Scelto il sito di atterraggio del lander lunare Beresheet

0
499

Beresheet, il primo lander lunare lanciato privatamente, ha un sito di discesa ed è un posto abbastanza familiare.

Gli scienziati della compagnia spaziale spaziale israeliana SpaceIL, in collaborazione con Jim Head della Brown University – che ha anche lavorato alle missioni Apollo – hanno scelto il Mare Serenitatis come punto di atterraggio per il loro Lander. È privo di grandi rocce e crateri, ostacoli che possono rivelarsi pericolosi o addirittura mortali per il lander, le stesse ragioni per cui fu scelta quell’area per l’allunaggio delle missioni Apollo.

Beresheet è ora in rotta per la Luna, dove atterrerà ad aprile. il sito indicato per l’allunaggio è posto a circa 160 chilometri da entrambi i siti di discesa delle missioni Apollo 15 e 17, approssimativamente equidistanti tra loro. Oded Aharonson, uno degli scienziati della missione afferma che è del tutto casuale che la scelta sia ricaduta sulla stessa zona delle missioni Apollo. “La comprensione della superficie che abbiamo acquisito da Apollo 15 e 17 ha influenzato il nostro modo di pensare nella valutazione dei siti, ma la posizione non è stata scelta per averli in prossimità“, ha detto

Quindi per quale ragione è stato scelto questo sito? Il lander Beresheet – che significa “Genesi” in ebraico – è dotato di un sensore di campo magnetico, e Serenitatis è un’area piena di attività di campo magnetico. Le rocce presenti là hanno tra 2,9 miliardi e 3,4 miliardi di anni, un’età che potrebbe far luce sul rallentamento e l’eventuale arresto del nucleo fuso della Luna, che funzionava come una dinamo che convertiva il moto fisico in campo magnetico.

Questo periodo di tempo è particolarmente interessante per la nostra indagine, perché rappresenta un periodo di tempo durante il quale i campioni prelevati dall’Apollo mostrano un significativo calo della magnetizzazione“, dice Aharonson. “Quindi, misurare e correlare il campo con unità specifiche permetterebbe di limitare i tempi della scomparsa della dinamo lunare responsabile della magnetizzazione delle rocce superficiali.

Tali informazioni aiuterebbero gli scienziati a comprendere la storia della Luna e forniranno ulteriori approfondimenti sull’evoluzione dei pianeti e di altri corpi rocciosi man mano che invecchiano, inclusa la Terra.

Beresheet è stato lanciato il 22 febbraio e messo in orbita attorno alla Terra. L’imbarcazione entrerà ufficialmente nell’orbita lunare il 4 aprile e toccherà la superficie l’11 aprile. Insieme al suo carico utile scientifico, l’imbarcazione porta anche una capsula del tempo digitale dalla Terra per le generazioni future, con articoli culturali israeliani, una copia della Bibbia, una copia di Wikipedia in lingua inglese fino alla data di lancio e altro ancora.