Sunday, 21 Apr 2019

Endometriosi: forse è in vista un trattamento

La scienza è, finalmente, riuscita a a riprodurre le cellule che rivestono l’utero umano, una scoperta che potrebbe significare grandi cose per il trattamento dell’endometriosi.

L’endometriosi è un disturbo ginecologico piuttosto comune causato da cellule endometriali, le cellule che rivestono l’utero, che migrano all’esterno dell’utero, posizionandosi sugli annessi ed altri organi. Pur fuori dal proprio ambiente naturale, queste cellule seguono il ciclo ormonale normale per cui proliferano sui tessuti cui si attaccano provocando forti dolori.

L’endometriosi colpisce 200 milioni di donne in tutto il mondo ma ancora non esiste un trattamento definitivo per curarla.

Una nuova ricerca ha effettuato un passo avanti fondamentale dimostrando per la prima volta che le cellule staminali pluripotenti umane (iPS) possono essere riprogrammate per diventare cellule uterine sane. Queste cellule sono considerate candidati perfetti per il trapianto. Non solo hanno il potenziale per correggere i difetti all’interno di altre cellule, ma sono derivate dallo stesso paziente permettendo, quindi, di evitare crisi di rigetto immunitario.

Parliamo di una scoperta dall’enorme potenziale: in pratica ora ci si spalancano le porte su nuovi metodi per trattare l’endometriosi“, ha affermato l’autore principale dello studio Serdar Bulun della Northwestern University, che ha condotto ricerche sui trattamenti per l’endometriosi negli ultimi 25 anni.

Si pensa che l’endometriosi si verifichi perché le cellule che rivestono l’utero non rispondono all’ormone progesterone. Ciò significa che, invece di stare ferme, queste cellule difettose viaggiano attraverso la tuba di Falloppio e nell’addome inferiore, dove continuano ad accumularsi.

Queste escrescenze extrauterine possono causare gravi dolori pelvici, infiammazioni e infertilità. Possono anche aumentare il rischio di sviluppare il cancro ovarico.

Le donne con endometriosi iniziano a soffrire della malattia sin dalla tenera età, quindi finiamo per vedere le giovani liceali diventare dipendenti da oppioidi, che distruggono totalmente il loro potenziale accademico e le loro vite sociali“, dice Bulun. La necessità di un trattamento adeguato a lungo termine è ovvia e la nuova ricerca offre alcuni risultati promettenti.

Le cellule iPS sono un po ‘come la chiave principale del corpo umano. Hanno il potenziale per trasformarsi in tutte le cellule presenti all’interno del corpo e possono continuare a riprodursi indefinitamente. Una cellula iPS ha potenzialmente innumerevoli percorsi di sviluppo diversi. Oggi i ricercatori sono in grado di manipolarle per spingerle a cQuindi è un grosso problema che gli scienziati abbiano capito come manipolarli per trasformarsi are le cellule uterine in particolare.

Se queste cellule sane, che rispondono appropriatamente al progesterone, possono essere trapiantate con successo nell’utero, potrebbero sostituire le cellule difettose. Riuscire a standardizzare questo tipo di trattamento permetterebbe di eliminare il dolore associato all’endometriosi, ma potrebbe anche essere usato per trattare altri disturbi dell’utero, come l’infertilità e i tumori dell’endometrio.

Un giorno speriamo di creare un intero utero utilizzando questo trattamento basato sulle cellule cellule iPS del paziente“,  conclude  Bulun.

Quel giorno è ancora un po’ lontano ma questo nuovo studio offre un barlume di speranza. In medicina sono già stati effettuati dei tentativi di trapianto dell’utero ma con successi molto limitati a causa del rigetto.

Ora che gli scienziati sanno come produrre cellule uterine partendo dalle cellule staminali del soggetto stesso, le possibilità di trattamenti futuri sono enormi.

Lo studio è stato pubblicato su Stem Cell Reports.

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: