Sunday, 21 Apr 2019

Ecco la prima immagine reale di un buco nero

Per la prima volta in assoluto, l’umanità ha fotografato un buco nero, aprendo finalmente una finestra su un’area sconosciuta ed esotica dell’universo, un’area dove le normali leggi della fisica non funzionano e che va ancora al di là della nostra comprensione, se non per qualche sporadica intuizione.

Abbiamo visto quello che pensavamo fosse invisibile“, ha detto Sheperd Doeleman, della Harvard University e dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics durante la conferenza stampa di presentazione.

Doeleman dirige il progetto Event Horizon Telescope (EHT), che ha catturato l’immagine del mostruoso buco nero che si annida nel cuore della galassia ellittica M87.

L’immagine è di per sé abbastanza strabiliante, ma ancora più significative sono le prospettive di studio che ora si aprono.

C’è un campo completamente nuovo da esplorare“, ha detto Peter Galison, professore di fisica e storia della scienza ad Harvard.

Galison, che ha co-fondato la Black Hole Initiative (BHI) interdisciplinare di Harvard, ha confrontato il potenziale impatto dell’immaginario con quello dei disegni realizzati dallo scienziato inglese Robert Hooke nel 1600. Quelle illustrazioni mostrarono per la prima volta agle uomini l’aspetto di insetti e piante al microscopio.

L’EHT è un consorzio di oltre 200 scienziati che è all’opera da circa due decenni. È un vero sforzo internazionale; il finanziamento nel corso degli anni è arrivato dalla National Science Foundation statunitense e da molte altre organizzazioni nei paesi di tutto il mondo. Il progetto prende il nome dal famoso punto di non ritorno di un buco nero, il confine oltre il quale nulla, nemmeno la luce, può sfuggire all’attrazione gravitazionale dell’oggetto.

È impossibile fotografare l’interno di un buco nero, quindi, l’EHT ha delineato i contorni dell’orizzonte degli eventi, mappando la sagoma scura del buco nero. Il progetto ha esaminato due buchi neri: il colosso M87, grande circa 6,5 ​​miliardi di volte la massa del sole della Terra, e il buco nero centrale della nostra Via Lattea, noto come Sagittario A * . Quest’ultimo oggetto, pur essendo un buco nero supermassiccio, è più piccolo rispetto alla bestia di M87, contenente solo 4,3 milioni di masse solari.

Entrambi questi oggetti sono obiettivi difficili a causa della loro immensa distanza dalla Terra. Il Sagittario A * si trova a circa 26.000 anni luce da noi, e il buco nero di M87 è lontano 53,5 milioni di anni luce.

“Dal nostro punto di vista, l’orizzonte degli eventi di Sagittarius A * è così piccolo che è l’equivalente di vedere un’arancia sulla luna o essere in grado di leggere il giornale a Los Angeles mentre sei seduto a New York City“, ha spiegato Doeleman.

Nessun singolo telescopio sulla Terra può fare questa osservazione, quindi Doeleman e il resto del team EHT sono stati creativi. I ricercatori hanno collegato radiotelescopi in Arizona, Spagna, Messico, Antartide e in altri luoghi in tutto il mondo, formando uno strumento virtuale delle dimensioni della Terra.

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: