Perché l’arma cinese delle “Terre Rare” è una spada spuntata

0
790
miniere di terre rare

Non molto tempo fa, L’industria tecnologica degli Stati Uniti entrò nel panico. La Cina aveva raggiunto un punto in cui controllava il 97% di quegli elementi chiamati “terre rare” del mondo, cioè di quei minerali che hanno un ruolo cruciale nella produzione di prodotti high-tech. Avevano ragione di temere che Pechino potesse dare una stretta all’economia globale?

Per terre rare (REE) si intende un gruppo di 17 elementi metallici chimicamente simili nella tavola periodica, più l’ittrio e lo scandio. Nonostante il loro nome, le REE non sono rare. In realtà, sono piuttosto abbondanti nella crosta terrestre. Sono, però, necessari enormi sforzi e investimenti per estrarli, raffinarli ed elaborarli.

E l’industria ne è affamata. Sono le “vitamine della chimica“, afferma Daniel Cordier, specialista in materie prime minerali per terre rare presso l’US Geological Survey. “Aiutano ogni cosa a funzionare meglio e hanno delle caratteristiche uniche“, spiega, “in particolare in termini di magnetismo, resistenza alla temperatura e resistenza alla corrosione“.

In quanto tali, vengono utilizzate soprattutto per la realizzazione di high-tech (vedere la tabella seguente). Le REE sono, ovviamente, molto impiegate nei sistemi di difesa, tra cui: munizioni a guida di precisione, laser, sistemi di comunicazione, sistemi radar, avionica, apparecchiature per la visione notturna e satelliti. Ad esempio, gli attuatori a pinna utilizzati nelle munizioni a guida di precisione sono progettati specificamente attorno alle capacità dei magneti al neodimio ferro di boro e terre rare.

Fino alla fine degli anni ’90, la maggior parte delle RRE venivano estratte dagli Stati Uniti. Ma le compagnie minerarie, di fronte all’aumento dei costi, iniziarono a ridimensionare e chiudere le operazioni di estrazione:

La Cina a quel punto avviò uno sforzo dedicato a colmare il vuoto lasciato dal declino della produzione statunitense. E, a causa di leggi ambientali e manodopera a basso costo, Pechino è riuscita a ridimensionare i costi per estrazione e lavorazione in un periodo di tempo relativamente breve. Nel 2009, i responsabili delle politiche statunitensi cominciarono a commissionare analisi sulle potenziali implicazioni per l’economia e la sicurezza nazionale.

Quindi, nel 2010 si è verificò un evento che confermò i peggiori timori.

Una superarma economica

Nel settembre 2010, durante una disputa sui confini marittimi, il Giappone arrestò il capitano di un peschereccio cinese, che si era scontrato con due navi della guardia costiera giapponese. La Cina rispose annunciando che avrebbe interrotto tutte le spedizioni di elementi di terre rare in Giappone. Il Giappone rilasciò immediatamente il capitano del peschereccio cinese. Il New York Times ha scrisse che si trattò di una “sconfitta umiliante” per Tokyo.

Questo dimostrò che la Cina godeva di un enorme potere derivante dal controllo quasi totale di una risorsa importante, la versione del 21° secolo dell ‘”arma petrolifera” che i paesi arabi avevano schierato durante l’embargo dell’OPEC del 1973.

L’economista Paul Krugman scrisse sul New York Times :

Devi davvero chiedermi perché nessuno abbia lanciato un allarme mentre questo stava accadendo, se non altro per motivi di sicurezza nazionale. Ma i responsabili delle politiche si sono limitati a fermare l’industria delle terre rare negli Stati Uniti… Il risultato è stato il regalare una posizione di monopolio in grado di superare i sogni più selvaggi dei tiranni del Medio Oriente alimentati dal petrolio.

Accoppia la storia della terra rara con il comportamento della Cina su altri fronti: i sussidi statali che aiutano le imprese a ottenere contratti chiave, la pressione sulle compagnie straniere per spostare la produzione in Cina e, soprattutto, quella sui tassi di cambio – e quello che hai è un ritratto di una superpotenza economica canaglia, non disposta a giocare secondo le regole. E la domanda è ciò che il resto di noi sta per fare al riguardo.

Il Congresso ha convocò un’audizione speciale – “Il monopolio della Cina sulle terre rare: implicazioni per la politica estera e di sicurezza degli Stati Uniti” – dove il rappresentante Donald Manzullo (R-IL) dichiarò:

Le azioni della Cina contro il Giappone hanno sostanzialmente trasformato il mercato delle terre rare in peggio: di conseguenza, i produttori non possono più aspettarsi una fornitura costante di questi elementi e l’incertezza dei prezzi creata da questa azione minaccia decine di migliaia di posti di lavoro americani“.

E, secondo il Rep. Brad Sherman (D-CA), “il controllo cinese sugli elementi delle terre rare dà loro un’altra argomentazione sul perché dovremmo inchinarci alla Cina“.

Nel frattempo, un rapporto pubblicato dal Government Accountability Office avvertì che “la ricostruzione di una catena di approvvigionamento di terre rare negli Stati Uniti può richiedere fino a 15 anni“.

Quattro anni dopo, l’arma cinese costituita dalle terre rare si rivelò un disastro.

Il mercato colpisce ancora

Cosa accadde?Perché la Cina ha improvvisamente perso il suo status di Master of the Earth’s Crust, pronta a ricattare l’economia mondiale?

Bene, per cominciare, potrebbe non esserci stata affatto una crisi.

