Guarda il decollo e l’atterraggio del razzo New Shepard di Blue Origin – video

0
506

Il razzo New Shperad di Blue Origin ha appena compiuto un altro passo verso i voli con passeggeri paganti attratti dall’ultima frontiera.

Il New Sheprad, una capsula-razzo riutilizzabile ha effettuato oggi, 2 maggio, la sua undicesima missione di test, durante la quale ha trasportato undici esperimenti scientifici in un volo suborbitale e ritorno. New Shepard è stato lanciato dal sito di test nel Texas occidentale alle 13.35 GMT. Circa 10 minuti dopo, era già tutto finito: il razzo è rientrato in verticale sulla piattaforma di atterraggio designata, mentre la capsula si è posata dolcemente agganciata ai suoi paracadute.

La capsula New Shepard (in alto a destra) e il booster sono visibili subito dopo la separazione.  Questo è il quinto volo spaziale per entrambi i veicoli.

La capsula New Shepard (in alto a destra) e il booster sono visibili subito dopo la separazione.Questo è il quinto volo spaziale per entrambi i veicoli. – Immagine: © Blue Origin

Un'occhiata più ravvicinata del booster New Shepard (in basso a sinistra) e una capsula dopo la separazione.

Un’occhiata più ravvicinata del booster New Shepard (in basso a sinistra) e la capsula dopo la separazione. – Immagine: © Blue Origin

I nuovi booster Shepard di Blue Origin sono progettati per il lancio verticale e atterraggi verticali.  Qui, il booster si avvicina alla sua piattaforma di atterraggio per terminare la missione NS-11.

I nuovi booster Shepard di Blue Origin sono progettati per effettuare lanci ed atterraggi verticali. Qui, il booster si avvicina alla sua piattaforma di atterraggio per terminare la missione NS-11. – Immagine: © Blue Origin

Quasi lì: il nuovo Shepard di Blue Origin si avvicina alla sua piattaforma di atterraggio su NS-11.  E 'stato il quinto atterraggio per questa booster e l'undicesima missione nel complesso per Blue Origin.

Quasi lì: il New Shepard di Blue Origin si avvicina alla sua piattaforma di atterraggio su NS-11. E ‘stato il quinto atterraggio per questa booster e l’undicesima missione nel complesso per Blue Origin. – immagine: © Blue Origin

Mentre il booster New Shepard è atterrato, la capsula dell'equipaggio ha continuato il suo viaggio nello spazio suborbitale.  Ha raggiunto un'altitudine di picco di circa 346.000 piedi (circa 65 miglia / 105 chilometri).

Mentre il booster New Shepard è atterrato, la capsula, in grado di trasportare un equipaggio di sei persone, ha continuato il suo viaggio nello spazio suborbitale. Ha raggiunto un’altitudine di picco di circa 105 chilometri. – Immagine: © Blue Origin

Touchdown: la capsula dell'equipaggio di New Shepard prende a calci la polvere dopo un atterraggio di paracadute di successo a 3 miglia (3 km) dal suo sito di lancio del Texas occidentale.

Touchdown: la capsula del New Shepard solleva una nuvola di polvere dopo l’atterraggio appesa ai paracadute, avvenuto a 3 km dal suo sito di lancio del Texas occidentale. – Immagine: © Blue Origin.

La missione di test di oggi è stata la quinta per questo particolare New Shepard, lanciato l’ultima volta a gennaio. Il veicolo spaziale oggi era particolarmente carico di attrezzature di ricerca: un totale di 38 esperimenti ono stati trasportati durante il viaggio.

Nove di questi 38 esperimenti sono stati supportati dalla NASA. I carichi utili sponsorizzati dalla NASA includono un esperimento di stampa 3D condotto dall’Università del Kentucky, che potrebbe aiutare a far avanzare la tecnologia di produzione fuori terra; una centrifuga gestita dalla società NanoRacks che potrebbe consentire ai ricercatori di raccogliere dati biologici sulle missioni suborbitali; e un esperimento della Purdue University progettato per migliorare le misurazioni del carburante rimanente nelle vasche dei veicoli spaziali per lo spazio profondo.

Il veicolo, però, è stato progettato principalmente per trasportare clienti paganti. Ogni volo di prova di successo avvicina quest’ultima visione alla realtà e il primo volo con equipaggio potrebbe essere davvero molto vicino. Il New Shepard a sei posti potrebbe iniziare a far volare persone già da quest’anno, secondo quanto hanno dichiarato fonti interne di Blue Origin.

Non è ancora chiaro quanto costerà una poltrona per volare a bordo del veicolo; la compagnia non ha ancora comunicato i prezzi dei biglietti. Blue Origin è gestito dall’uomo più ricco del mondo, il fondatore di Amazon, Jeff Bezos. Il New Shepard rappresenta solo primo passo del progetto a lungo termine dell’azienda, che prevede di aiutare milioni di persone a vivere e lavorare nello spazio.

Blue Origin sta anche sviluppando un potente razzo orbitale chiamato New Glenn e un altro che si chiamerà New Armstrong, su cui la compagnia ha detto poco. In fase di progettazione c’è anche un lander lunare noto come Blue Moon.

Probabilmente ne sapremo di più sui progetti di Blue Origin la prossima settimana. Giovedì prossimo (9 maggio), Bezos terrà un discorso a Washington, DC, che fornirà un aggiornamento di stato e condividerà nuovi particolari sui progetti dell’azienda.