Sembra proprio che la più grande estinzione di massa della storia della terra sia stata causata dai vulcani

0
1205
estinzione di massa del permiano

Secondo alcuni ricercatori, il mercurio accumulato negli strati geologici fornisce la prova più forte che i vulcani abbiano causato la più grande estinzione di massa nella storia della Terra. L’ estinzione di massa avvenuta 252 milioni di anni fa fu così drammatica e diffusa che gli scienziati la chiamano “la grande morte“. Una catastrofe che uccise oltre il 95% della vita sulla Terra nel corso di alcune centinaia di migliaia di anni.

I paleontologi dell’Università di Cincinnati e della China University of Geosciences ritengono di aver riscontrato un picco di mercurio nei record geologici in quasi una dozzina di siti in tutto il mondo, il che fornisce una convincente evidenza del fatto che le eruzioni vulcaniche furono la causa di questo cataclisma globale.

Questa affermazione è contenuta in un articolo pubblicato questo mese sulla rivista Nature Communications .

252 milioni di anni fa, numerose eruzioni innescarono vasti giacimenti di carbone, provocando il rilascio di grandi quantità di vapori di mercurio nell’atmosfera. Questo mercurio, alla fine ricadde attraverso la pioggia e andò a mescolarsi al terreno ed ai sedimenti marini su tutto il pianeta, lasciando una traccia evidente della causa della che preannunciò l’era dei dinosauri.

Le attività vulcaniche, comprese le emissioni di gas vulcanici e la combustione di materia organica, hanno rilasciato abbondante mercurio sulla superficie della Terra“, ha detto l’autore principale Jun Shen, professore associato presso la China University of Geosciences.

L’estinzione di massa avvenne in quello che gli scienziati chiamano il limite Trianco-Permiano. in quel periodo scomparve gran parte della vita terrestre e marina. Alcuni degli animali esistenti all’epoca erano dei veri e propri mostri preistorici, come le feroci gorgonopsidi che sembravano un incrocio tra una tigre dai denti a sciabola e un drago di Komodo.

Queste vaste eruzioni si verificarono in un sistema vulcanico chiamato trappi siberiani, situato in quella che ora è la Russia centrale. Molte di queste eruzioni non avvennero da vulcani come li conosciamo comunemente ma attraverso fessure aperte nel terreno. Le eruzioni furono frequenti, numerose e durature e infuriarono per un periodo di centinaia di migliaia di anni.

Tipicamente, quando si hanno eruzioni vulcaniche di grandi dimensioni, esplosive, viene rilasciato un sacco di mercurio nell’atmosfera“, ha ha spiegato Thomas Algeo, professore di geologia presso il McMicken College of Arts and Sciences dell’Università della California. “Il mercurio è un indicatore relativamente nuovo per i ricercatori ed è un buon modo per indagare le influenze vulcaniche sui principali eventi della storia della Terra“, ha detto Algeo.

I ricercatori usano i denti fossilizzati di creature chiamate conodonti per datare la roccia in cui il mercurio si è depositato. Come la maggior parte delle altre creature del pianeta, i conodonti furono decimati dalla catastrofe.

Le eruzioni siberiane emisero in atmosfera fino a 3 milioni di chilometri cubici di cenere durante questo lungo periodo. Per dirla in prospettiva, l’eruzione del Mount St. Helens a Washington nel 1980 ha mandato nell’atmosfera un solo chilometro cubo di cenere, che poi ricadde al suolo fino in Oklahoma.

In realtà, secondo Algeo, le eruzioni dei trappi della Siberia emisero così tanto materiale nell’aria, in particolare i gas serra, che riscaldarono il pianeta di una media di circa 10 gradi centigradi. Il riscaldamento climatico, probabilmente, fu uno dei principali colpevoli dell’estinzione di massa. Inoltre, le piogge acide innescate dalle eruzioni alterarono il sistema idrico della Terra, aumentando l’acidità degli oceani.

Ci domandiamo spesso cosa sia stato più dannoso: le forme di vita adattate agli ambienti più freddi si trovarono assai male”, ha detto Algeo. “Quindi la mia ipotesi è che il cambiamento di temperatura fu il killer principale, i cui effetti furono esacerbati dall’acidificazione e da altre tossine nell’ambiente.”

La Terra si riprese dal disastro molto lentamente perché la durata e l’intensità delle eruzioni continuarono a colpire la biodiversità.

La Terra ha visto cinque grandi estinzioni di massa conosciute nel corso dei suoi 4,5 miliardi di anni.

Gli scienziati hanno utilizzato un’altra firma elementare, l’iridio, per definire la probabile causa dell’estinzione di massa globale che annientò i dinosauri 65 milioni di anni fa. L’ampia presenza di iridio negli strati geologici risalenti a quel periodo ha fatto ritenere a molti scienziati che la causa principale di questa estinzione di massa sia stata una grande meteora che colpì quello che ora è il Messico.

L’impatto proiettò in atmosfera enormi quantità di polvere e detriti oltre a provocare un’enorme onda di calore. Tutto quel materiale proiettato in atmosfera comprendeva l’iridio che si trova nel record geologico di tutto il mondo.

Attualmente si ritiene anche che a contribuire pesantemente all’estinzione dei dinosauri furono le eruzioni dei vulcani del Deccan che scagliarono in aria enormi quantità di detriti e di gas serra.

Shen sostiene che la firma del mercurio fornisce prove convincenti che le eruzioni delle trappole della Siberia siano state responsabili della catastrofe di 252 milioni di anni fa. Ora i ricercatori stanno cercando di definire la portata delle eruzioni e quali effetti ambientali in particolare siano stati più nocivi.

Secondo Shen, l’estinzione del Permiano potrebbe far luce su come il riscaldamento globale oggi potrebbe portare alla prossima estinzione di massa. Se il riscaldamento globale fu responsabile dell’estinzione del Permiano, quali effetti avrà il riscaldamento globale odierno per l’uomo e la natura? “La liberazione di carbonio nell’atmosfera da parte di esseri umani è simile alla situazione che si generò nel Permiano avanzato, quando abbondanti emissioni di carbonio furono rilasciate dalle eruzioni siberiane“.

Algeo ha confermato che vi è motivo di preoccupazione. “La maggior parte dei biologi ritiene che sia in corso un’altra estinzione di massa, la sesta, e anch’io condivido questa visione, quello che dovremmo capire è che andiamo incontro ad un periodo complicato che danneggerà notevolmente l’ambiente creando problemi anche agli esseri umani, quindi dovremmo lavorare per minimizzare il danno“.

I primi a soffrire dei cambiamenti climatici saranno coloro che vivono ai margini dei deserti. Ciò porterà a più rifugiati climatici in tutto il mondo.

Probabilmente vedremo più carestia e migrazioni di massa nei luoghi più duramente colpiti, è un problema globale che dobbiamo riconoscere e affrontare attivamente. Sarà molto più facile affrontare questi problemi prima che arrivi la crisi“.

Fonte: Jun Shen et al, Prove per un prolungato intervallo di estinzione tra Permiano e Triassico da record mondiali di mercurio marino, Nature Communications (2019). DOI: 10.1038 / s41467-019-09620-0