Potrebbe essere stata l’esplosione di una supernova a spingere i primi ominidi ad assumere l’andatura bipede

0
1178
andatura bipede degli ominidi

Secondo quanto afferma un nuovo studio pubblicato sul Journal of Geology è possibile che sia stata l’esplosione di una supernova, avvenuta circa 2,6 milioni di anni fa, ad aver spinto gli antichi esseri umani ad assumere l’andatura bipede. Le particelle cosmiche emesse da questa supernova hanno bombardato la superficie terrestre a livelli così elevati da provocare incendi boschivi a livello globale, secondo quanto scrivono i ricercatori dell’Università del Kansas.

Ciò avrebbe portato alla formazione di vaste distese di savane in luoghi che in precedenza erano ricoperti di foreste. I primi ominidi comparsi nel nordest dell’Africa furono costretti ad imparare a camminare su due gambe per potersi orientare guardando da una posizione più alta per poter attraversare queste vaste aree.

La teoria è stata elaborata da un team guidato dal fisico Professor Adrian Melott nel tentativo di unire diversi filoni di ricerca. “Si pensa che ci fosse già una certa tendenza per gli ominidi a camminare su due gambe, anche prima di questo evento ma sappiamo che si erano adattati principalmente per arrampicarsi sugli alberi“, ha spiegato. “Non avendo più molti alberi a disposizione dovettero adattarsi a spostarsi nell’erba alta della savana per passare da un albero all’altro. Questo adattamento permise loro di poter guardare oltre le cime dell’erba sia per mantenere la direzione che per vedere da lontano l’arrivo dei predatori.”

Il professor Melott è arrivato a formulare questa ipotesi dopo una ricerca sulle sulle supernove storiche e sugli indizi sull’impatto che ebbero sulla Terra. Antichi giacimenti marini di isotopi di ferro-60, una forma radioattiva di ferro, hanno fornito un indizio cruciale. Secondo il professor Melott, questi elementi potrebbero essere arrivati ​​sulla Terra da una supernova esplosa a 163 anni luce durante il passaggio dall’Epoca Pliocenica all’Era Glaciale.

Abbiamo calcolato che la ionizzazione dell’atmosfera provocata dai raggi cosmici prodotti da sulla base dei depositi di ferro-60“, ha affermato. “Secondo noi, un simile evento avrebbe aumentato la ionizzazione dell’atmosfera inferiore di 50 volte. Di solito, non si ottiene una ionizzazione della bassa atmosfera perché i raggi cosmici non penetrano così in profondità, ma quelli più energici delle supernove arrivano direttamente sulla superficie, quindi ci sarebbero stati un bel po’ di elettroni espulsi dall’atmosfera.

Il team del professor Melott suggerisce nell’articolo che questa maggiore ionizzazione della bassa atmosfera avrebbe favorito la formazione di moltissimi fulmini che, abbattendosi sugli alberi avrebbero portato ad incendi diffusi. Melott è convinto che la sua teoria sia supportata dalla scoperta di depositi di carbonio nel suolo risalenti all’incirca nello stesso momento in cui è avvenuto il bombardamento di raggi cosmici.

Sappiamo che nel mondo c’è stato un aumento di carbone e fuliggine a partire da qualche milione di anni fa. È dappertutto, e nessuno ha alcuna spiegazione del perché sia presente in tutto il mondo in zone climatiche differenti. Questa potrebbe essere una spiegazione“, ha detto.  “Si ritiene che l’aumento degli incendi abbia stimolato la transizione dal bosco alla savana in molti luoghi. Dove prima c’erano solo foreste, queste sono state sostituite da ampie savane con qualche arbusto qua e là“.

Secondo Melott, anche se le cose fossero andate come lui pensa, non c’è alcun pericolo che possa ripetersi un simile evento nei prossimi milioni d’anni. La stella più vicina prossima ad esplodere e trasformarsi in una supernova è Betelgeuse, che dista 652 anni luce dalla Terra, troppo lontana per avere effetti apprezzabili dalle nostre parti.