Insetti commestibili? Carne coltivata in laboratorio? Il vero cibo del futuro è la carne di insetto cresciuta in laboratorio

0
130
tessuto d'insetto coltivato per sembrare carne

L’allevamento intensivo del bestiame sta contribuendo a distruggere il nostro pianeta. È una delle principali cause del degrado di terra e acqua, perdita di biodiversità, piogge acide, degenerazione della barriera corallina, deforestazione e, naturalmente, cambiamenti climatici. Diete a base vegetale, allevamento di insetti, carne cresciuta in laboratorio e animali geneticamente modificati sono stati tutti proposti come potenziali soluzioni. Qual è il migliore?

Tutti questi elementi combinati, dicono i ricercatori della Tufts University.

Scrivendo su Frontiers in Sustainable Food Systems, spiegano perché gli insetti cresciuti in laboratorio, nutriti con le piante e geneticamente modificati per la massima crescita, nutrizione e sapore, potrebbero essere un’alternativa ecocompatibile per una produzione alimentare nutriente e ad alto volume.

Alternative alla produzione di carne convenzionale

A causa delle preoccupazioni ambientali, di salute pubblica e di benessere degli animali associate al nostro attuale sistema zootecnico, è vitale sviluppare metodi di produzione alimentare più sostenibili“, afferma l’autrice principale del lavoro Natalie Rubio.

Il bestiame geneticamente modificato, ad esempio che produce meno metano o resiste alle malattie, può fare ben poco per alleviare problemi come il degrado di terra e acqua, la deforestazione e la perdita di biodiversità.

Ma per gli amanti della carne, i sostituti a base di soia o di funghi non sono adeguati, inoltre alcune piante sono assetate come il bestiame.

L’agricoltura degli insetti ha un fabbisogno di acqua e di spazio molto più basso, rispetto all’allevamento delle mucche ma per i consumatori è molto difficile abituarsi all’idea di nutrirsi di grilli o di vermi.

Dalla carne coltivata in laboratorio si potrebbe ottenere un buon risparmio di spazio e di acqua senza compromettere il gusto. Tuttavia, Coltivare carne di manzo, maiale o cellule di pollo potrebbe richiedere ancora più energia e risorse rispetto all’allevamento intensivo.

Carne di insetto cresciuta in laboratorio

Una soluzione migliore, sostiene la Rubio, potrebbe trovarsi nel fondere tutte queste opzioni: carne di insetto cresciuta in laboratorio, nutrita con piante e geneticamente modificata per la massima crescita, nutrizione e sapore. “Rispetto alle colture di mammiferi, aviari e altre cellule di vertebrati, le colture di cellule di insetto richiedono meno risorse e un controllo ambientale a minor consumo energetico, poiché hanno minori richieste di glucosio e possono prosperare in una gamma più ampia di condizioni di temperatura, pH, ossigeno e osmolarità” segnala Rubio.

“inoltre, le alterazioni genetiche necessarie per la produzione su larga scala sono più semplici da raggiungere con le cellule di insetto che sono attualmente utilizzate per la produzione di insetticidi, farmaci e vaccini“. La ricerca di queste applicazioni ha già portato a terreni di crescita poco costosi e privi di animali per le cellule di insetto – comprese le formule a base di soia e lievito – nonché alla “cultura delle sospensioni” di successo.

Nella maggior parte dei sistemi di coltura di cellule muscolari di mammiferi, le cellule devono essere fissate in un singolo strato su una superficie di crescita, che è complessa da scalare per la produzione di cibo di massa. sospensione dei terreni di crescita per consentire la generazione di celle ad alta densità a costi contenuti “, spiega Rubio.

La tecnologia sviluppata per stimolare il movimento del tessuto insetto per la bio-robotica potrebbe essere applicata anche alla produzione di cibo, poiché potrebbe essere necessaria una contrazione regolare per i muscoli degli insetti coltivati ​​per sviluppare una consistenza “carnosa“. Un metodo particolarmente efficiente è l’ingegneria optogenetica, in cui le cellule sono costrette a contrarsi in risposta alla luce introducendo un nuovo gene. Questo sarebbe un altro vantaggio dell’utilizzo di cellule di insetti, queste, infatti, accettano più facilmente le modificazioni genetiche di quelle di altre cellule animali.

Come sarà il sapore?

Quindi, la produzione alimentare futura potrebbe essere uno spettacolo da vedere: reparti silenziosi di muscoli di insetti che si flettono al ritmo dei laser in vaste pozze di succo di soia. Ma come sarà il sapore?

La risposta breve, dice Rubio, è che nessuno lo sa.

Nonostante questo immenso potenziale, la carne di insetto coltivata non è pronta per il consumo. La ricerca sta tentando di padroneggiare due processi chiave: controllare lo sviluppo delle cellule di insetti in muscoli e grassi e combinarli in colture 3D con una texture simile a quella della carne. Quest’ultima viene realizzata con spugne fatte con il chitosano, una fibra derivata dai funghi che è presente anche nell’esoscheletro degli invertebrati, sembra essere un’opzione promettente.”

Alla fine, la labricultura degli insetti potrebbe rivelarsi capace di darci alcuni dei sapori più familiari.

I progressi nella coltura di cellule di insetto e l’ingegneria tissutale potranno potenzialmente essere tradotti nel sapore di aragoste, granchi e gamberetti, a causa della vicinanza evolutiva di insetti e crostacei“, suggerisce Rubio.

Fonte: Frontiers. Originale scritto da Matthew Prior. Nota: il contenuto può essere modificato per stile e lunghezza