After Man. Lo strano futuro della vita sulla Terra milioni d’anni dopo l’uomo

Dagli alberi che camminano ai rospi galleggianti, il lontano futuro dell'evoluzione sulla Terra trasformata dall'uomo prima della sua estinzione

0
327
gli strani percorsi dell'evoluzione

Nei primi anni ’80, l’autore Dougal Dixon pubblicò un libro di culto intitolato After Man: Una zoologia del futuro, che immaginava come sarebbe stata la vita sulla Terra tra milioni di anni.

Decenni dopo, Dixon afferma che il suo libro non era un tentativo di predire il futuro, piuttosto era un’esplorazione di tutte le possibilità del mondo naturale. “I libri sull’evoluzione di livello popolare, anche se non sono intenzionali, sembrano suggerire che l’evoluzione sia qualcosa che è avvenuta solo nel passato“, dice. “Non è affatto così. L’evoluzione sta avvenendo oggi, continuerà a verificarsi anche nel futuro, molto tempo dopo che non esisteremo più“.

Il libro di Dixon era un’opera di finzione, ma la maggior parte dei biologi concorda sul fatto che tra milioni di anni la Terra sarà un posto molto diverso. “Penso che ai nostri occhi sembrerà un pianeta alieno“, dice Athena Aktipis, biologa evolutiva dell’Arizona State University.

Qualunque evoluzione sembrerà estranea ed improbabile per noi oggi – proprio come il nostro mondo attuale, dominato dai mammiferi, sarebbe sembrato improbabile durante l’era dei dinosauri. Quindi, come potrebbe essere la vita del futuro? Quali creature potrebbero svilupparsi, diciamo, in 100 milioni di anni, dato ciò che sappiamo sulla vita sulla Terra e sui principi dell’evoluzione?

Iniziamo guardando indietro di milioni di anni verso un periodo molto lontano. Durante l’esplosione del Cambriano, avvenuta circa 540 milioni di anni fa, la Terra era popolata da un’intera schiera di creature “strane” in qualche modo simili a quelle che popolano tanti “cartoni animati“, racconta Jonathan Losos, un biologo evoluzionista della Washington University di St. Louis.

Il Burgess Shale [in Canada] era abitato da un bestiario davvero bizzarro“, scrive nel suo libro intitolato Improbable Destinies: Fate, Chance e Future of Evolution. Un animale chiamato Hallucigenia aveva un corpo sottile, a forma di tubo, coperto da file di enormi spine e appendici artigliate simili a bastoncelli; era “simile a qualcosa uscito da un episodio di Futurama“.

Uccello con la faccia di fiore (Credit: Emmanuel Lafont)

Imitare i fiori: un nuovo modo per un uccello di attirare gli insetti da mangiare? (Credito: Emmanuel Lafont)

Quindi, non è impossibile che creature altrettanto strane e insolite si evolvano in futuro. “Quasi tutto ciò plausibilmente puoi immaginare si è evoluto da qualche parte in alcune specie“, sostiene Losos. “Dando abbastanza tempo, anche l’improbabile si verificherà, alla fine“.

Secondo Losos, il mondo delle possibilità biologiche è vasto e forse non abbiamo ancora visto tutto. “Io, per esempio, non sono affatto convinto che la vita sulla Terra abbia scoperto ogni modo immaginabile di esistere su un pianeta come il nostro, o anche solo la maggior parte dei modi“, scrive.

Tuttavia, è difficile prevedere quali di queste quasi infinite possibilità potrebbero realizzarsi. Il libro di Losos analizza gli argomenti a favore e contro la prevedibilità dell’evoluzione: la questione se la storia possa ripetersi se dovessimo “riavvolgere il nastro della vita“. Le prove sono contraddittorie e semplicemente non sappiamo fino a che punto l’evoluzione sia prevedibile e ripetibile nel lungo periodo. Aggiungete a ciò un elemento di casualità: un’enorme eruzione vulcanica o un asteroide che colpisce la Terra, e le ogni previsione diventa quasi impossibile.

Eppure, siamo in grado di fare ipotesi plausibili.

In primo luogo, dobbiamo affrontare l’impatto di una grande forza evolutiva che sta già trasformando la vita in tutto il mondo: l’Homo sapiens.

