Monday, 27 May 2019

Il concorso della NASA per la progettazione di un habitat 3D per Marte è stato vinto da un POD verticale stampabile e assemblabile in 30 ore

costruzione dell'habitat marziano

La progettazione di colonie spaziali ha assunto un notevole interesse per i più importanti architetti del mondo ma pochi dei concetti proposti hanno ricevuto un riconoscimento da parte della NASA. All’inizio di questo mese, la NASA ha comunicato il vincitore del concorso che aveva lanciato per un progetto di habitat marziano, adatto alla sopravvivenza degli esseri umani, stampabile in 3D.

La competizione, iniziata nel 2015, è stata suddivisa in tre fasi: design, tecnologie dei materiali e costruzione. In finale sono arrivati due soli team, l’AI SpaceFactory e la Pennsylvania State University, a cui sono stati concessi quattro giorni per costruire gli habitat da loro progettati a un terzo delle dimensioni previste dal progetto originale.

Il team vincitore, AI SpaceFactory, ha ricevuto un premio di 500.000 dollari per il suo progetto: un pod verticale che può essere stampato in sole 30 ore.

Diamo un’occhiata al prototipo, Marsha, che sarà presto realizzato sulla Terra per testarlo in una delle aree in cui vengono in parte simulate le condizioni ambientali di Marte.

La NASA mira a costruire habitat su Marte grazie a robot e stampanti 3D, prima che vengano inviati gli astronauti.

NASA aims to build habitats on Mars before people arrive, so the teams' prototypes needed to support human life.
AI SpaceFactory – Il prototipo ideale deve essere sia forte che leggero, come un aeroplano.

I baccelli verticali di Marsha imitano l’illuminazione naturale della Terra, permettendo al contempo di avere visuale all’esterno.

Marsha's vertical pods mimic Earth's natural lighting, while offering a peek at their surroundings.
AI SpaceFactory – Le finestre dei pod devono proteggere gli abitanti dalle radiazioni solari.

I pod dispongono di portelli da cui entrare direttamente nelle tute ambientali e una porta che finge da attracco per un rover esplorativo a guida umana.

The pods feature hatches that deploy space suits and a docking port for a Mars Exploration Rover.
AI SpaceFactory – L’azienda si riferisce al prototipo come “una piccola bolla di terra”.

Nel progetto sono previsti spazi per dormire e lavorare.

There are also spaces for sleeping and working.
AI SpaceFactory – Il progetto prevede un giardino, una cucina e una stanza per l’esercizio e la ricreazione.

L’esterno è costituito da un guscio a doppio rivestimento che mantiene costante la temperatura interna.

The exterior consists of a double-coated shell that keeps the internal temperature consistent.
AI SpaceFactory – Gli abitanti della struttura possono utilizzare scale illuminate per accedere a ogni livello.

Per il round finale della competizione, l’habitat è stato stampato dal vivo in sole 30 ore.

For the final round of the competition, the design was printed before a live audience in just 30 hours.
AI SpaceFactory – Un robot industriale è stato sollevato da un carrello elevatore per stampare l’habitat di oltre 4 metri e mezzo, che contiene circa 550 strati di materiale.

L’azienda ha sviluppato una propria formula per il materiale da costruzione, utilizzando materiali che saranno facilmente disponibili sul pianeta rosso.

The company developed its own formula using materials found naturally on the red planet.
AI SpaceFactory – Il materiale, o “polimero marziano”, è costituito da fibre di basalto prelevate dalla roccia marziana e da plastiche biodegradabili prodotte da piante che potrebbero teoricamente crescere su Marte. Ancora più importante, la formula non richiede acqua.

Il prototipo ha superato il “crush test” della NASA, anche se dall’involucro si sono staccati alcuni frammenti.

The prototype passed NASA's
AI SpaceFactory – I design sono stati testati per perdite, durata e resistenza.

Contrariamente agli altri team che hanno puntato su cupole ampie e basse, l’AI SpaceFactory ha sviluppato il suo progetto basandosi sulla gestione della pressione atmosferica su Marte.

Whereas other teams designed low-lying domes, AI SpaceFactory said vertical pods are better suited to handle the atmospheric pressure on Mars.
AI SpaceFactory – Stampando verticalmente, il robot industriale che stampa e costruisce l’habitat può rimanere fermo in un unico posto.

La società prevede di riciclare i materiali utilizzati per il prototipo per creare un habitat simile sulla Terra.

The company plans to recycle the materials from its prototype to create a similar habitat on Earth.
AI SpaceFactory – L’habitat che sarà costruito sulla Terra si chiamerà Tera.

Abbiamo sviluppato questa tecnologia per Marte e l’esplorazione spaziale, ma c’è il potenziale per trasformare il modo in cui costruiamo sulla Terra“, ha dichiarato David Malott, CEO e fondatore dell’azienda. “Usando materiali naturali e biodegradabili provenienti da colture, potremmo eliminare gli enormi sprechi del settore edile.”

Hits: 1180

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: