LightSail 2 ha spiegato le sue vele nello spazio

Virando o modificando l'angolazione delle vele, un veicolo spaziale che utilizza le vele solari può governare e spingere sé stesso attraverso il Sistema solare e oltre

0
226
LightSail 2

LightSail 2 ha spiegato con successo le sue vele solari. Poco dopo le 12:00 pm PST (19:00 UTC) la Planetary Society ha twittato che le vele erano schierate e che la piccola sonda stava navigando con la luce del sole.

LightSail 2 è il terzo veicolo spaziale del programma LightSail. lanciato in orbita il 25 giugno, da allora si è preparato alla delicata operazione dello spiegamento delle vele, inviandoci nel frattempo alcune immagini della Terra ripresa da oltre 700 chilometri di distanza.

Una serie di tweet di The Planetary Society ha raccontato le fasi dello spiegamento delle vele per tutta la mattinata.

La vela di LightSail 2 è in realtà un sistema di quattro vele triangolari più piccole che formano un grande quadrato quando schierate. Una volta schierata, la vela misura 32 metri quadrati. Una volta schierata, la vela verrà utilizzata per sollevare l’orbita del veicolo spaziale, per dimostrare la potenza e l’utilità delle vele solari.

Successivamente sono cominciati ad arrivare alcuni dati di telemetria dal minuscolo satellite, che hanno dimostrato l’attivazione dei motori e che le telecamere erano attive.

Stiamo ancora aspettando nuove immagini da LightSail 2, ma abbiamo questa bella gif da guardare nel frattempo.

vela leggera finalmente navigando gif(Società planetaria)

Tecnologia a vela solare

L’idea della vela solare è relativamente semplice, almeno in teoria.

Una vela solare utilizza lo slancio dei fotoni provenienti dal Sole, più o meno allo stesso modo in cui una barca a vela cattura l’energia del vento. La vela leggera non cattura i fotoni. I fotoni rimbalzano sulla superficie riflettente e spingono la vela. È una tecnologia leggera e semplice che ha un grande potenziale.

Nel vuoto dello spazio, funziona. Non c’è resistenza al movimento del veicolo spaziale, quindi nel tempo, man mano che sempre più fotoni rimbalzano sulla vela, la velocità aumenta. Tutto senza trasportare carburante o altri sistemi di propulsione.

In un certo senso, la vela solare è esattamente come una vela su una barca. La vela può essere orientata per dirigere la corsa del veicolo spaziale. Se le vele sono puntate direttamente sul sole, l’astronave viaggerà nella direzione opposta.

Virando o modificando l’angolazione delle vele, un veicolo spaziale che utilizza le vele solari può governare e spingere sé stesso attraverso il Sistema solare e oltre.

Inoltre, la velocità accelera costantemente, anche se lentamente. Un veicolo provvisto di vela solare può continuare ad accelerare fino a quando i fotoni colpiscono la vela. Una navicella spaziale a vela solare potrebbe raggiungere velocità proibite ad un razzo chimico (che non può trasportare abbastanza carburante per accelerare costantemente), ma i razzi restano necessari per salire in orbita e sfuggire all’attrazione gravitazionale della Terra.

Naturalmente, lo slancio non può aumentare alla stessa velocità per sempre. Più una vela solare si allontana dal Sole, meno fotoni la colpiscono. E sebbene non rallenti nel vuoto dello spazio, il suo tasso di accelerazione diminuirà.

Per tutti questi motivi, le vele solari sono rivolte a lunghi viaggi, dove può brillare un sistema di propulsione semplice ma efficace. C’è persino l’idea che una nave più grande, in grado di generare la propria energia, potrebbe puntare dei laser sulle vele solari per continuare ad accelerare.

Vele solari assistite da laser

Il progetto Breakthrough Starshot mira a inviare una flotta di piccole sonde spaziali a vela solare verso il sistema stellare più vicino, Alpha Centauri.

Piuttosto che fare affidamento sulla sola energia del Sole per arrivarci, queste sonde sarebbero spinte da una serie di laser, i cui fotoni colpirebbero le vele allo stesso modo del Sole. L’array laser accelererebbe il veicolo spaziale ad una velocità finale di circa 60.000 km/s, ovvero il 20 percento della velocità della luce.

Alpha Centauri è lontano 4,37 anni luce, quindi anche con i laser, il progetto Breakthrough Starshot impiegherebbe ancora 20 anni per arrivarci.

Ma questo è un progetto completamente diverso e più ambizioso di LightSail 2. Inoltre, Breakthrough Starshot è il progetto di un miliardario russo, mentre LightSail è un veicolo spaziale pubblico, senza scopo di lucro, costruito con denaro raccolto da sostenitori entusiasti.

E il suo successo di ieri è un ottimo risultato.

LightSail 2 è una missione dimostrativa, progettata per mostrare come anche una piccola vela solare può sollevare l’orbita di un veicolo spaziale. Potrebbe avere applicazioni commerciali per piccoli satelliti e, infine, la sua tecnologia potrebbe svolgere un ruolo nell’esplorazione del nostro sistema solare.

Ma per oggi è un grande ​​successo di The Planetary Society!

Fonte: Universe Today