Se gli esseri umani riusciranno a prosperare per milioni di anni, avranno un marcato effetto sull’evoluzione futura e la selezione naturale produrrà nuove varietà di vita per affrontare gli ambienti alterati e inquinati che creiamo. “Potremmo vedere l’evoluzione di un becco d’uccello specializzato per l’alimentazione da barattoli di latta, o di ratti che sviluppano pelli oleosi che non assorbono le acque reflue tossiche“, scrive Peter Ward, paleontologo all’Università di Washington, a Seattle, nel suo libro del 2001, Evoluzione.

I futuri animali potrebbero dover adattarsi a un mondo più inquinato (credito: Emmanuel Lafont)

I futuri animali potrebbero dover adattarsi a un mondo più inquinato (credito: Emmanuel Lafont)

Ward prevede opportunità per nuovi tipi di specie che possiedono qualità “erbacee” – creature robuste e adattabili che non si preoccupano di vivere vicino agli umani e sono in grado di nutrirsi con i componenti del loro mondo, come gatti domestici, ratti, procioni, coyote, corvi, piccioni, storni, passeri, mosche, pulci, zecche e parassiti intestinali.

Su una Terra più calda e asciutta, riscaldata dagli esseri umani, anche la mancanza di acqua fresca può spingere verso nuovi adattamenti. “Immagino animali che sviluppano strane specializzazioni per catturare l’umidità dall’aria“, afferma Patricia Brennan, biologa evolutiva del Mount Holyoke College nel Massachusetts. “Gli animali più grandi possono evolvere cose come vele estese, lembi di pelle che si estendono al mattino presto per catturare l’umidità dell’aria. I cappucci sui colli di alcune lucertole, ad esempio, potrebbero diventare molto grandi ed esagerati per raccogliere l’acqua in questo modo. ”

In un mondo più caldo, Brennan prevede anche la nascita di mammiferi e uccelli nudi: “I mammiferi possono perdere la pelliccia in alcune zone e raccogliere l’acqua nelle tasche della pelle. In un pianeta riscaldato, gli animali endotermici [quelli che generano il proprio calore] possono avere difficoltà, quindi gli uccelli nei climi più caldi possono perdere parte delle piume per prevenire il surriscaldamento ed i mammiferi possono perdere il pelo“.

I futuri esseri umani potrebbero anche decidere di manipolare direttamente la vita – infatti, sta già accadendo. Come la ricercatrice Lauren Holt ha scritto per la serie Deep Future pubblicata su BBC Future all’inizio di quest’anno, una linea evolutiva per la vita sulla Terra potrebbe essere “post-naturale. In questo scenario, l’ingegneria genetica, la biotecnologia e l’influenza della cultura umana potrebbero reindirizzare l’evoluzione lungo percorsi radicalmente diversi, dalle zanzare che contengono unità genetiche a droni impollinatori meccanici. L’evoluzione della vita sarebbe intrecciata con i desideri e i bisogni dell’umanità.

Le corna di un cervo potrebbero un giorno assumere un nuovo scopo (credito: Emmanuel Lafont)

Le corna di un cervo potrebbero un giorno assumere un nuovo scopo (credito: Emmanuel Lafont)

Tuttavia, ci sono percorsi alternativi per l’evoluzione futura: per esempio, i nostri discendenti più illuminati potrebbero decidere di lasciare che l’evoluzione naturale segua il suo corso, oppure gli umani potrebbero estinguersi (che era lo scenario di After Man).

In particolare, l’estinzione può portare a innovazioni evolutive radicali. In sostanza, un’estinzione di massa riazzera l’orologio evolutivo, sostiene Ward. Dopo le precedenti estinzioni di massa, dice, le piante e gli animali della Terra sono cambiati radicalmente.

L’estinzione del Permiano, circa 252 milioni di anni fa, ha eliminato oltre il 95% delle specie marine e il 70% delle specie terrestri, compresi rettili a pelo lungo e gli enormi rettili simili ai mammiferi che allora dominavano la Terra. Ha permesso ai dinosauri di evolversi e prendere il sopravvento sulle altre specie di animali terrestri, un risultato, forse, improbabile e inaspettato come lo fu l’improvviso sviluppo dei mammiferi che li sostituirono dopo l’estinzione di massa del Cretaceo-Terziario.

La società moderna soffre di “esaurimento temporale“, ha detto una volta la sociologa Elise Boulding. “Se uno è costantemente mentalmente esaurito dal rapporto con il presente, non gli resta energia per immaginare il futuro“, ha scritto.

