Tess ha individuato un pianeta delle dimensioni della Terra

0
1603
TESS (Transiting Exoplanet Survey Satellite), il telescopio orbitale della NASA, ha individuato un pianeta dalle dimensioni paragonabili a quelle della Terra, insieme ad un pianeta di tipo sub-nettuniano. La scoperta è pubblicata su The Astrophysical Journal Letters.

TESS è stato progettato e costruito con l’idea di utilizzarlo per trovare gli esopianeti più promettenti orbitanti intorno alle stelle più vicine e più luminose. Questo per rendere osservazioni di follow-up molto più facili. Secondo i tecnici, TESS dovrebbe individuare circa 300  esopianeti di dimensioni pari a quelle della Terra o un po’ più grandi durante la sua missione che durerà due anni.

TESS ha il compito di trovare gli esopianeti, ma non solo qualunque esopianeta. L’idea alla base della missione era quella di individuare esopianeti grandi più o meno come la Terra. infatti, il predecessore di TESS, il telescopio spaziale Kepler, trovò molti esopianeti, ma la maggior parte di essi di dimensioni gioviane, molto più facili da individuare.

È eccitante che TESS, lanciato quasi un anno fa, è ad un punto di svolta nella sua caccia al pianeta“, ha detto Johanna Teske del Carnegie Science Institute, coautrice dell’articolo. “Tess scandaglia il cielo e collaboriamo con la comunità di follow-up di TESS per segnalare obiettivi potenzialmente interessanti per ulteriori osservazioni usando telescopi e strumenti terrestri.”

Entrambi questi pianeti, scoperti lo scorso gennaio ma resi noti solo dopo la conferma, orbitano attorno a una stella della sequenza principale arancione chiamata HD 21749, a circa 53 anni luce dalla Terra e grande circa il 70 percento della massa del Sole. I due pianeti sono gli unici pianeti conosciuti in quel sistema solare. Quello di dimensioni terrestri è chiamato HD 21749c, e il pianeta caldo sub-Nettuniano è chiamato HD 21749b.

Si usano diversi metodi di osservazione per individuare diversi tipi di pianeti. TESS è stato progettato per trovare pianeti che orbitano attorno alla loro stella in tempi relativamente brevi, in genere in meno di 10 giorni. Se un pianeta impiega un tempo straordinariamente lungo per orbitare attorno alla sua stella, come fa, ad esempio, Urano, che impiega 84 anni per orbitare attorno al Sole, allora potrebbe essere necessario osservare la stella molto a lungo prima di poter rilevare il passaggio di un pianeta. Un’osservazione di pochi giorni, però, evita di impegnare le risorse del telescopio orbitale per troppo tempo su uno stesso obbiettivo.

Il sub-Nettuniano, HD 21749b, ha circa 23 volte la massa terrestre e il suo raggio è circa 2,7 volte quello della Terra. La densità misurata suggerisce che il pianeta non sia roccioso e che abbia un’atmosfera sostanziale. Questo potrebbe aiutare gli astronomi a capire le atmosfere su questi tipi di pianeti.

Ma anche se la scoperta del pianeta sub-Nettuniano è eccitante per ragioni scientifiche, HD 21749c potrebbe essere più eccitante. impiega solo otto giorni per orbitare attorno alla sua stella ed è molto più vicino alla dimensione della Terra. Tuttavia, misurare la massa e la densità di questo pianeta non sarà facile.

Misurare la massa e la composizione esatta di un pianeta così piccolo sarà difficile, ma è importante poter confrontare HD 21749c con la Terra“, ha affermato Sharon Wang, uno degli autori del documento. “Il team Peg del Carnegie continua a raccogliere dati su questo oggetto con questo obiettivo.”

TESS consentirà agli astronomi di effettuare misurazioni più accurate di quelle fatte da Kepler. Con TESS, dovrebbero essere in grado di misurare la massa degli esopianeti individuati, la loro composizione atmosferica e altre proprietà. Sebbene esopianeti e pianeti extrasolari più piccoli della Terra non siano rari nella Via Lattea, abbiamo ancora molto da imparare su di loro.

Non possiamo ancora descrivere con precisione la loro diversità. Siamo ancora all’inizio, il che è eccitante, e quell’eccitazione sta crescendo mentre TESS fa il suo lavoro.

Per le stelle che sono molto vicine e molto luminose, ci aspettavamo di trovare fino a un paio di dozzine di pianeti di dimensioni terrestri“, ha detto Dragomir.

Fonte: Universe Today