Home Scienza Spazio Le tempeste di polvere possono aver contribuito a portare via l’acqua di...

Le tempeste di polvere possono aver contribuito a portare via l’acqua di superficie da Marte

0
427

Nel maggio 2018, Opportunity stava esplorando Marte dal 2004, e non c’era motivo di pensare che il robusto rover non avrebbe continuato la sua missione. Poi, arrivò una tempesta di polvere che coprì completamente il pianeta per quasi sei mesi. La tempesta ricoprì i pannelli solari di Opportunity, impedendone l’alimentazione. Opportunity è stato dichiarato morto dalla NASA nel febbraio 2019. Ora gli scienziati pensano che tempeste simili possano aver dato il colpo di grazia alla presenza di acqua in superficie su Marte.

Un tempo, Marte aveva un’atmosfera densa e fino al 20% della sua superficie era coperta da acqua liquida, secondo gli scienziati. Circa 4 miliardi di anni fa, tuttavia, Marte perse quasi tutto il suo campo magnetico e con poco rimasto per proteggerlo dagli effetti distruttivi del vento solare, il pianeta rosso perse gran parte della sua atmosfera.

L’acqua residua sulla superficie è vulnerabile e, secondo le nuove osservazioni dell’ExoMars Trace Gas Orbiter (TGO), le tempeste di polvere potrebbero aver contribuito ad asciugare gli oceani e i laghi. Normalmente, le particelle di acqua nell’atmosfera di Marte possono salire a circa 20 km di altitudine ma il TGO ha notato che la tempesta di polvere che ha ucciso Opportunity ha sollevato molecole di  H20 fino a 80 km dal suolo.

A quell’altitudine, dove l’atmosfera è molto sottile, le molecole d’acqua vengono scisse dalle particelle solari cariche in ossigeno ed idrogeno. “Le particelle d’acqua nelle parti alte dell’atmosfera vengono facilmente spazzate via dal vento solare“, ha detto Geronimo Villanueva, ricercatore della NASA e coautore dello studio del TGO pubblicato su Nature.

Gli scienziati stanno studiando le tempeste di sabbia di Marte perché potrebbero avere un grande impatto sulle missioni future. Il Rover Curiosity (che è nucleare, non a energia solare) ha cominciato a studiare le tempeste e una delle prime scoperte è stata che i diavoli di polvere (vedi video di sopra), o mini tornado, tendono a scomparire durante le grandi tempeste.

Questo fatto è stato il problema di Opportunity, infatti con i pannelli ricoperti di polvere, l’unica speranza di ripulirla risiedeva proprio nei diavoli di polvere.