Le estinzioni di massa hanno fatto molto più che cambiare il numero di specie sulla Terra. Hanno anche cambiato l’aspetto della Terra” scrive Ward.

A seguito di un’estinzione, alcuni biologi pensano che sia possibile che si sviluppino forme di vita completamente nuove e con nuove capacità; così diverse da non poter nemmeno immaginare come potrebbero essere. Per i primi miliardi di anni della vita sulla Terra, ad esempio, gli animali che respirano ossigeno sarebbero stati inconcepibili, perché l’ossigeno era poco e le cellule non si erano evolute per usarlo per produrre energia. Ciò cambiò per sempre con il Great Oxidation Event, circa 2,4 miliardi di anni fa, quando l’arrivo dei batteri fotosintetici portò alla prima estinzione di massa della Terra.

I batteri inondarono il pianeta di ossigeno e questo provocò un enorme cambiamento“, afferma Leonora Bittelston, biologa evolutiva del Massachusetts Institute of Technology. “Ci sono state molte innovazioni che difficili da prevedere prima che accadessero – ma una volta avviate, riescono a cambiare il pianeta“.

Emu mescolato con armadillo (Credito: Emmanuel Lafont)

Con abbastanza tempo, combinazioni strane e senza precedenti non sono impossibili (Credit: Emmanuel Lafont)

Quindi, se gli umani si estinguessero, quanto potrebbero essere strane e sofisticate le cose tra 100 milioni di anni? Potremmo vedere alberi che iniziano a camminare o banchettare con gli animali dopo averli uccisi con fumi tossici o dardi velenosi? La vita marina potrebbe cambiare, con i ragni che si avvicinano all’acqua, usando le loro ragnatele per pescare, mentre alcuni pesci potrebbero imparare a volare in modo che di potersi nutrire di insetti e uccelli? Gli animali delle acque profonde potrebbero proiettare ologrammi luminosi per ingannare i predatori, attirare prede o impressionare potenziali compagni? Forse orche e pesci gatto potrebbero riacquistare la capacità dei loro antenati di correre sulla terra in modo da poter cacciare più efficacemente fuori dell’acqua?

Potremmo anche vedere gli organismi prendere dimora in habitat precedentemente non esplorati: per esempio, funghi velenosi giganti e leggeri che fluttuano a mezz’aria come una medusa aerea, intrappolando e consumando qualunque cosa essi incontrino? Oppure insetti e ragni potrebbero costruire nidi di seta sulle nuvole e nutrirsi di organismi fotosintetici nel cielo? E se piante o microbi si evolvessero qualcosa come pannelli solari per tracciare e concentrare la luce del sole, potrebbero oasi verdi di vita prosperare sui ghiacciai?

Nessuna di queste creature fantastiche sembra impossibile, dice Aktipis. Molti di essi si basano su ciò che già esiste in natura: ci sono ragni di mare e ragni che sfruttano il loro filo di seta per volare a vela, c’è vita microbica nelle nuvole, e ci sono creature delle profondità oceaniche che utilizzano già palline bioluminescenti per attirare le prede. Alcune popolazioni di orche e pesci gatto possono spingersi sulla spiaggia catturare animali sulla battigia, e piccole oasi indipendenti di vita prosperano sul ghiaccio dove ci sono residui di crioconite, una polvere nera composta da fuliggine, roccia e microbi.

Jo Wolfe, un biologo evoluzionista dell’Università di Harvard, nota che alcuni alberi sono in grado di “camminare” molto lentamente mentre si muovono verso le fonti d’acqua, e pensa che sia possibile che gli alberi si evolvano per cacciare usando gas velenosi o anche rami appuntiti. Dopo tutto, abbiamo già piante carnivore come la Venere acchiappamosche. Indica anche l’esistenza di ragni che mangiano pesce e afferma che i microbi che vivono sulle nuvole potrebbero evolversi dalla moltitudine di minuscoli organismi conosciuti come il Proclorococco che vivono negli strati più alti dell’oceano.

Gli attuali abitanti degli alberi possono adattarsi all'aria nel lontano futuro (Credit: Emmanuel Lafont)

(Credit: Emmanuel Lafont)

In natura, spesso tutto ciò che serve per gli adattamenti insoliti da sviluppare sono gli ambienti estremi. La Terra ne ha già in abbondanza, e questo non cambierà. Ad esempio, considera come la rana pescatrice abbia risposto alla grave carenza di potenziali compagni nell’oceano profondo. Quando incontra una femmina, si fonde in lei. “È così improbabile che possa mai incontrare un’altra femmina che si arrende e diventa un accessorio per lo sperma per lei“, dice Kristin Hook, ecologa comportamentale dell’Università del Maryland, College Park. “Quindi, potremmo vedere gli animali fare più cose del genere e nel tempo immaginerei una selezione che favorisca gli animali che possono autofecondarsi quando trovare i compagni è quasi impossibile“.

Basandoci su ciò che sappiamo della natura, non dovremmo neanche pensare che le future creature rimarranno confinate ai loro attuali habitat. Lynn Caporale, un biochimico e autore, sottolinea che alcuni pesci “volanti” possono già catturare insetti (e persino uccelli ), e alcuni pesci sono in grado di camminare sulla terra, persino arrampicarsi sugli alberiAnche i calamari volano occasionalmente sopra la superficie dell’oceano, usando schizzi d’acqua come propulsione e pinne che si raddoppiano di dimensione come ali.

Questo potenziale di cambiamento dell’habitat porta a possibilità fantastiche. Consideriamo, ad esempio, l rospo; la sua gola si gonfia verso l’esterno come un grosso sacco di gas e lo usa per attirare le femmine. Nel suo libro, Ward immagina che si evolva in uno “zeppelinoide”, un nuovo tipo di animale galleggiante nell’aria che conquisterà l’atmosfera inferiore. Il rospo potrebbe evolversi per estrarre l’idrogeno dall’acqua e immagazzinarlo nella sua gola, aiutandolo a saltare e alla fine fluttuare nell’aria. Le sue gambe – non più necessarie per camminare – potrebbero diventare tentacoli penzolanti usati per catturare le prede e, magari, potrebbero diventare enormi per per evitare di essere mangiati. Gli zeppelinoidi giganti galleggerebbero nell’aria come meduse, trascinando i loro tentacoli per catturare prede come i cervi.

Gli Zeppelinidi, dice Ward, sono “una fiaba – ma in questa favola c’è un barlume di realtà“. C’era una volta il primo organismo volante e il primo organismo capace di nuotare, e sappiamo che più specie si sono rapidamente evolute da loro, poiché l’innovazione ha permesso loro di conquistare un habitat a cui non avevano mai avuto accesso prima.

I rospi potrebbero volare nell'aria, diventando 'zeppelinoidi'? (Credito: Emmanuel Lafont)

I rospi potrebbero volare nell’aria, diventando ‘zeppelinoidi’? (Credito: Emmanuel Lafont)

Dato che la nostra comprensione dell’evoluzione e della genetica è incompleta e che molto probabilmente dipenderà da eventi casuali, nessuno può sapere con certezza quale sarà la vita futura. Scegliere i vincitori evolutivi del futuro è come cercare di scegliere i vincitori sul mercato azionario, o di prevedere il tempo, scrive Ward. Abbiamo alcuni dati per fare ipotesi plausibili, ma anche un ampio grado di incertezza. “I colori, le abitudini e le forme della fauna appena evoluta possono solo essere indovinati“.

Losos è d’accordo. “Alla fine,” dice, “le possibilità sono così ampie e incerte che è davvero inutile cercare di speculare su come potrebbe essere la vita – ci sono troppi gradi di libertà. La vita potrebbe scegliere troppe linee evolutive diverse“.

Ma se la stranezza della vita di oggi è una guida, non dovremmo scartare la possibilità che l’evoluzione futura possa scendere su percorsi davvero sconvolgenti. E una grande quantità di creatività e diversità naturali attuali rimane inesplorata.

Infatti, Dixon nota che diverse delle originali creazioni “puramente speculative” descritte nel suo libro After Man nel 1981 sono state successivamente scoperte: per esempio, mazze da passeggio e serpenti che possono strappare i pipistrelli dall’aria. Come ha riflettuto nell’edizione del 2018 del libro: “Molte svolte in questi anni mi sono imbattuto in qualche nuovo sviluppo ecologico o evolutivo e ho pensato: ‘Se avessi messo quest’affare in After Man, tutti avrebbero riso“.

Fonte: BBC