81 anni dopo “La guerra dei mondi”, come andrebbe se domani mattina ci svegliassimo e trovassimo un’astronave aliena in orbita?

La storia dimostra che quando due civiltà si incontrano, la più debole viene annientata o, nel migliore dei casi, assorbita. Siamo sicuri che valga la pena rischiare e fare rumore in "un bosco oscuro in una notte senza Luna"? Forse è per questo che non riceviamo segnali dallo spazio

0
405
Un contatto con gli alieni potrebbe essere fatale per noi

Ora sappiamo che nei primi anni del XX secolo questo mondo veniva osservato da vicino da un’intelligenza più grande dell’uomo … attraverso un immenso baratro etereo, menti che per le nostre menti sono come le nostre per le bestie nella giungla, intelletti vasti, freddi e indifferenti, guardavano questa terra con occhi invidiosi e pian piano disegnarono i loro piani contro di noi“.

Così iniziava l’agghiacciante esibizione radiofonica del Mercury Theatre di Orson Welles il 30 ottobre di 81 anni fa che raccontava in diretta radiofonica una presunta invasione della Terra da parte dei marziani, guidando gli ascoltatori terrorizzati a credere che la Terra fosse davvero sotto attacco da parte di alieni ostili.

L’agghiacciante performance di Welles era una drammatizzazione del classico fantascientifico di HG Wells, “La guerra dei mondi“, e faceva parte di una serie settimanale di trasmissioni drammatiche create in collaborazione con il Mercury Theatre on the Air per la CBS.

Sebbene il programma fosse costellato di promemoria sul fatto che fosse una finzione teatrale, molti ascoltatori pensarono che l’invasione aliena fosse reale, e titoli di giornale sconvolti descrissero nei giorni successivi il diffuso panico causato dalla prospettiva di un’invasione aliena.

Migliaia di ascoltatori uscirono dalle loro case a New York e nel New Jersey, molti con gli asciugamani in faccia per proteggersi dal “gas” che l’invasore avrebbe dovuto spargere“, riferì il Daily News il giorno successivo.

Bene, visto questo precedente, come reagirebbe la popolazione umana dell’era di Internet, oggi molto più sofisticata, agli incontri con una civiltà tecnologicamente più avanzata?

Un incontro di questo genere avvenne durante il diciannovesimo secolo“, ha osservato Liu Cixin, il principale autore cinese di fantascienza e filosofo del primo contatto, “quando il Regno di Mezzo della Cina, attorno al quale tutta l’Asia aveva una volta ruotato, guardò al largo e vide le navi degli imperi marinari europei, la cui conseguente invasione innescò una perdita di status per la Cina paragonabile alla caduta di Roma”.

La comparsa di questo “Altro” potrebbe essere imminente, avverte l’autore di “The Three-Body Problem”, e potrebbe portare alla nostra estinzione“Forse tra diecimila anni, il cielo stellato che l’umanità guarda rimarrà vuoto e silenzioso“, scrive nel poscritto di uno dei suoi libri. “Ma forse domani ci sveglieremo e troveremo un’astronave aliena della dimensione della Luna parcheggiata in orbita“.

Secondo Liu Cixin, nessuna civiltà dovrebbe mai annunciare la sua presenza al cosmo. Qualsiasi altra civiltà che apprenda della sua esistenza la percepirà come una minaccia in espansione, come fanno tutte le civiltà, che eliminando i loro concorrenti fino a quando non ne incontrano una con tecnologia superiore e ne vengono annientate.

Questa visione cosmica oscura, dice Liu, è chiamata “teoria della foresta oscura“, perché concepisce ogni civiltà nell’universo come un cacciatore nascosto in un bosco in una notte senza luna, che sta ascoltando i primi rumori generati da un possibile rivale.

Secondo Liu, il nuovo FAST Radio Telescope della Cina, l’antenna d’ascolto più grande e sensibile al mondo, non riuscirà ad individuare una civiltà extraterrestre. In un cosmo paragonabile ad una foresta oscura come quello che immagina, nessuna civiltà invierebbe mai un segnale della sua presenza a meno che non fosse un “monumento della morte, una trasmissione potente che annuncia l’imminente estinzione del mittente.

Una civiltà in procinto di essere invasa e distrutta da un’altra, o incenerita da una raffica di raggi gamma, o uccisa da qualche altra causa naturale, potrebbe usare le sue ultime riserve di energia per tentare di trasmettere un grido di testimonianza della sua passata esistenza al cosmo, sperando che sarà raccolto da qualcuno in grado di mantenere la sua memoria“.

Un incredibile podcast dell’Arthur C. Clarke Center per l’immaginazione umana esamina idee sul contatto alieno con Jill Tarter (SETI Institute) e Jeff VanderMeer (autore bestseller della trilogia Southern Reach) discutendo l’equazione di Drake, la matematica errata dei film, il destino, manifesto, che siamo soli, ipotesi imperfette sul concetto di intelligenza, che cosa può fare la finzione per aiutarci a riflettere sull’alienalità dei contatti alieni e su come potrebbe accadere intorno a noi.

Se capisci l’inglese, Ascolta qui…

Fonte: Daily Galaxy