment-47607696 

Dai dati militari, gli scienziati della NASA sono stati in grado di calcolare che la meteora aveva attraversato l’atmosfera ad una velocità di circa 115.200 chilometri all’ora, con un angolo di 7 gradi, ed è esplosa a un’altitudine di 25,6 chilometri. Sulla base dei dati, Brown è stato in grado di dedurre che la meteora aveva un diametro di circa 10 metri, con una massa di circa 1.400 tonnellate.

Questo è molto al di sotto del limite inferiore di 140 metri per gli asteroidi vicini alla Terra (NEO) potenzialmente pericolosi che la NASA spera di rilevare – ma anche al di sotto dei 20 metri della meteora di Chelyabinsk.

Quest’ultima, quando esplose alla quota di 23,3 km sopra la Russia nel 2013, provocò danneggiamenti di edifici per un raggio di diverse centinaia di chilometri e circa 1.200 feriti, per fortuna senza provocare morti.

L’evento Tunguska del 1908 spianò una regione della foresta siberiana di circa 2.000 chilometri quadrati.

Giorgio Savini@UCLOAstroSphinx

Hi, fantastic post on the meteor.
I quickly checked MODIS-Terra…. they seem to have had a pass roughly at the right time (incredible coincidence!). I cropped the 250m res below or check the link.https://lance.modaps.eosdis.nasa.gov/cgi-bin/imagery/single.cgi?image=crefl1_143.A2018352235000-2018352235500.250m.jpg 

Quindi, anche se questi eventi accadono solo una manciata di volte al secolo (ed è solo una coincidenza che i più grandi siano capitati sulla Russia, che, peraltro, ha una enorme estensione di terre emerse), potrebbero essere incredibilmente distruttivi qualora si verificassero nei pressi del suolo.

Siamo fortunati che la superficie del nostro pianeta sia per lo più costituita da fondali marini dove molte meteore precipitano senza fare danni. Ad esempio, un bolide con la potenza di 12 kilotoni di TNT esplose senza fare danni al largo delle coste del Brasile nel 2016. In effetti, la NASA ha registrato 774 palle di fuoco atmosferiche dal 1988 al momento in cui è stato scritto questo articolo, la maggior parte delle quali si sono verificate sull’oceano.

Si stima che milioni di meteore entrino nell’atmosfera terrestre ogni giorno. La stragrande maggioranza è costituita da granelli di polvere che bruciano all’entrata nell’atmosfera, ma alcuni sono abbastanza grandi da esplodere: più grande è la meteora, più grande è il boom.

Quelli che sono abbastanza grandi da causare un evento rilevabile da satelliti e stazioni a infrasuoni sono relativamente rari.

Il bolide del Mare di Bering è esploso nei pressi di una rotta aerea commerciale tra Nord America e Asia, quindi la NASA si sta rivolgendo alle compagnie aeree competenti per qualsiasi avvistamento dell’evento.