I mondi “snowball” e la vita

Mondi alieni congelati potrebbero essere in grado di supportare una diversità e complessità della vita più di quanto si credesse in precedenza. A suggerirlo è un nuovo studio.

0
270
I mondi snowball e la vita

I ricercatori ipotizzavano già che la vita può presentarsi su freddi pianeti a “palla di neve“, anche se sono ricoperti di ghiaccio fino ai loro equatori. Dopotutto, anche la Terra ha attraversato diverse fasi “snowball” durante la sua lunga esistenza.
Ma tutta la vita era nei nostri oceani in quel momento“, ha detto in una nota l’autore principale dello studio Adiv Paradise, astronomo e fisico dell’Università di Toronto . “Non c’era vita sulla terra ferma“.

Il nuovo studio cerca di colmare questo gap di conoscenza. Paradise e i suoi colleghi hanno eseguito migliaia di simulazioni al computer in 3D, modellando il clima di pianeti teorici “snowball” con un’ampia varietà di configurazione dei continenti, input di energia stellare e livelli di anidride carbonica.

La CO2 è una variabile molto importante per chi crea i modelli, poiché la concentrazione di questo gas che intrappola il calore è uno dei principali fattori climatici su un pianeta. Oggi lo vediamo sulla Terra, dove le temperature stanno aumentando a un ritmo allarmante perché stiamo immettendo enormi quantità di CO2 nell’atmosfera.

Quando la CO2 in atmosfera non è abbastanza, un pianeta può diventare una vera e propria “palla di neve”. Secondo i geologi, le piogge e l’erosione possono far sì che ciò accada, come? l’acqua reagisce con la CO2, generando acido carbonico, che reagisce con le rocce e viene legato ai minerali. Questi minerali alla fine si dirigono verso l’oceano, dove vengono intrappolati sul fondo del mare.

Ma alcuni ricercatori hanno scoperto che questo processo non esclude necessariamente la possibilità che esista vita di tipo terrestre (nel senso di vita sulla terraferma). Alcuni dei loro modelli di mondi “palla di neve” presentavano macchie di terra potenzialmente abitabile – in particolare, le aree interne vicino all’equatore, che in alcuni casi indicavano temperature superiori ai 50 gradi Fahrenheit o 10 gradi Celsius.

Hai questi pianeti che tradizionalmente potresti considerare non abitabili, e questo suggerisce che forse possono esserlo“, ha detto Paradise.

Il lavoro del team offre anche altre informazioni sui mondi “palla di neve” e sull’abitabilità planetaria.

Ad esempio, le eruzioni vulcaniche possono scuotere un pianeta dallo stato di una palla di neve, immettendo nell’atmosfera grandi quantità di CO2 e altri gas serra. Ma questo, suggerirebbe il nuovo studio, non succede sempre; le simulazioni dei ricercatori hanno scoperto che l’erosione può bilanciare la produzione di CO2 dei vulcani.

Quindi la distinzione tra mondi che possono e non possono sostenere la vita come la conosciamo probabilmente non è così chiara come pesavano finora i ricercatori, hanno concluso i membri del team di studio.
Quello che troviamo è, in realtà, che la linea è un po ‘sfocata“, ha detto Paradise.
Il nuovo studio è stato pubblicato il 18 luglio sul Journal of Geophysical Research: Planets.

Tradotto e adattato dal sito “Space.com”