Sunday, 21 Apr 2019

Ripristinare le foreste naturali per rimuovere il carbonio atmosferico

Il gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) suggerisce che circa 730 miliardi di tonnellate di CO2 (730 petagrammi di CO2 , o 199 petagrammi di carbonio, Pg C) debbano essere sottratti all’atmosfera entro la fine di questo secolo. Si tratta di un quantitativo equivalente a tutte le emissioni di CO2 emesse da Stati Uniti, Regno Unito, Germania e Cina a partire dalla rivoluzione industriale. Al momento, nessuno sa come catturare così tanto CO2 e, soprattutto, dove poi stivarlo. .

In questo le foreste potrebbero recitare una parte fondamentale. La cattura di carbonio del carbonio negli ecosistemi è un fatto comprovato, sicuro e spesso economico. Aumentare la copertura alberata del territorio avrebbe anche altri vantaggi, dalla protezione della biodiversità alla gestione dell’acqua, fino alla creazione di nuovi posti di lavoro.

L’IPCC suggerisce che l’aumento della superficie totale coperta da boschi, foreste e savane boschive nel mondo potrebbe contenere circa un quarto del carbonio atmosferico necessario per limitare il riscaldamento globale a 1,5° C rispetto ai livelli pre-industriali. Nel breve termine, ciò significherebbe aggiungere fino a 24 milioni di ettari (Mha) di foresta ogni anno da oggi fino al 2030.

Questo implica, però, un rovesciamento culturale di cui deve occuparsi necessariamente la politica. Nel 2011 il governo tedesco e l’Unione internazionale per la conservazione della natura hanno lanciato la Bonn Challenge, che mira a ripristinare 350 Mha di foresta entro il 2030. In seguito a questa e altre iniziative, 43 paesi, tra cui Brasile, India e Cina, hanno piantato circa 300 Mha di alberi su territori degradati, un fatto incoraggiante.

Ma questa politica funzionerà? Sulla base dei progetti attuali, no. Uno sguardo più ravvicinato alle relazioni dei paesi rivela che quasi la metà delle aree che dovrebbero essere coinvolte sono state destinate alla piantagione di alberi commerciali. Sebbene queste possano supportare le economie locali, si tratta di piantagioni molto più povere nella conservazione del carbonio rispetto alle foreste naturali, che si sviluppano con poco o nessun disturbo umano. La regolare raccolta e rimozione delle piantagioni rilascia nuovamente la CO2 catturata nell’atmosfera. Al contrario, le foreste naturali continuano a sequestrare carbonio per molti decenni.

Per arginare il riscaldamento globale, la deforestazione deve cessare. E dovrebbero essere avviati in tutto il mondo programmi di ripristino di tutte le terre degradate, convertendole in foreste naturali e proteggerle. Come detto, boschi e foreste naturali sono il modo più economico e semplice per sequestrare la CO2 atmosferica.

Sforzi sbagliati

Per combattere i cambiamenti climatici, le zone dove è più efficace e pratico piantare alberi è nelle aree tropicali e subtropicali, dove la crescita è più veloce. Gli alberi crescono rapidamente e assorbono un maggior quantitativo di carbonio vicino all’Equatore, e la terra è relativamente economica e disponibile. La creazione di foreste in queste zone ha scarso effetto sull’albedo (riflettività) della superficie terrestre, a differenza delle alte latitudini, dove una presenza eccessiva di alberi oscurerebbe la neve che, normalmente, rifletterebbe l’energia solare e contribuirebbe a raffreddare il pianeta. Foreste ben gestite possono anche contribuire ad alleviare la povertà nelle regioni a basso reddito, nonché a conservare la biodiversità e sostenere gli obiettivi di sviluppo sostenibile posti dalle Nazioni Unite, in particolare gli obiettivi 1 (non povertà), 6 (acqua pulita), 11 (comunità sostenibili) 13 (azione per il clima) e 15 (vita a terra).

Fonte: https://go.nature.com/2ogmbmz

Finora, poco più della metà (24) dei paesi della Bonn Challenge e altri regimi hanno pubblicato piani dettagliati di ripristino, coprendo i due terzi dell’area totale impegnata. Le nazioni stanno seguendo tre approcci principali. In primo luogo, terreni agricoli degradati e abbandonati saranno riconvertiti al ritorno verso la foresta naturale. In secondo luogo, i terreni agricoli marginali devono essere convertiti in piantagioni di alberi pregiati, come l’ eucalipto per la carta o l’ Hevea braziliensis per la gomma. Il terzo punto è l’agroforestazione, che prevede la crescita di colture e alberi utili insieme.

