Un gruppo di ricercatori afferma di aver scoperto una forma di calcolo completamente nuova

0
401
un nuovo sistema di calcolo

Il nuovo metodo di calcolo viene descritto in un articolo pubblicato sulla rivista Nature e sarebbe stato sviluppato da un gruppo di ricercatori guidati dal professore associato di chimica e biologia chimica Kalaichelvi Saravanamuttu. Il metodo utilizza un materiale polimerico morbido che si trasforma da liquido a gel in reazione alla luce. Gli scienziati si riferiscono a questo polimero come ad un “materiale stimolante di prossima generazione che può calcolare” da solo.

Per farlo funzionare, i ricercatori fanno attraversare da una stringa binaria di luce bianca attraverso il cubo contenente l’operazione che vogliono risolvere. Le proprietà interne dei materiali trasformano quindi l’ingresso del fascio in uno, due o tre gruppi di filamenti a luce bianca che si auto-organizzano in geometrie tridimensionali periodiche che sono il risultato dell’operazione, che vengono lette da un sensore della fotocamera.

In che modo questi materiali si auto-organizzano? Immagino che la risposta debba essere magica o, come spiegano nel loro articolo, la natura intrinseca di questi nuovi polimeri. Secondo gli scienziati, questi film sottili di polimero tenero, colloidi, fluidi, gel e solidi aprono un percorso a incredibili applicazioni che vanno dal rilevamento autonomo, a bassa potenza di rilevamento autonomo – compresi tattili e visivi – ai sistemi di intelligenza artificiale.

Quando stimolati da segnali elettromagnetici, elettrici, chimici o meccanici, queste architetture di polimeri plastici si spostano tra stati mostrando evidenti cambiamenti nelle proprietà fisiche o chimiche che possono essere sfruttate per il biosensing, il rilascio controllato del farmaco, gli intervalli di banda fotonica sintonizzanti, la bagnabilità e il gonfiore superficiale,” hanno scritto i ricercatori.

Allora, qual è il punto di tutto questo?

L’obiettivo ultimo di questo campo è la biomimetica della reattività intelligente come la tattilità, la visione, il camuffamento, la contrattilità e il volo in cui i complessi sensori naturali come pelle, occhi e muscoli si adattano senza soluzione di continuità agli stimoli ambientali attraverso sequenze di risposta squisitamente programmate“.

Gli scienziati sottolineano che non stanno cercando di competere con le attuali soluzioni di calcolo basate sul silicio, ma stanno cercando di aumentare la complessità delle operazioni che possono eseguire. Parlando con Eurekalert, la coautrice dell’articolo Fariha Mahmood ha detto che stanno “cercando di costruire materiali in grado di dare risposte più intelligenti e sofisticate“.

Secondo Saravanamuttu, “siamo molto entusiasti di poter svolgere addizioni e sottrazioni in questo modo, e stiamo pensando a modi per svolgere altre funzioni computazionali.