Ultima Thule: individuate acqua e molecole organiche sull’oggetto più lontano mai visitato da una sonda umana

0
1675
Ultima Thule

La NASA ha trovato le prove della presenza di una miscela unica di metanolo, acqua ghiacciata e molecole organiche sulla superficie di Ultima Thule, il mondo più lontano mai esplorato dall’umanità. L’agenzia spaziale statunitense ha pubblicato il primo profilo di Ultima Thule, una vera e propria reliquia dell’era della formazione dei pianeti, rivelando dettagli sull’oggetto spaziale.

Analizzando solo le prime serie di dati raccolti durante il sorvolo avvenuto a capodanno del 2019 da parte della sonda New Horizons dell’oggetto MU69 della fascia di Kuiper, soprannominato Ultima Thule, si sono potute ottenere interessanti informazioni sullo sviluppo, la geologia e la composizione dell’oggetto.

I ricercatori stanno ora studiando una serie di caratteristiche della superficie su Ultima Thule, come punti luminosi e macchie, rilievi, depressioni, crateri e pozzi.

Ricercatori della NASA hanno trovato tracce di acqua, sostanze organiche sull'oggetto Ultima Thule della fascia di Kuiper

Un concept d’artista dell’incontro ravvicinato tra New Horizons e l’Ultima Thule. Immagine: NASA

La depressione più grande è un’area di otto chilometri, soprannominato cratere Maryland, probabilmente formata da un impatto. Alcune buche più piccole, tuttavia, possono essere state create da materiale precipitato in spazi vuoti sotterranei o a causa di ghiacci esotici sublimati dallo stato solido a gas, lasciando fosse vuote al loro posto.
Per colori e composizione, Ultima Thule ricorda molti altri oggetti trovati nella sua area della fascia di Kuiper. Si ritiene che la sua tonalità rossastra sia causata dai materiali organici presenti sulla sua superficie.

Secondo la ricerca, pubblicata sulla rivista Science, il team ha trovato prove della presenza di metanolo, acqua ghiacciata e molecole organiche sulla superficie di Ultima Thule, una miscela molto diversa da quella individuata nella maggior parte degli oggetti ghiacciati esplorati in precedenza dalle sonde spaziali.

Stiamo esaminando resti ben conservati di un passato estremamente remoto“, ha dichiarato Alan Stern del Southwest Research Institute di Boulder, in Colorado. “Non c’è dubbio che le scoperte fatte su Ultima Thule stanno aiutandoci a migliorare le teorie sulla formazione del sistema solare“, ha dichiarato Stern, Principal Investigator della missione New Horizons.

La prima immagine a colori di Ultima Thule, scattata a una distanza di 85.000 miglia (137.000 chilometri) alle 4.08 Universal Time del 1 ° gennaio 2019, evidenzia la sua superficie rossastra. A sinistra è un'immagine a colori migliorata ripresa dalla MVIC (Multispectral Visible Imaging Camera), prodotta combinando i canali del vicino infrarosso, rosso e blu. L'immagine al centro del LORRI (Long-Range Reconnaissance Imager) ha una risoluzione spaziale maggiore rispetto a MVIC di circa un fattore cinque. A destra, il colore è stato sovrapposto all'immagine LORRI per mostrare l'uniformità del colore dei lobi Ultima e Thule. Notare la riduzione della colorazione rossa sul collo dell'oggetto. Imahe: NASA JHUL

La prima immagine a colori di Ultima Thule, presa a una distanza di 85.000 miglia (1,37.000 chilometri) il 1° gennaio 2019, evidenzia la sua superficie rossastra. Immagine: NASA JHUL

Ultima Thule è un oggetto binario, con due lobi di forma distintamente diversa, ha detto la NASA. Con una lunghezza di circa 36 chilometri, Ultima Thule è costituito da un grande lobo stranamente piatto soprannominato “Ultima“, collegato a un lobo più piccolo, un po’ più rotondo soprannominato “Thule”.

Il modo in cui i due lobi hanno ottenuto la loro forma insolita è un mistero imprevisto che probabilmente si riferisce a come si sono formati miliardi di anni fa, ha fatto sapere la NASA attraverso un comunicato. I due lobi, probabilmente, orbitavano l’uno intorno all’altro fino al momento in cui alcuni processi li hanno riuniti in quella che gli scienziati hanno dimostrato essere una fusione “gentile“.

Perché ciò accada, gran parte dello slancio orbitale del sistema binario deve essersi disperso per permettere ai due oggetti di unirsi dolcemente ma gli scienziati non sanno ancora se ciò è dovuto alle forze aerodinamiche del gas nell’antica nebulosa solare, o se Ultima e Thule hanno espulso altri lobi che si erano formati con loro per dissipare energia e ridurre la loro orbita. L’allineamento degli assi di Ultima e Thule indica che prima della fusione i due lobi dovevano essere molto vicini, il che significava che gli stessi lati si trovavano sempre l’uno di fronte all’altro mentre orbitavano attorno allo stesso punto.

La trasmissione dei dati ottenuti dal flyby da parte di New Horizons continua e continuerà fino alla fine dell’estate 2020. Nel frattempo, New Horizons continua a eseguire nuove osservazioni di ulteriori oggetti della fascia di Kuiper che sfiora nella sua rotta.

La navicella spaziale New Horizons è ora a 6,6 miliardi di chilometri dalla Terra, funziona normalmente e sta penetrando sempre più a fondo nella fascia di Kuiper, alla velocità di circa 53.000 chilometri all’ora.