L’insolita scoperta: antiche creature marine nell’ambra

0
571
animali marini conservati nell'ambra

L’ambra del Myanmar, un paese nel sud-est asiatico, si sta rivelando una risorsa incredibilmente ricca per esaminare il mondo naturale di 100 milioni di anni fa. Nell’ultimo anno, sono state scoperte rane, lumache, un serpente, strane penne e alcuni insetti piuttosto bizzarri. Cosa hanno tutti in comune? Sono abitanti della terra.

Ma ora i paleontologi hanno scoperto qualcosa di veramente strano in una piccola porzione di ambra del Myanmar del Cretaceo: creature marine, fianco a fianco con creature terrestri.

Sono quattro lumache di mare e un’ammonite marina provenienti dall’oceano. Quattro isopodi intercotidali (e altri tre possibili isopodi), che si dovrebbero trovare nella zona tra alta e bassa marea, sono stati intrappolati nell’ambra, insieme alla sabbia della spiaggia.

ammonite ambrata

(Bo Wang)

Dall’ambiente terrestre, l’ambra contiene 22 acari, quello che sembra essere un ragno goblin, 12 insetti adulti (otto mosche, due coleotteri, una vespa parassita e uno scarafaggio) e un millepiedi. Ed è tutto in un pezzo di ambra di solo 33 millimetri per 9,5 millimetri per 29 millimetri.

Una collezione notevole e notevolmente eterogenea di creature.

È raro trovare organismi acquatici nell’ambra, ed è estremamente raro trovare organismi marini nell’ambra, per non parlare di organismi marini macroscopici mescolati con organismi acquatici intertidali, terrestri e potenzialmente d’acqua dolce“, hanno scritto i ricercatori nel loro articolo .

La cosa è notevolmente misteriosa, inoltre i paleontologi non sono ancora riusciti a capire con sicurezza a quanti anni fa risale il pezzo d’ambra.

La datazione a piombo di uranio degli zirconi nella matrice di roccia vulcanica in cui si trovava l’ambra la colloca a circa 98,8 milioni di anni fa al massimo, ma uno strato di arenaria sopra l’ambra conteneva un’altra un’ammonite fossilizzata che si pensa sia arrivata sulla scena 113 milioni di anni fa e non aver vissuto oltre 100,5 milioni di anni fa.

lumache di mare ambrate

(Yu et al., PNAS, 2019)

L’ammonite in questione non è stata descritta nel documento che la menziona, e nessuno è stato in grado di trovare il fossile stesso per condurre un riesame. È possibile che l’ambra stessa sia più vecchia della superficie da cui è stata raccolta, quindi potrebbe avere più di 113 milioni di anni. È un problema che rimane irrisolto in questo momento.

Per fortuna, è un po’ più facile da ricostruire come siano finite nel pezzo d’ambra una quantità così diversificata di creature. Qui giace l’indizio: i gusci dell’ammonite e i gasteropodi marini sono leggermente abrasi, un pezzo significativo del guscio dell’ammonite è stato perso e l’apertura si è intasata di sabbia; non vi sono inoltre segni di tessuti molli appartenenti all’ammonite o ai gasteropodi.

La resina non si solidifica correttamente quando è immersa nell’acqua, quindi è improbabile che una goccia sia caduta nell’acqua e abbia raccolto gli animali marini lì prima di trasformarsi in ambra.

isopodi ambra

Isopodi intertidali (Yu et al., PNAS, 2019)

Così i paleontologi hanno dedotto che le creature marine che vediamo qui erano già morte e i loro gusci furono trasportati dalle correnti e dalle maree su una spiaggia. Fu lì che restarono intrappolati nella resina caduta da un albero. “L’eccezionale presenza di macrofosfati marini macroscopici nella resina suggerisce che la foresta d’ambra stava crescendo vicino a una costa, probabilmente vicino a una spiaggia, e avrebbe potuto essere soggetta a eventi eccezionali“, hanno scritto i ricercatori.

I gusci potrebbero rappresentare la registrazione di una marea eccezionalmente alta, forse generata da una tempesta o da uno tsunami o da un altro evento ad alta energia.” In alternativa, e più probabilmente, la resina cadde sulla spiaggia dagli alberi costieri, raccogliendo artropodi terrestri e conchiglie”.

Ed è così che sono rimasti per milioni di anni, sepolti sotto un letto di arenaria in Myanmar. È possibile che potremmo non essere in grado di imparare di più su come tali inclusioni d’ambra si verificano finché non verranno trovati altri frammenti d’ambra contenenti animali marini.

In ogni caso si tratta di una serie di eventi assolutamente spettacolare.

La ricerca è stata pubblicata su PNAS.