Rilevata sotto il più grande cratere della luna una massa anomala

Potrebbe trattarsi del nucleo di ferro-nichel dell'asteroide che impattò il nostro satellite generando il grande cratere

0
140
misteriosa massa sotto un cratere lunare

Una grande massa di materiale dall’origine misteriosa è stata scoperta sotto il più grande cratere del nostro sistema solare, il bacino del Polo Sud della Luna – Aitken – e potrebbe contenere metallo proveniente da un asteroide che si schiantò sulla Luna e formò il cratere, secondo uno studio della Baylor University.

Immagina di prendere una catasta di metallo cinque volte più grande dell’isola maggiore delle Hawaii e seppellirla sottoterra, è all’incirca la dimensione della massa inattesa che abbiamo rilevato“, ha detto l’autore principale della ricerca Peter B. James, Ph.D., assistente professore di geofisica planetaria al Baylor’s College of Arts & Sciences. Il cratere stesso è di forma ovale, largo 2.000 chilometri e diverse miglia di profondità. Nonostante le sue dimensioni, non può essere visto dalla Terra perché si trova sul lato più lontano della Luna.

Lo studio – “Struttura profonda del bacino lunare del Polo Sud-Aitken” – è stato pubblicato sulla rivista Geophysical Research Letters.

Per misurare i sottili cambiamenti nella forza di gravità attorno alla Luna, i ricercatori hanno analizzato i dati provenienti dai veicoli spaziali utilizzati per la missione NASA Gravity Recovery and Interior Laboratory della NASA. “Quando abbiamo combinato questi dati con quelli della topografia lunare del Lunar Reconnaissance Orbiter, abbiamo scoperto l’inaspettata quantità di massa al di sotto del bacino del Polo Sud-Aitken“, ha detto James. “Una delle spiegazioni di questa massa extra potrebbe essere che il metallo dell’asteroide che ha formato il cratere sia ancora incorporato nel mantello della Luna“.

La densità della massa sotto il cratere – “qualunque cosa sia, dovunque provenga” – si spinge nel fondo del bacino per oltre mezzo miglio. Le simulazioni al computer dei grandi impatti di asteroidi suggeriscono che, nelle giuste condizioni, il nucleo di ferro-nichel di un asteroide può essere disperso nel mantello superiore (lo strato tra la crosta della Luna e il nucleo) durante un impatto.

Abbiamo fatto i calcoli e dimostrato che il nucleo dell’asteroide, se sufficientemente frammentato dall’impatto, potrebbe essere rimasto sospeso nel mantello della Luna fino ai giorni nostri, piuttosto che sprofondare verso centro della Luna“, ha spiegato James.

Un’altra possibilità è che questa grande massa possa derivare da una concentrazione di ossidi densi, associati all’ultimo stadio della solidificazione oceanica del magma lunare.

Secondo James, il bacino del Polo Sud-Aitken, che si pensa si sia formato circa 4 miliardi di anni fa, è il più grande cratere praticamente intatto nel sistema solare. Sicuramente in passato si sono verificati impatti anche più grandi in tutto il sistema solare, anche sulla Terra, la maggior parte dei quali, però, sono stati cancellati dal tempo e dall’erosione.

James ha definito il bacino “uno dei migliori laboratori naturali disponibili per studiare gli antichi impatti catastrofici, quegli eventi che hanno modellato tutti i pianeti rocciosi e le lune che vediamo oggi“.

Ulteriori informazioni: Peter B. James et al. Struttura profonda del bacino lunare del Polo Sud-Aitken, Geophysical Research Letters(2019). DOI: 10.1029 / 2019GL082252

Fonte: Phys.org