Perché il Pentagono è di nuovo interessato agli UFO?

0
654
avvistamento ufo aerei militari

di Iain Boyd, professore di ingegneria aerospaziale, Università del Michigan

I piloti ed i marinai della marina statunitense non saranno considerati pazzi per aver segnalato oggetti volanti non identificati, in base a nuove regole intese a incoraggiarli a tenere traccia di ciò che vedono. Eppure, solo pochi anni fa, il Pentagono avrebbe chiuso un altro programma ufficiale che indagava sugli avvistamenti UFO. Cosa è cambiato? I militari statunitensi stanno finalmente arrivando all’idea che le astronavi aliene stiano visitando il nostro pianeta?

La risposta a questa domanda è quasi certamente no. L’interpretazione errata degli umani delle osservazioni dei fenomeni naturali è antica quanto il tempo e include esempi come i lamantini che vengono visti come sirene e tronchi che galleggiano in un lago scozzese interpretati come l’immagine di un mostro.

Un esempio più recente e rilevante è la strana struttura luminescente nel cielo causata dal lancio di un razzo SpaceX. In questi tipi di casi, si verificano interpretazioni errate perché le persone hanno informazioni incomplete o fraintendono ciò che stanno vedendo.

Sulla base della mia precedente esperienza come consulente scientifico dell’Air Force, credo che il Pentagono voglia evitare questo tipo di confusione, quindi ha bisogno di capire meglio gli oggetti volanti che al momento non è in grado di identificare. Durante una missione militare, in pace o in guerra, se un pilota o un soldato non è in grado di identificare un oggetto, sorge un problema serio: come dovrebbero reagire, senza sapere se è neutrale, amichevole o minaccioso? Fortunatamente, i militari possono usare tecnologie avanzate per cercare di identificare cose strane nel cielo.

Consapevolezza situazionale” è il termine militare per avere una completa comprensione dell’ambiente in cui stai operando. Un UFO rappresenta una lacuna nella consapevolezza situazionale. Al momento, quando un pilota della Marina vede qualcosa di strano durante il volo, quasi l’unica cosa che lui o lei può fare è chiedere ad altri piloti e al controllo del traffico aereo quello che hanno visto in quel luogo in quel momento. A livello globale, il numero di rapporti UFO in un anno ha raggiunto il picco di oltre 8.000. Non si sa quante di questi sono esperienze di militari.

Anche gli incidenti più documentati finiscono irrisolti, nonostante le interviste di decine di testimoni e l’analisi o la revisione di molti documenti scritti, oltre a molte registrazioni audio e video.

Gli UFO rappresentano un’opportunità per l’esercito per migliorare i propri processi di identificazione. Almeno parte di questo lavoro potrebbe essere fatto in futuro da sistemi automatici e potenzialmente in tempo reale mentre si verifica un incidente. I veicoli militari – Humvee, corazzate, aeroplani e satelliti allo stesso modo – sono coperti da sensori. Non sono solo dispositivi passivi come ricevitori radio, videocamere e imager a infrarossi, ma sistemi attivi come radar, sonar e lidar. Inoltre, un veicolo militare raramente è solo: i veicoli viaggiano in convogli, navigano in flotte e volano in formazioni. Sopra di loro vi sono i satelliti che controllano dall’alto.

Disegnare un’immagine completa

I sensori possono fornire una grande quantità di informazioni sugli UFO compresi gamma, velocità, direzione, forma, dimensioni e temperatura. Nonostante così tanti sensori e tanti dati, resta però una sfida unire le informazioni in qualcosa di utile. Tuttavia, l’esercito sta intensificando il suo lavoro sull’autonomia e l’intelligenza artificiale per l’interpretazione dei dati

Un possibile utilizzo di queste nuove tecnologie potrebbe essere quello di combinarle per analizzare tutte le numerose informazioni provenienti dai sensori, separando eventuali osservazioni che non è in grado di identificare. In questi casi, il sistema potrebbe persino assegnare sensori sui veicoli vicini o i satelliti in orbita per raccogliere informazioni aggiuntive in tempo reale. Quindi potrebbe assemblare un’immagine ancora più completa.

Per il momento, però, resta agli analisti umani il compito di valutare che cosa rivelano tutti i dati. Un famoso esperimento dei tecnici di Google, un algoritmo avanzato di riconoscimento delle immagini basato sull’intelligenza artificiale è stato ingannato nell’identificare erroneamente la foto di un panda, visto dal software come un gibbone, semplicemente distorcendo un piccolo numero di pixel originali.

Quindi, finché gli umani non capiranno meglio gli UFO, non saremo in grado di insegnare ai computer ad identificarli. A mio avviso, il nuovo approccio della Marina alla segnalazione di avvistamenti UFO è un buon primo passo. Ciò potrebbe alla fine portare a un approccio completo e completamente integrato per l’identificazione degli oggetti che implichi la fusione di dati provenienti da molti sensori attraverso l’applicazione dell’intelligenza artificiale

Solo allora ci saranno sempre meno UFO nel cielo, perché non saranno più identificati come tali.

 

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi l’articolo originale .