SpaceX considera di effettuare lanci senza distacco del primo stadio per il prototipo di Starship che verrà lanciato dal Pad 39A

0
1126
rendering starship prototipo

Mentre SpaceX continua a fare progressi costanti sul veicoli di prova, prototipo della Starship, costruito presso il suo impianto di lancio di Boca Chica, il CEO della società, Elon Musk, ha confermato che è stata avviata la costruzione di un secondo hopper prototipo della Starship in Florida. Secondo le previsioni, il prototipo della Starship basato in Florida sarà lanciato da una delle strutture di SpaceX basate su Cape Canaveral. Secondo il sito NASASpaceflight.com lo storico Complesso di lancio 39A presso il Kennedy Space Center è il più serio candidato ad ospitare i test del prototipo della Starship.

SpaceX spera di usare la nave spaziale Starship per riportare gli umani sulla luna ed avviare la colonizzazione di Marte. Mentre i piani per il veicolo sono in rapida evoluzione, secondo diverse fonti l’azienda spera di eseguire i test orbitali dei prototipi della Starship attraverso i lanci Single Stage to Orbit (SSTO).

Questi lanci vedranno un veicolo Starship sollevarsi da un complesso di lancio di SpaceX e entreranno in orbita senza la separazione del primo stadio. Durante le missioni operative, per lanciare la Starship verrà utilizzato un booster chiamato Super Heavy che, secondo quanto riferito dallo stesso Elon Musk su Twitter, offrirà prestazioni enormemente superiori aumentando notevolmente la capacità di carico del sistema di lancio.

I lavoratori di SpaceX costruiscono un prototipo di astronave a Boca Chica, in Texas. Credito: membro NSF BocaChicaGal

Detto questo, la nave spaziale Starship avrà motori abbastanza potenti da poter raggiungere l’orbita senza l’aiuto del lanciatore SuperHeavy. Pertanto, durante i voli di prova progettati per acquisire esperienza con regimi di volo critici come il rientro, SpaceX cercherà di eseguire i lanci di tipo SSTO. resta da dire che SpaceX non ha ancora iniziato a costruire le versioni di Starship destinate ai lanci orbitali di prova.

Qualche giorno fa, un membro del forum di NASASpaceflight.com ha individuato un prototipo di veicolo in costruzione presso la Coastal Steel, a Cocoa, in Florida. Musk ha successivamente confermato in un tweet che l’oggetto in costruzione è effettivamente uno dei prototipi dell’astronave.

Chris B – NSF@NASASpaceflight

The East Coast Starship being built in Florida.

Photo and info: threadhttps://forum.nasaspaceflight.com/index.php?topic=48158.0 

View image on Twitter

Elon Musk

@elonmusk

SpaceX is doing simultaneous competing builds of Starship in Boca Chica Texas & Cape Canaveral Florida

 

Coastal Steel è un costruttore di lunga data con esperienza di prototipi in campo aerospaziale, in passato ha svolto un ruolo importante nella costruzione del Mobile Launcher della NASA per il razzo SLS. Lo sviluppo della nave stellare presso la struttura comprende la costruzione di un prototipo orbitale – simile a un altro veicolo già in costruzione a Boca Chica, in Texas.

Musk ha spiegato nei successivi tweet che i team con sede in Texas e in Florida sono in competizione per capire chi è più efficace nella produzione della nave stellare.

Una volta completata la costruzione presso l’impianto della Coastal Steel, SpaceX dovrà trasportare il veicolo a Cape Canaveral per il lancio. Come avverrà il trasporto non è ancora noto. Se SpaceX scegliesse di trasportare il veicolo interamente su strada, dovranno essere percorse almeno 12-14 miglia di strade pubbliche per portare il veicolo sulla proprietà della NASA o della Air Force Station.

Il prototipo della nave stellare avrà un diametro di oltre 9 metri (supponendo che venga trasportato senza gambe di atterraggio), il che potrebbe limitare le potenziali rotte verso il sito di lancio.

Tuttavia, come visto con Space Shuttle Endeavour, è più che possibile trasportare un grande veicolo spaziale attraverso le strade della città se le opzioni sono limitate.

