La NASA seleziona 11 compagnie americane per lo sviluppo di prototipi di lander lunari con equipaggio

0
369
progetto lander lunare

La NASA ha selezionato 11 società per condurre studi e produrre prototipi di lander in grado di trasportare un equipaggio per il programma di esplorazione lunare denominato Artemis. Queste attività sono propedeutiche alla missione che la NASA dovrà assolvere entro il 2024  per riportare un equipaggio umano sulla Luna.

Per accelerare il nostro ritorno sulla Luna, stiamo cambiando il nostro modo tradizionale di lavorare. Semplificeremo tutto, dall’approvvigionamento alle partnership, allo sviluppo dell’hardware e persino le operazioni “, ha dichiarato Marshall Smith, direttore dei programmi di esplorazione lunare umana della NASA. “Il nostro team è entusiasta di tornare alla Luna il più rapidamente possibile e le nostre partnership pubbliche / private per studiare i sistemi di atterraggio con equipaggi umani sono un passo importante in questo processo.”

Tramite i contratti Next Space Technologies per l’esplorazione dei partenariati (NextSTEP), le società selezionate studieranno e / o svilupperanno nei prossimi sei mesi dei prototipi finalizzati a ridurre il rischio di pianificazione per gli elementi di discesa, trasferimento e rifornimento di un potenziale sistema di sbarco umano.

Il piano proposto dalla NASA è quello di trasportare gli astronauti con un mezzo studiato appositamente per l’atterraggio attraverso un lander che permetta il trasferimento dal Lunar gateway alla superficie lunare e ritorno al gateway, in orbita cislunare. L’agenzia sta anche valutando le capacità di rifornimento per rendere questi sistemi riutilizzabili.

L’importo totale del premio per tutte le società è di 45,5 milioni di dollari. Poiché NextSTEP è un programma di partnership pubblico / privato, le aziende devono contribuire con almeno il 20% del costo totale del progetto. Questa partnership ridurrà i costi per i contribuenti e incoraggerà i primi investimenti privati ​​nell’economia lunare.

Le aziende selezionate sono:

  • Aerojet Rocketdyne – Canoga Park, California
    • Studio sui veicoli di trasferimento
  • Blue Origin – Kent, Washington
    • Studio sugli elementi di discesa, uno studio sui veicoli di trasferimento e un prototipo di veicolo di trasferimento
  • Boeing – Houston
    • Studio sull’elemento di discesa, due prototipi di elementi di discesa, uno studio sui veicoli di trasferimento, un prototipo di veicolo di trasferimento, uno studio sugli elementi di rifornimento e un prototipo di elemento di rifornimento
  • Dynetics – Huntsville, Alabama
    • Studio dell’elemento di discesa e cinque prototipi di elementi di discesa
  • Lockheed Martin – Littleton, Colorado
    • Studio sugli elementi di discesa, quattro prototipi di elementi di discesa, uno studio sui veicoli di trasferimento e uno studio sugli elementi di rifornimento
  • Masten Space Systems – Mojave, California
    • Un prototipo di elemento di discesa
  • Northrop Grumman Innovation Systems – Dulles, Virginia
    • Studio sull’elemento di discesa, quattro prototipi di elementi di discesa, uno studio sugli elementi di rifornimento e un prototipo di elemento di rifornimento
  • OrbitBeyond – Edison, New Jersey
    • Due prototipi di elementi di rifornimento
  • Sierra Nevada Corporation, Louisville, Colorado e Madison, Wisconsin
    • Uno studio sull’elemento di discesa, un prototipo dell’elemento di discesa, uno studio sui veicoli di trasferimento, un prototipo di veicolo di trasferimento e uno studio sugli elementi di rifornimento
  • SpaceX – Hawthorne, California
    • Uno studio sull’elemento di discesa
  • SSL – Palo Alto, California
    • Uno studio sugli elementi di rifornimento e un prototipo di elemento di rifornimento

Per accelerare il lavoro, la NASA sta invocando azioni contrattuali non definite, che consentono all’agenzia di autorizzare i partner a iniziare una parte del lavoro, mentre le negoziazioni per l’aggiudicazione del contratto continuano in parallelo.

Stiamo facendo passi importanti per iniziare lo sviluppo nel più breve tempo possibile, incluso invocare un’opzione NextSTEP che consenta ai nostri partner di iniziare a lavorare mentre stiamo ancora negoziando“, ha affermato Greg Chavers, responsabile della formulazione del sistema di atterraggio umano presso il Marshall Space Flight Center della NASA a Huntsville, Alabama. “Desideriamo raccogliere i primi riscontri del settore sui requisiti del nostro sistema di sbarco umano e l’azione contrattuale non definita ci aiuterà a farlo.”

La NASA ha avvisato le aziende al vertice degli industriali di aprile, con l’emissione di una pre-sollecitazione, della sua intenzione di collaborare con aziende americane allo sviluppo di un lander integrato. La sollecitazione formale, che verrà rilasciata questa estate, fornirà i requisiti per un atterraggio umano entro il 2024 e permetterà all’industria statunitense di proporre concetti innovativi, sviluppo hardware e integrazione.

Questo nuovo approccio non prescrive un design specifico o il numero di elementi per il sistema di atterraggio umano“, ha detto Chavers. “La NASA ha bisogno del sistema per portare i nostri astronauti in superficie e riportarli a casa sani e salvi, e stiamo lasciando molte delle specifiche ai nostri partner commerciali“.

La NASA intende inviare nei prossimi anni astronauti sulla Luna e poi su Marte, in modo misurato e sostenibile. L’ordine impartito dalla direttiva sulla politica spaziale-1 si basa sullo sviluppo del sistema di lancio SLS e sulla navetta Orion, sugli sforzi dell’agenzia per collaborare con partner commerciali, con partner internazionali e su ciò che la NASA apprende dalle sue attuali missioni robotiche sulla Luna e su Marte.

Ulteriori informazioni su: https://www.nasa.gov/moontomars