Eugene Gholz, professore di affari pubblici presso l’UT-Austin che fornisce consulenza al Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti sugli elementi delle terre rare, ha recentemente pubblicato uno studio che illustra le varie ragioni del rapido cambiamento degli eventi. Vale la pena leggerlo per intero, ma ecco i punti salienti:

L’embargo che non c’era: quello che dice il governo cinese e quello che fanno le compagnie cinesi sono spesso due cose diverse. I produttori cinesi hanno trovato varie scappatoie per eludere l’embargo sul Giappone. Ad esempio, sono stati in grado di esportare le REE combinate con piccole quantità di altre leghe. E il contrabbando in Cina è dilagante, con piccole compagnie minerarie, a volte assistite da reti criminali, che esportano illegalmente da 20.000 a 30.000 tonnellate di REE all’anno. Il governo centrale di Pechino, afflitto da altre questioni urgenti, non ha compiuto uno sforzo concertato per reprimere questo problema.

Aggiungiamo che, in effetti, sono richieste solo piccole quantità di REE per i prodotti di consumo, all’incirca un chilogrammo di neodimio per ogni Toyota Prius e qualche grammo in ogni cellulare. Ci vorrebbe molto tempo prima che si consumino tutte le scorte e un embargo abbia un effetto, specialmente quando una quantità considerevole di terre rare viene ancora esportata per vie non ufficiali.

Il Giappone non dovette affrontare una crisi delle REE quando la Cina annunciò il suo embargo. Non è ancora chiaro il motivo per cui Tokyo si piegò così rapidamente alle richieste di Pechino e rilasciò il capitano del peschereccio. Ma, nonostante questo cosiddetto “ritiro umiliante“, il Giappone non fece concessioni sulle sue rivendicazioni territoriali e ha continuato a pattugliare le acque contese. Nel senso più ampio, la minaccia cinese non ha portato a nulla.

Distruzione della domanda : le preoccupazioni sull’affidabilità delle forniture delle REE hanno spinto le innovazioni del settore privato che stanno riducendo la domanda:

Aziende come Hitachi Metals [e la sua filiale in North Carolina] che producono magneti di terre rare hanno trovato modi per realizzare magneti equivalenti usando quantità minori di terre rare nelle leghe… La divisione Magnequench di Molycorp produce anche un magnete privo di disprosio che funziona a livelli relativamente alti temperature.

Nel frattempo, alcune aziende hanno ricordato che non avevano bisogno delle alte prestazioni dei magneti di terre rare; li stavano semplicemente usando perché, almeno fino all’episodio del 2010, erano relativamente economici e convenienti.

Nuovi fornitori: il mercato delle terre rare è riuscito ad attrarre molti interessi al di fuori della Cina prima dell’incidente del 2010. Motivati ​​dagli aumenti attesi della domanda, gli investitori negli Stati Uniti, in Giappone e in Australia stavano già aprendo miniere di terre rare e costruendo nuove capacità di lavorazione, mentre altri investitori hanno ricominciato a sfruttare le miniere già aperte in tutto il mondo in posti come il Canada, il Sudafrica e il Kazakistan. Importanti investimenti effettuati dalla Lynas Corporation in Australia e Malesia hanno iniziato a consegnare terre rare non cinesi ai mercati dallo scorso anno.

Quando i prezzi delle terre rare sono aumentati nel 2010, centinaia di aziende in tutto il mondo hanno iniziato a raccogliere fondi per nuovi progetti minerari. La Rhodia Company, da tempo un importante importatore di terre rare in Europa, ha incrementato la capacità del suo impianto già esistente e ha accelerato i piani per riciclare terre rare, creando efficacemente una nuova fonte di approvvigionamento per il mercato globale. Anche se i produttori cinesi continueranno a contribuire alla maggior parte degli elementi delle terre rare, la concorrenza dal resto del mondo ridurrà il potere di determinazione dei prezzi in Cina.

La percentuale del consumo totale americano utilizzato nei prodotti per la difesa varia da elemento a elemento, ma per la maggior parte delle terre rare, le stime riportano il numero ben al di sotto del 10 per cento della domanda statunitense, una quantità che può probabilmente essere acquisita attraverso vari metodi di elusione di un embargo.

Forse ancora più importante, il mercato della difesa può probabilmente accettare alcuni ritardi nella consegna di componenti di terre rare…. Molti produttori e alcuni broker hanno a disposizione abbastanza scorte da poter fungere da ammortizzatori parziali.

in questo momento, la Cina produce ancora almeno il 70% degli elementi di terre rare del mondo. Ma la sua quota di mercato sembra destinata a diminuire ulteriormente e, cosa più importante, il tentativo di Pechino di utilizzare la sua offerta di REE come arma politica o economica si è dimostrato inefficace.

Come ci ricorda Gholz, il panico del 2010 è stato solo l’ultimo di una serie di crisi esagerate sulle risorse naturali. Prima che gli elementi delle terre rare dominassero i titoli dei giornali, gli Stati Uniti si preoccupavano delle importazioni di titanio dalla Russia.

Il panico da REE è stato un caso istruttivo, sostiene. La lezione è che i responsabili politici non devono soccombere alla pressione e agire troppo impulsivamente o troppo estensivamente di fronte alle minacce alle materie prime. Non tutte queste minacce sono come quelle poste dal precedente storico che viene normalmente invocato: la crisi petrolifera del 1973. L’embargo dell’OPEC portò a prezzi più alti perché non emersero nuove fonti di approvvigionamento per indebolire il dominio dell’OPEC per quasi quarant’anni. “Ma il petrolio è stato per anni un’eccezione“, dice Gholz. “Temere che le terre rare possano essere per l’economia la stessa cosa che fu il petrolio è una paura largamente sovrastimata”