Nuove prove di fonti d’acqua sotterranee su Marte

0
533

A metà del 2018, un gruppo di ricercatori dell’Agenzia Spaziale Italiana hanno rilevato la presenza di un lago di acqua liquida circa 1500 metri al di sotto della calotta ghiacciata che ricopre il polo sud di Marte. Ora, i ricercatori del Centro di ricerca sul clima e l’acqua (AWARE) della USC hanno pubblicato uno studio che suggerisce che acque sotterranee profonde potrebbero ancora essere attive su Marte e potrebbero originare flussi superficiali in alcune aree vicino all’equatore su Marte.

I ricercatori dell’USC hanno stabilito che le  probabilmente esistono in un’area geografica più ampia rispetto ai soli poli di Marte e che esiste un sistema attivo, profondo fino a 750 metri, da cui le acque sotterranee arrivano in superficie attraverso crepe nei crateri specifici che hanno analizzato .

Heggy, che fa parte del team dell’esperimento radar Mars Express MarsSis che sonda il sottosuolo Marte e il co-autore Abotalib Z. Abotalib, un ricercatore post-dottorato presso la USC, ha studiato le caratteristiche dei solchi che appaiono sulle pareti di alcuni crateri su Marte.

Finora, gli scienziati hanno ritenuto che queste formazioni caratteristiche fossero collegate a flussi di acqua superficiale.

Suggeriamo che questo potrebbe non essere vero. Proponiamo un’ipotesi alternativa che i solchi siano formati dalla fuoriuscita di acqua proveniente da una fonte sotterranea pressurizzata che arriva in superficie spostandosi verso l’alto lungo le fessure del terreno“, dice Heggy. “L’esperienza acquisita con le nostre ricerche sull’idrologia del deserto è stata la chiave di volta per raggiungere questa conclusione, abbiamo visto gli stessi meccanismi verificarsi nel Sahara e nella penisola arabica e ci ha aiutato a studiare lo stesso meccanismo su Marte“, ha detto Abotalib Z. Abotalib, autore principale dello studio.

I due scienziati hanno concluso che le fratture all’interno di alcuni crateri di Marte hanno permesso alle sorgenti d’acqua di sollevarsi in superficie a causa della pressione profonda al di sotto. L’acqua fuoriesce in superficie, generando le caratteristiche linee nitide e distinte che si trovano sulle pareti di questi crateri. I due scienziati forniscono anche una spiegazione su come queste caratteristiche idriche variano con le stagioni su Marte.

Lo studio, che sarà pubblicato il 28 marzo 2018 in Nature Geoscience, suggerisce che le acque sotterranee potrebbero essere più profonde di quanto si pensasse in precedenza nelle aree in cui tali flussi sono osservati su Marte. I risultati suggeriscono che queste fratture del terreno associate a sorgenti, dovrebbero essere esplorate per verificare la disponibilità effettiva di acqua da utilizzare in caso colonizzazione. Il loro lavoro suggerisce che dovrebbero essere sviluppati nuovi metodi di indagine per studiare queste fratture.

Ricerche precedenti effettuate per esplorare la presenza di acque sotterranee su Marte si basavano sull’interpretazione degli echi elettromagnetici inviati dagli esperimenti di rilevamento radar dall’orbita a bordo di Mars Express e Mars Reconnaissance Orbiter. Questi esperimenti misuravano il riflesso delle onde sia dalla superficie che dal sottosuolo ogni volta che era possibile la penetrazione. Tuttavia, questo metodo non ha fornito prove della presenza di acque sotterranee, a parte la rilevazione nel Polo Sud del 2018.

Gli autori di questo studio hanno utilizzato immagini e modelli ottici ad alta risoluzione per studiare le pareti dei crateri di grande impatto su Marte. L’obiettivo era di correlare la presenza di fratture con le fonti che generano brevi flussi d’acqua. Heggy e Abotalib, che hanno studiato a lungo le falde acquifere del sottosuolo e il movimento dei flussi di acque sotterranee sulla Terra e negli ambienti desertici, hanno trovato similitudini tra i meccanismi di movimento delle acque sotterranee nel Sahara e su Marte.

Le acque sotterranee sono una prova evidente della passata somiglianza tra Marte e Terra e suggeriscono che hanno un’evoluzione simile, in una certa misura“, dice Heggy. Questi rari e sconcertanti flussi d’acqua su Marte sono di grande interesse per la comunità scientifica.

Comprendere come si è formata la falda freatica su Marte, dove è oggi e come si muove, ci aiuta a limitare le ambiguità sull’evoluzione delle condizioni climatiche su Marte negli ultimi tre miliardi di anni e su come queste condizioni abbiano formato questo sistema di acque sotterranee. le somiglianze con il nostro pianeta e se stiamo attraversando la stessa evoluzione del clima e lo stesso percorso effettuato da Marte. Capire l’evoluzione di Marte è cruciale per comprendere l’evoluzione a lungo termine della nostra Terra e l’acqua sotterranea è un elemento chiave in questo processo.”

Il nuovo studio suggerisce che le falde acquifere che sono la fonte di questi flussi d’acqua potrebbero trovarsi a profondità maggiori di 750 metri. “Tale profondità ci impone di prendere in considerazione ulteriori tecniche di ricerca per individuare le falde acquifere profonde.

Fonte: www.nature.com/articles/s41561-019-0327-5