La rigenerazione naturale è l’opzione più economica e tecnicamente più semplice. Poco più di un terzo (34%) dell’area totale assegnata deve essere gestito in questo modo. La protezione della terra dagli incendi e da altri disturbi umani consente agli alberi di ritornare e alle foreste di prosperare, catturando rapidamente grandi quantitativi di carbonio. I tempi di recupero possono essere accelerati piantando specie autoctone.

Tuttavia, le piantagioni sono il piano di risanamento più popolare: il 45% di tutti gli impegni prevede la piantumazione di vaste monocolture di alberi come imprese redditizie. La maggior parte è prevista in grandi paesi come Brasile, Cina, Indonesia, Nigeria e Repubblica Democratica del Congo. Il Brasile, ad esempio, ha impegnato 19 Mha in legno, fibra e altre piantagioni, più del doppio dei suoi attuali 7,7 Mha.

Conti agroforestali per il resto (21%). Questa pratica è ampiamente utilizzata dagli agricoltori di sussistenza, ma raramente su larga scala. Alcune colture beneficiano degli alberi, come il caffè coltivato all’ombra o il mais (mais) intervallato da alberi che aumentano l’azoto nel suolo. Gli stessi alberi forniscono combustibile, legname, frutta o noci.

Quindi, due terzi dell’area impegnata nella riforestazione globale per lo stoccaggio del carbonio è destinata anche alle colture. Ciò solleva serie preoccupazioni.

Un border collie attraversa un'area del Cile devastata dal fuoco mentre semina semi di albero che cadono da uno zaino speciale

Un cane addestrato sparge semi di albero in una foresta in Cile che è stata devastata da un incendio nel 2017. Credit: Martin Bernetti / AFP / Getty

Innanzitutto, le piantagioni contengono in media poco più carbone, rispetto alla terra che è stata liberata per piantarle. Piantare alberi a crescita rapida come l’eucalipto e l’acacia (fino a 5 tonnellate di carbonio per ettaro all’anno) dovrebbe essere l’optimum. Ma dopo che questi alberi sono stati raccolti e la terra è stata ripulita per il reimpianto, tipicamente una volta ogni dieci anni, il carbonio viene rilasciato nuovamente dalla decomposizione dei rifiuti e dei prodotti delle piantagioni (principalmente pannelli di carta e trucioli).

Potrebbe essere possibile aumentare la quantità di carbonio immagazzinata nelle terre delle piantagioni raccogliendole meno spesso, utilizzando specie diverse o convertendo legname in prodotti a vita più lunga. Ma poche ricerche sul campo sono state fatte, in parte perché potrebbe ridurre i raccolti delle piantagioni.

Inoltre, aumentare drasticamente l’area delle piantagioni potrebbe minare la loro redditività. Se venissero attuati i piani di ripristino attuali, le piantagioni tropicali e subtropicali del mondo aumenterebbero fino a 237 Mha. Ciò segnerà un importante cambiamento nell’uso del suolo a livello mondiale. I prezzi dei trucioli e dei prodotti di carta calerebbero drasticamente. C’è da dire, però, che ancora non è stata effettuata alcuna ricerca sui potenziali effetti economici di questo importante cambiamento nella politica forestale.

Spesso, i responsabili delle politiche ambientali interpretano erroneamente il termine “ripristino forestale“. Alcuni ambientalisti, ad esempio, pensano che questo dovrebbe includere la piantagione di una monocoltura di alberi di eucalipto per il raccolto regolare. Ma sfruttando definizioni ampie e terminologia confusa, i responsabili delle politiche e i loro consulenti ingannano il pubblico.

È vero che molte piantagioni soddisfano la definizione di foresta dell’organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura: più di 0,5 ettari di superficie, alberi di almeno 5 metri di altezza e più del 10% di copertura. Eppure mancano le componenti chiave della mitigazione dei cambiamenti climatici e della protezione della biodiversità. Le piantagioni sono importanti dal punto di vista economico, ma non dovrebbero essere classificate come ripristino forestale. Questa definizione necessita urgentemente di una revisione per escluderne le piantagioni monocoltura.

Infine, i rapporti spesso confondono il processo di rigenerazione con foresta naturale con il tipo di copertura terrestre risultante. La terra può essere etichettata come foresta naturale quando è lontana dalla maturità. Nel frattempo, i calcoli sui benefici climatici di solito assumono che questa terra diventa foresta e rimane così per sempre. Ma non vi è alcuna garanzia che queste foreste saranno protette tra 50 o 100 anni da oggi, in particolare con la crescita della domanda di terre.

Fonte: Nature

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: