Perché non tutti i primati si sono evoluti in umani?

È una questione di adattamento all'ambiente

0
1391
Perché i bonobo non hanno avuto un arco evolutivo simile agli umani?

Mentre i nostri antenati stavano migrando in tutto il mondo, inventando agricoltura e sviluppando una civiltà che ha portato alcuni di noi fin sulla luna, gli scimpanzé, i nostri parenti più stretti, sono rimasti sugli alberi.

Secondo le ultime stime dei paleontologi gli scimpanzé moderni sono in circolazione da più tempo degli esseri umani moderni, meno di 1 milione di anni rispetto ai 300.000 per dell’Homo sapiens, ma le due specie sono state su percorsi evolutivi separati per 6 o 7 milioni di anni. Se pensiamo agli scimpanzé come nostri cugini, il nostro ultimo antenato comune è come una nonna con solo due discendenti viventi.

Ma perché uno dei suoi figli evolutivi ha continuato a mutare molto più dell’altro?

La ragione per cui altri primati non si stanno evolvendo in esseri umani è che stanno facendo proprio bene“, ha detto Briana Pobiner, un paleoantropologo dello Smithsonian Institute di Washington, DC. “Tutti i primati vivi oggi, tra cui i gorilla di montagna in Uganda, le scimmie urlatrici nelle Americhe e i lemuri in Madagascar, hanno dimostrato di poter prosperare nei loro habitat naturali”.

L’evoluzione non è una progressione“, ha spiegato Lynne Isbell, professore di antropologia all’Università della California, a Davis. “Si tratta di come gli organismi si adattano bene al loro ambiente attuale“.

Agli occhi degli scienziati che studiano l’evoluzione, gli umani non sono “più evoluti” di altri primati e certamente non abbiamo vinto il cosiddetto gioco evolutivo. L’estrema adattabilità che consente agli esseri umani di manipolare ambienti molto diversi per soddisfare i propri bisogni, non è sufficiente per mettere gli umani in cima alla scala evolutiva.

Un esempio sono le formiche. “Le formiche in qualche modo hanno più successo di noi“, ha detto Isbell a Live Science. “Al mondo ci sono molte più formiche che umani, e sono ben adattate negli habitat dove vivono“.
Le formiche non hanno sviluppato la scrittura (anche se hanno inventato l’ agricoltura molto prima che noi esistessimo), ma sono insetti di enorme successo. Non sono ovviamente eccellenti in tutte le cose come gli esseri umani, ma sono ben adattate in natura.

Abbiamo l’idea che il più adatto sia il più forte o il più veloce, ma tutto ciò che devi fare per vincere al gioco evolutivo è sopravvivere e riprodurti“, ha detto Pobiner.
La divergenza dei nostri antenati dagli scimpanzè ancestrali è un buon esempio. Non abbiamo una documentazione fossile completa per umani o scimpanzé, ma gli scienziati hanno combinato prove fossili con indizi genetici e comportamentali raccolti da primati viventi per conoscere le specie ormai estinte i cui discendenti sono poi diventati umani e scimpanzè.

“Non abbiamo i loro resti e non sono sicura che saremmo in grado di collocarli con certezza nella discendenza umana se lo facessimo”, ha detto Isbell. “Gli scienziati pensano che questa creatura (l’antenato ancestrale) somigliasse più a uno scimpanzé che a un essere umano, e probabilmente trascorreva la maggior parte del tempo in una foresta abbastanza densa da potersi spostare da un albero all’altro senza toccare terra,” ha aggiunto Isbell.

Secondo i palrontologi gli umani ancestrali iniziarono a distinguersi dagli scimpanzé ancestrali quando cominciarono a trascorrere più tempo sul terreno. Secondo Isael potrebbe essere accaduto perché cercavano cibo mentre esploravano nuovi habitat,
I nostri antenati più antichi, che divergevano dal nostro antenato comune con gli scimpanzé, probabilmente erano bravi sia ad arrampicarsi sugli alberi che a camminare per terra“, ha spiegato Isbell.

Più recentemente, forse 3 milioni di anni fa, le zampe di questi nostri antenati hanno cominciato ad allungarsi e gli alluci si sono spostati in avanti, permettendo loro di diventare prevalentemente camminatori. “Probabilmente sono state alcune differenze nell’habitat ad innescare il primo cambiamento notevole dal punto di vista comportamentale che li ha trasformati in bipedi. Probabilmente i nostri antenati entrarono in habitat dove gli alberi erano più distanziati, costringendoli a scendere a terra per spostarsi da uno all’altro“.

Il resto è storia evolutiva umana. Per quanto riguarda gli scimpanzé, solo perché sono rimasti sugli alberi non significa che abbiano smesso di evolversi. Una analisi genetica pubblicata nel 2010 suggerisce che i loro antenati si separarono dai bonobo ancestrali 930.000 anni fa, e che gli antenati delle tre sottospecie attualmente esistenti apparvero 460.000 anni fa. Gli scimpanzé centrali e orientali si separarono solo 93.000 anni fa.

Stanno chiaramente facendo un buon lavoro a fare gli scimpanzé“, ha affermato Pobiner. “Sono ancora in giro, e finché non distruggeremo il loro habitat, probabilmente lo resteranno per molti anni a venire”.

Fonte: Livescience.com