Le scimmie cappuccine brasiliane vivono “nell’età della pietra” da almeno 3000 anni

Durante tutto questo tempo le pietre che utilizzano come strumento per fracassare i gusci degli anacardi sono cambiati per forma e dimensioni

0
148
Scimmie nell'età della pietra

Nascosto in una remota valle del Parco Nazionale Serra da Capivara, in Brasile, un gruppo di scimmie cappuccine barbute usa pietre di quarzo tonde per spaccare anacardi su radici di alberi o altre rocce. Nell’area, gli archeologi hanno trovato strumenti scartati vecchi di almeno 3.000 anni.

Gli scimpanzé della Costa d’Avorio utilizzano strumenti di pietra come questi da oltre 4000 anni, quindi non siamo di fronte alla prima prova in assoluto dell’utilizzo di utensili da parte di creature non umane, ma c’è qualcosa di speciale in queste scimmie cappuccine (Sapajus libidinosus).

Per circa 450 generazioni, le scimmie che popolano questo sito sembrano aver adattato i loro strumenti alle nuove necessità. Un nuovo scavo archeologico ha raccolto 122 manufatti  realizzati in pietra dai cappuccini di varie dimensioni, e ciascuno è pensato per soddisfare una diversa durezza o tipo di cibo.

Gli autori affermano che è il primo esempio di variazione di strumenti a lungo termine mai scoperta al di fuori degli umani.

Ciò che è veramente interessante riguardo alla capacità di realizzare strumenti da parte di questi primati primati è proprio il fatto che noi come specie non siamo unici nell’avere una documentazione archeologica dettagliata dello sviluppo tecnologico“, ha detto al National Geographic il coautore dello studio, l’archeologo Tomos Proffitt.  .

Questo scavo relativo alle scimmie cappuccine mostra che questa specie di primati in Brasile ha una storia archeologica individuale, ha antichità e tradizioni per l’uso di strumenti“.

Le più antiche pietre per martellare trovate in questo sito sono relativamente piccole e leggere, anche se sono gravemente danneggiate su quasi tutte le superfici e non hanno tracce di residui di anacardi. Per questo, gli autori ipotizzano che questi strumenti fossero usati una tempo per alimenti più piccoli degli anacardi, più difficili da colpire con precisione, provocando perciò le scalfitture ed i graffi che si possono vedere sulle pietre.

Poi, circa 300 anni fa, qualcosa è cambiato. Da quel momento, le pietre usate dai cappuccini per martellare appaiono molto più grandi di quelle attualmente usate, il che suggerisce che le scimmie anche a quel tempo non si nutrivano di anacardi.

Accoppiato al fatto che le grandi incudini ed i frammenti di incudine costituiscono la maggior parte degli artefatti di questo livello, l’evidenza suggerisce che l’attività percussiva dei cappuccini nel sito durante questo periodo si è concentrata più sull’apertura di cibi più duri,suggeriscono gli autori.

È solo da un secolo a questa parte che le scimmie cappuccine sembrano essersi concentrate su strumenti adatti a rompere i duri gusci degli anacardi.

Da quanto trovato finora, gli autori non sono in grado di dire se la stessa popolazione di cappuccini è responsabile della storia di questo strumento dell’età della pietra, o se la documentazione archeologica appartiene a più popolazioni diverse che si sono insediate nella stessa area in momenti doversi.

Inoltre, non è chiaro il motivo per cui queste modifiche sono state apportate. Potrebbe essere che gli anacardi erano una volta meno comuni in questa regione, o gli strumenti più vecchi hanno semplicemente perso i loro residui di anacardio nel tempo?

Interpretare questi risultati è difficile, soprattutto perché le scimmie hanno da poco cambiato nuovamente le dimensioni delle pietre che utilizzano come martello. Senza più contesto, gli autori devono semplicemente concludere che, “i cappuccini hanno seguito per 3000 anni la stessa tecnica tradizionale per l’utilizzo di pietre utili a rompere oggetti duri, come i gusci degli anacardi ma che, forse, questa tecnologia è stata raffinata nel tempo per raggiungere scopi diversi“.

La ricerca è stata pubblicata su Nature Ecology & Evolution.