La scienza ha definito i limiti della resistenza umana

Trovati i limiti del corpo umano sottoposto ad uno sforzo prolungato nel tempo

0
66
Limiti prestazionali e di resistenza del corpo umano

Gli scienziati non hanno solo dimostrato che esiste un limite alla resistenza umana, ma sono anche riusciti a definirla in numeri.

In un articolo pubblicato su BBC News viene descritto uno studio di alcuni scienziati effettuato su alcuni dei migliori atleti di sport estremi del mondo per determinare quali siano i limiti della resistenza umana. I risultati di questo studio sembrerebbero definire una volta per tutte fino a che punto possa spingersi il corpo umano.

La ricerca, condotta dagli scienziati della Duke University, ha esaminato un gruppo di atleti impegnati su un percorso di 22,659 chilometri effettuato per 140 giorni negli Stati Uniti e hanno osservato l’effetto che l’evento ha avuto sui loro corpi. Gli scienziati hanno misurato il tasso metabolico a riposo (RMR) o il numero di calorie bruciate dal corpo quando non è attivo, sia prima che durante la gara e hanno anche misurato il numero di calorie bruciate durante l’evento stesso.

Lo studio, pubblicato su Science Advances, ha rilevato che all’inizio il valore delle calorie bruciate era abbastanza alto, per poi cadere nel tempo e livellarsi a circa 2,5 volte l’RMR del concorrente.

Puoi fare cose davvero intense per un paio di giorni“, ha detto Herman Pontzer della Duke University a BBC News , “ma negli sforzi prolungati nel tempo la tua disponibilità energetica è limitata a quanto riesci a nutrirti.”

Ad esempio, correre una maratona, poco più di 42 chilometri, gli atleti hanno consumato 15,6 volte il numero di calorie bruciate durante nell’RMR, ma eventi di tale intensità, di solito, durano solo un giorno. Più lunga è la durata nel tempo dell’evento, più vicino al valore di 2,5 volte l’RMR è il consumo di calorie. Durante i 23 giorni del Tour de France, ad esempio, i ciclisti bruciano giornalmente calorie al ritmo di 4,9 volte il loro RMR, mentre un trekking di 95 giorni attraverso l’Antartide ha visto i partecipanti bruciare calorie a 3,5 volte il loro RMR.

Essenzialmente, più a lungo il corpo è chiamato a impegnarsi, più si avvicina ad un valore di consumo pari a 2,5 volte l’RMR.

Abbiamo  mappato la resistenza umana momento per momento“, ha detto Pontzer.Nessuno lo aveva mai fatto.”

Il limite di 2,5 volte l’RMR potrebbe essere correlato al modo in cui il corpo umano digerisce le sostanze nutritive e converte il cibo in energia. I ricercatori hanno scoperto che il corpo umano, semplicemente, non può digerire e processare abbastanza cibo per generare più di 2,5 volte l’RMR nell’assunzione calorica a lungo termine. Inizialmente, il corpo può approfittare di altri accumuli di energia, permettendo un iniziale sforzo maggiore che brucia calorie ad un tasso molto più alto ma, una volta bruciate le scorte di grasso e di muscoli in eccesso nel corpo, tutto ciò che rimane è l’apporto calorico, che è in definitiva il limite di ciò che il corpo umano può fare.

Fonte: BBC