Lo Shuttle Endeavour attraversa le strade di Los Angeles verso il California Science Center. Credito: Sam Sun per NSF

Riguardo a quale struttura SpaceX utilizzerà per lanciare i prototipi di Starship dalla Florida, l’azienda ha esaminato le proprie strutture esistenti per verificare se una di esse potrebbe supportare i lanci di SSTO. Le strutture in esame hanno incluso le zone di atterraggio, SLC-40 e Pad 39A. Il sito di lancio SLC-40 del Falcon 9 sembra escluso per via della mancanza di spazio per l’espansione.

Inoltre, entrambe le zone di atterraggio sono necessarie per supportare il Falcon Heavy, e non c’è molto spazio aggiuntivo sul perimetro. Mentre le zone di atterraggio potrebbero ancora essere possibili ma non sono attualmente considerate candidati interessanti.

Il Pad 39A è ritenuto il favorito per supportare le prime missioni della nave stellare. Tuttavia, è importante notare che non sono state prese decisioni formali e che i piani potrebbero cambiare in qualsiasi momento. I complessi di lancio del Kennedy Space Center – Pad 39A e Pad 39B – sono molto grandi, in quanto sono stati costruiti per il programma Apollo e dispongono quindi di spazio aggiuntivo che può essere potenzialmente utilizzato per realizzare piattaforme di lancio aggiuntive.

Ad esempio, la NASA ha esaminato la possibilità di aggiungere un pad aggiuntivo per piccoli lanciatori per satelliti,  denominato Pad 39C, all’interno del perimetro del Pad 39B.

Una proposta per la Starship prevede l’aggiunta di una seconda piattaforma di lancio al Pad 39A lungo la rampa esistente fino alla piattaforma di lancio attualmente utilizzata dal Falcon 9 e dal Falcon Heavy.

Tale progetto consentirebbe alla Starship di usufruire dell’infrastruttura già esistente sul pad, compreso l’Horizontal Integration Facility (HIF) che è stato costruito per il Falcon 9 ed il Falcon Heavy.

Un rendering concettuale di un possibile pad per la starship nel pad 39A – Jay DeShetler per NSF / L2

L’artista grafico di NASASpaceflight.com, Jay DeShelter, ha creato un rendering di un potenziale concetto per una piattaforma di lancio per la Starship al Pad 39A. Mentre i dettagli dei piani sono attualmente limitati (e fortemente soggetti a modifiche), si capisce che il posizionamento approssimativo dell’innesto di lancio aggiuntivo è in linea con almeno una proposta.

Fortunatamente, c’è molto spazio nel pad per installare questo tipo di hardware, inclusa l’area che un tempo era stata usata per immagazzinare l’idrogeno per l’era dello Space Shuttle.

Sul lato Boca Chica, i progetti per la piattaforma di lancio saranno più semplici. La società possiede già un sito di lancio che originariamente doveva essere utilizzato per supportare il Falcon 9 ed il Falcon Heavy. I piani per i Falcon non si sono mai materializzati e quindi la società ha costruito un impianto di lancio per la nave spaziale.

La struttura di Boca Chica ha già supportato due test di accensione statica di un prototipo di tramoggia Starship utilizzando un singolo motore Raptor. Le squadre ora stanno andando avanti con una campagna di test che dovrebbe culminare in un salto di 20 metri nelle prossime settimane. Per preparare il salto, l’hopper ha ricevuto numerose modifiche nell’ultimo mese, compresa l’aggiunta di propulsori di controllo dell’altitudine, che sembrano identici a quelli utilizzati sul Falcon 9. Questi propulsori aiuteranno ad orientare il veicolo durante volo.

Successivamente, i voli continueranno ad altitudini sempre più alte fino a quando un prototipo Starship non sarà finalmente lanciato in orbita.

Se SpaceX riesce a eseguire un lancio di successo con StarsTO di SSTO, sarà la prima volta che un missile verrà lanciato dalla Terra in orbita senza separare le fasi. In passato ci sono stati molti tentativi di farlo, ad esempio il Delta Clipper ed il Lockheed Martin X-33. Tuttavia, questi programmi sono stati cancellati prima di raggiungere l’orbita.