SpaceX Dragon Crew, le cose da fare prima che possa portare un equipaggio alla ISS

0
753

Tra le migliaia di spettatori che hanno assistito al lancio del Falcon 9 che ha portato la prima navicella Crew Dragon dal Kennedy Space Center alla Stazione Spaziale Internazionale, forse nessuno era più interessato di Bob Behnken e Doug Hurley. I due astronauti veterani della NASA che per primi voleranno sulla capsula di SpaceX.

I due saranno l’equipaggio della prossima missione della Crew Dragon, Demo-2, che si svolgerà a luglio. I due hanno seguito il lancio dal rinnovato centro di controllo del Kennedy Space Center e, 24 ore dopo, erano al controllo missione di SpaceX, ad Hawthorne, in California, per osservare la fase di avvicinamento della capsula alla ISS.

A quanto pare, gli astronauti hanno apprezzato lo spettacolo. La Crew Dragon è entrata in orbita dopo un lancio senza problemi dallo storico Complesso di lancio 39A del KSC, e il giorno dopo si è agganciata automaticamente senza incidenti al modulo Harmony della ISS con circa 15 minuti di anticipo sul programma.

Sono anni che seguiamo lo sviluppo della capsula“, ha detto Behnken in conferenza stampa dopo il lancio. “Vedere un successo come questo ci dà sicuramente molta fiducia nel futuro.”

“Tutto è andato liscio”, ha aggiunto Hurley. “Dal nostro punto di vista, questo è proprio ciò che vogliamo vedere. Stiamo facendo passi da gigante. ”

Cosa resta da fareLa missione Demo-1 si è conclusa l’8 marzo con un disinnesto dalla ISS riuscito perfettamente, seguito, sei ore dopo, dall’ammaraggio nell’Oceano Atlantico al largo della costa della Florida, in vista delle navi di recupero SpaceX. Le fasi finali della missione sono sembrate andare bene come il tutte le precedenti.

Le ispezioni di recupero e post-volo si sono svolte senza intoppi e quindi la missione si è conclusa senza apparenti problemi ma questo non significa che non ci siano cose da sistemare e mettere a punto prima del lancio con equipaggio a bordo. Già prima del lancio, funzionari della NASA avevano avvisato che era già stato identificato un problema da risolvere prima che sulla capsula possano salire gli astronauti per la missione con equipaggio.

Una parte di questo lavoro coinvolge sistemi che non non necessari per la missione Demo-1 perché priva di equipaggio. Ad esempio, il veicolo spaziale non disponeva di un sistema di supporto vitale completo a bordo, c’era solo una versione a funzionamento ridotto destinata a raccogliere dati di test.

Un altro sistema non necessario per Demo-1 era il display con le interfacce che utilizzeranno gli astronauti durante il volo spaziale

Altri lavori riguardano alcuni problemi riscontrati durante il test della navicella Demo-1 che, sebbene non fossero tali da ritardare il lancio, dovranno essere corretti prima di Demo-2.

Uno di questi problemi si sarebbe verificato con i propulsori. Durante i test a vuoto termico del veicolo spaziale, gli ingegneri hanno scoperto che, in alcune circostanze, le temperature potevano diventare abbastanza basse da congelare le linee del propellente.

Un razzo Falcon 9 che trasporta Crew Dragon si stacca dal 2 marzo al Launch Complex 39A presso il Kennedy Space Center alle 2:49 am Eastern. Credito: SpaceX
Il razzo Falcon 9 che trasporta la Crew Dragon si stacca dal Launch Complex 39A del Kennedy Space Center. – Credit: SpaceX

 

 

 

 

 

 

 

 

La soluzione permanente, che sarà implementata su Demo-2 e successivamente sulla versione definitiva della Crew Dragon, sarà quella di installare dei riscaldatori sulle linee del propellente .

Altre correzioni potrebbero essere necessarie al Crew Dragon in base all’analisi dei dati raccolti durante il volo. “Non sarei sorpreso se ciò accadesse“, ha dichiarato Hans Koenigsmann, responsabile di progetto di SpaceX. “Si è trattato di un volo di collaudo, che ci ha permesso di imparare molte cose cose e di acquisire esperienza con i nostri sottosistemi.”

Programma di bilanciamento contro sicurezza

Il volo Demo-2 al momento è previsto per luglio, un mese dopo una prova in volo del sistema di interruzione della missione del Crew Dragon, in cui si utilizzerà la stessa capsula del Demo-1. Koenigsmann ha affermato che, anche se dovesse essere necessario apportare modifiche alla navicella spaziale, potrebbe essere ancora possibile effettuare la missione entro l’estate.

Alcuni funzionari della NASA non hanno però manifestato lo stesso ottimismo, ventilando la possibilità che si potrebbe arrivere verso fine anno prima che la NASA possa essere disposta a mettere i propri astronauti sulla Crew Dragon.

Il 13 febbraio, la NASA ha emesso un avviso di gara che annunciava l’intenzione di acquistare due posti sulla Soyuz dalla società spaziale statale russa Roscosmos. Un posto verrebbe utilizzato nell’autunno di quest’anno e l’altro nella primavera del 2020, assicurando la presenza americana sulla stazione fino al prossimo settembre, indipendentemente dallo stato del programma di equipaggio commerciale.

Questi posti danno alla NASA, Boeing e SpaceX, un po ‘di respiro. “Quello che non vogliamo è che i team si sentano spinti a dover far volare le capsule prima di essere davvero pronti“.

Un’altra opzione che la NASA ha annunciato di star studiando è quella di trasformare il volo di prova della Starliner in una missione che potrebbe arrivare alla durata di sei mesi. L’equipaggio composto da tre astronauti selezionato per quella missione è già stato sottoposto ad addestramento per un soggiorno di lunga durata sulla ISS.

Tuttavia, l’amministratore della NASA Jim Bridenstine ha detto prima del lancio della demo-1 che la NASA non ha ancora deciso sulla durata della missione Boeing. “Man mano che si avvicina, saremo in grado di valutare quali sono i bisogni, e faremo delle determinazioni in base a quali siano questi bisogni“, ha affermato. “Non c’è una sequenza temporale in questo momento.

Nonostante tutto, da SpaceX trapela ottimismo sul fatto che le tempistiche previste saranno rispettate.