Esplorazione di Marte: montato l’ALD, la scatola che cercherà di rispondere alla più grande domanda

0
776

È possibile? C’è vita su Marte?

Da quando la sonda Mariner 4  effettuò la prima visita di successo al pianeta rosso, un volo ravvicinato avvenuto nel luglio 1965, abbiamo inviato una serie di missioni intorno e sulla superficie di Marte che ci hanno fornito ogni sorta di informazioni sul nostro vicino ma, nonostante tutto, non siamo ancora riusciti ad avere una risposta definitiva all’unica domanda che conta davvero.

Ma ci stiamo preparando a provare a dare una risposta definitiva a questa domanda, l’anno prossimo l’ESA lancerà una missione mirata proprio a scoprire la presenza della vita su Marte. Diamo un’occhiata alla tecnologia che potrebbe finalmente mettere un punto su questa questione.

L‘Analytical Laboratory Drawer, o ALD, una sofisticata scatola tre-in-uno di strumenti che esaminerà campioni di roccia per tentare di individuare le impronte chimiche rilasciate da metabolismo biologico. Nei giorni scorsi, questo delicato ed importante strumento è stato montato sul rover ExoMars “Rosalind Franklin”, uno spartano fuoristrada a sei ruote che lascerà le tracce delle sue ruote sulla pianura Oxia di Marte nel 2021.

Alla fine si tratta di un complesso robot dal peso di 300 kg, che è stato sviluppato congiuntamente dalle agenzie spaziali europea e russa. Sarà dotato di un trapano in grado di scavare fino a 2 metri sotto la superficie polverosa del pianeta. I materiali che verranno estratti dal trapano saranno raccolti e trasferiti all’interno dell’ALD, dove vari strumenti li polverizzeranno per poi esaminare le polveri divise in alcune piccole tazze per l’analisi.

Sarà un vero e proprio esame forense, che esaminerà tutti gli aspetti della composizione dei campioni.

Tutti i precedenti rover hanno sfiorato la grande domanda. In sostanza, hanno solo cercato di capire se le condizioni su Marte, oggi o in passato, siano o possano essere state favorevoli alla vita, se mai vi è esistita. Non erano effettivamente dotati degli strumenti necessari per rilevare veramente i biomarcatori.

Il rover Rosalind Franklin sarà diverso. Il suo ALD è stato costruito appositamente per cercare quelle molecole organiche complesse che hanno origine nei processi vitali.

Rocce stratificateNASA / JPL-CALTECH / MSSS – I rover americani hanno stabilito che Marte è stato certamente abitabile – ma era abitato?

L’ALD è per molti aspetti l’elemento chiave della missione di Rosalind Franklin. “È meraviglioso vedere ora installato il cuore del rover“, ha dichiarato Sue Horne, responsabile dell’esplorazione spaziale presso l’Agenzia spaziale del Regno Unito. “Il cassetto del laboratorio analitico è il luogo chiave per i test sui campioni marziani, permettendoci di capire la geologia e, potenzialmente, di identificare le firme della vita su Marte. Non vedo l’ora di vedere quali scoperte farà questo rover.”

Gli ingegneri della Airbus UK stanno lavorando su tre turni al giorno per terminare i lavori sul rover. Sebbene al momento non assomigli molto a un veicolo, praticamente tutti i componenti sono ora arrivati ​​alla fabbrica di Stevenage. Stanno appoggiati sugli scaffali intorno alla camera bianca, chiusi in borse, mentre aspettano il loro turno nella sequenza di assemblaggio.

Ci sono uno o due oggetti in sospeso, tuttavia, compresi gli “occhi” britannici del rover. Si tratta del sistema di telecamere, o PanCam, che verrà posizionato sopra al rover. “Abbiamo appena tenuto il comitato di revisione delle consegne e la PanCam dovrebbe essere consegnata nei prossimi giorni“, ha dichiarato Chris Draper, responsabile delle operazioni di volo di Airbus. “Sappiamo che tutto funzionerà in armonia, questa è la bellezza dell’ingegneria dei sistemi: ogni singola parte del rover è stata modellata in 3D e tutti lavorano per interfacciare i controlli.”.

Mariner 4 immagine di Marte
NASA – Mariner 4 ha portato le prime immagini in primo piano di Marte dopo un flyby nel 1965

Entro i primi di agosto il rover Rosalind Franklin dovrà essere finito. La sua prossima tappa sarà uno stabilimento della compagnia a Tolosa per una serie di test che garantiranno che il progetto sia abbastanza robusto per far fronte alle forti scosse che dovrà sperimentare durante il viaggio verso Marte.

Ulteriori verifiche di idoneità saranno poi effettuate in Francia prima della spedizione verso il sito di lancio presso il Cosmodromo di Baikonur in Kazakistan.

Il lancio dovrà avvenire entro luglio / agosto dell’anno prossimo. Questa data è imprescindibile: Si parte per Marte solo quando è allineato con la Terra, per cui la prossima occasione sarà non prima di altri 26 mesi.

Il nome del rover: chi era Rosalind Franklin?

Fonte: BBC