Ecco perché il filmato trasmesso in diretta dello sbarco sulla Luna sarebbe stato impossibile da truccare – video d’epoca

La tecnologia disponibile all'epoca, anche la più avanzata, non lo permetteva senza che fosse evidente il trucco

0
1276
il filmato dello sbarco sulla Luna non era falsificabile

Nonostante siano trascorsi esattamente 50 anni dallo sbarco sulla Luna che ha visto i primi uomini posare il piede sulla sua grigia superficie molte persone ancora non credono che le missioni Apollo siano realmente avvenute.

Le missioni Apollo risalenti a un periodo che va dal 69 al 72, almeno quelle che hanno permesso l’effettivo allunaggio, tranne la missione numero 13 che è comunque andata in parte a termine riportando sano e salvo l’equipaggio, vengono oggi più che mai additate come false, un complotto ordito dalla NASA e dal governo americano che avrebbe chiesto al grande regista Stanley Kubrick di realizzarle “in studio” simulando lo storico sbarco della missione Apollo 11 e le restanti missioni.

Torniamo indietro agli anni sessanta e vediamo se, con la tecnologia di allora sarebbe stato possibile realizzare un filmato del genere.

https://www.youtube.com/watch?v=3TVjukQyGv4

Howard Berry, regista e docente di post-produzione cinematografica, afferma con sicurezza che il filmato dello sbarco sulla Luna sarebbe stato impossibile da falsificare.
Ecco alcune delle credenze e domande più comuni spiegate dal regista:

Gli sbarchi sulla luna sono stati girati in uno studio televisivo

Esistono due tecniche per catturare immagini in movimento. La prima è in film, strisce di materiale fotografico su cui sono esposte una serie di immagini. La seconda è il video, che è un metodo elettronico di registrazione su vari mezzi, come lo spostamento del nastro magnetico. Con il video, si può trasmettere a un ricevitore televisivo. Una pellicola cinematografica standard registra le immagini a 24 fotogrammi al secondo, mentre le trasmissioni televisive sono in genere di 25 o 30 fotogrammi al secondo, questo dipende dalla nazione.

Se si mantiene l’idea che gli atterraggi sulla luna sono stati registrati in uno studio televisivo, allora ci aspetteremmo che siano video da 30 fotogrammi al secondo, che era lo standard televisivo in quel momento. Tuttavia, sappiamo che il video dal primo sbarco sulla luna è stato registrato a dieci fotogrammi al secondo in SSTV (televisione Slow Scan) con una speciale telecamera.

Hanno usato la fotocamera speciale in uno studio e poi hanno rallentato il filmato per far sembrare che ci fosse meno gravità

Alcuni possono pensare che, quando si guardano le persone che si muovono al rallentatore in un filmato, sembrano essere in un ambiente a bassa gravità. Il rallentamento del film richiede più fotogrammi del solito, quindi si inizia con una fotocamera in grado di catturare più fotogrammi in un secondo rispetto a una normalequesto è chiamato overcranking. Quando viene riprodotto al normale, questo filmato viene riprodotto più a lungo. Se non riesci a sorpassare la tua fotocamera, ma registri con una frequenza di fotogrammi normale, puoi invece rallentare artificialmente il filmato, ma hai bisogno di un modo per archiviare i fotogrammi e generare nuovi fotogrammi aggiuntivi per rallentarlo.

Al momento della trasmissione, nel 1969, la tecnologia dei registratori di dischi magnetici in grado di memorizzare filmati in slow motion permetteva di acquisire solo 30 secondi in totale, per una riproduzione di 90 secondi di video al rallentatore. Per catturare 143 minuti al rallentatore, è necessario registrare e memorizzare 47 minuti di live action, il che semplicemente all’epoca non era possibile.

Avrebbero potuto disporre di un registratore di archiviazione avanzato per creare filmati in slow motion. Tutti sanno che la NASA ottiene la tecnologia prima degli altri

Beh, forse avevano un registratore extra di memoria super segreto – ma uno quasi 3000 volte più avanzato? Pare improbabile, anche perché questa tecnologia ci ha messo poi parecchi anni per entrare in commercio.

Hanno girato il film e hanno rallentato il film. Puoi avere tutto il film che vuoi per fare questo. Poi hanno convertito il film da mostrare in TV

Finalmente un po ‘di logica! Peccato che girare su pellicola richiederebbe migliaia di metri di pellicola. Una tipica bobina di pellicola da 35 mm – a 24 fotogrammi al minuto secondo – dura 11 minuti ed è lunga 1.000 piedi .Se applichiamo questo film a 12 fotogrammi al secondo (il più vicino possibile a dieci con il film standard) per 143 minuti (la durata del filmato dell’Apollo 11), servirebbero sei rulli e mezzo.

Questi avrebbero quindi bisogno di essere uniti. La giuntura, il trasferimento di negativi e la stampa – e potenzialmente grani, granelli di polvere, peli o graffi – farebbero immediatamente il resto. Ma non ci sono questi artefatti, il che significa che non è stato girato su pellicola. Inoltre, gli sbarchi successivi dell’Apollo sono stati trasmessi a 30 fotogrammi al secondo, quindi falsificare quelli sarebbe tre volte più difficile..

L’illuminazione nel filmato viene chiaramente da un riflettore. Le ombre sembrano strane

Sì, è un riflettore – posto a 150 milioni di chilometri di distanza. Si chiama Sole.

Osservate le ombre nel filmato, se la fonte di luce fosse un riflettore nelle vicinanze, le ombre sarebbero originate da un punto centrale. Ma poiché la fonte è così lontana, le ombre sono parallele nella maggior parte dei posti piuttosto che divergere da un singolo punto.

Detto questo, il sole non è l’unica fonte di illuminazione: la luce viene riflessa anche dal terreno. Ciò può causare che alcune ombre non appaiano parallele. Significa anche che possiamo vedere oggetti che sono nell’ombra.

Beh, sappiamo tutti che lo sbarco è stato filmato da Stanley Kubrick

La NASA avrebbe certamente potuto chiedere a Stanley Kubrick di falsificare gli sbarchi sulla Luna. Ma dato che era un perfezionista, avrebbe insistito per girare i filmati sul posto. Ed è ben documentato che non gli piaceva volare.

Fonte: livescience.com

E, infine, eccolo il filmato originale, compreso di audio, dello sbarco dell’uomo sulla Luna. Se qu

alcuno preferisce credere sia un falso, si nega la più grande conquista dell’umanità