Curiosity, 7 meraviglie che ci ha mostrato nei suoi 7 anni su Marte

Curiosity è su Marte esattamente da sette anni e ci ha permesso di scoprire moltissime cose sul Pianeta Rosso. Ecco una panoramica di alcune delle scoperte più interessanti che dobbiamo al rover della NASA.

0
1244
tramonto su Marte

Era il 6 agosto 2012 quando, dopo un epico viaggio di sei mesi, il rover della NASA Curiosity toccò la superficie di Marte. Nei giorni scorsi questo intrepido esploratore ha compiuto sette anni di missione continuativa su Marte, sette anni durante i quali ha scoperto moltissime cose e, tra queste, ne abbiamo scelte sette, una per ogni anno trascorso su Marte, per ricordarci quanto è stato utile il suo viaggio e quali meraviglie ci ha mostrato su questo mondo alieno.

Curiosity sta facendo una corsa incredibile. Il rover a propulsione nucleare sarebbe dovuto durare solo due anni ma, visti i risultati e l’ottimo comportamento degli strumenti, la missione è stata prorogata a tempo indeterminato nel dicembre 2012.

Finora, ha percorso 21 chilometri attraverso il cratere Gale, salendo per 368 metri fino alla base del Monte Sharp. Nel suo viaggio, Curiosity ha posto i suoi occhi robotici su luoghi che nessun essere umano ha mai visto, assaggiato il suolo e il vento di Marte e inviato a casa un tesoro di dati.

Acqua liquida su Marte!

Ora ci siamo abituati all’idea che esista acqua liquida su Marte, ma nel 2013 la cosa suscitò clamore. Curiosity ha scoperto quello che si è rivelato essere il letto prosciugato di un ruscello prosciugato. A questa scoperta seguì quella che il Cratere Gale era un tempo un enorme lago – e, infine, che potrebbe esserci tuttora acqua liquida su Marte.

Anche altri strumenti in orbita hanno trovato prove di ciò, sfidando la nostra percezione di Marte come un deserto polveroso e offrendo interessanti implicazioni per i nostri futuri tentativi di colonizzazione.

Un’intera lista di ingredienti necessari alla vita

Una delle prime scoperte fatte da Curiosity è che un tempo Marte avrebbe potuto essere ospitale per la vita microbica. In campioni prelevati dalla roccia, gli scienziati hanno identificato zolfo, azoto, idrogeno, ossigeno, fosforo e carbonio. Questi sono alcuni degli ingredienti chimici chiave per la costruzione del DNA. Questa scoperta, combinata con l’ambiente umido che Marte aveva una volta, potrebbe avere creato le condizioni per ospitare la vita, basandoci su ciò che sappiamo della vita sulla Terra.

Una domanda fondamentale per questa missione è se Marte avrebbe potuto sostenere un ambiente abitabile“, ha dichiarato Michael Meyer della NASA. “Da quello che sappiamo ora, la risposta è sì“.

Boro

Curiosity identificò la presenza di boro minerale su Marte, in una vena minerale incastonata nella roccia mentre iniziava a scalare il Monte Sharp. Per gli scienziati fu una scoperta eccitante perché la spiegazione più probabile, basata su ciò che abbiamo visto nei depositi di boro nel deserto della Terra, è che il boro sia stato lasciato lì dall’evaporazione; cioè, era sciolto in acqua liquida a temperature comprese tra 0 e 60 gradi Celsius.

Si tratta di temperature compatibili con la vita e l’acqua, su Marte, dovrebbe essere rimasta in circolazione per molto tempo. Non è ancora una prova diretta che sul Pianeta Rosso sia mai esistita vita, sia pure microbica, ma è un altro pezzo che ci avvicina un po’ di più a questa risposta.

Metano

Nel tempo, Curiosity ha rilevato livelli fluttuanti di metano su Marte. Non molto, non tanto quanto sulla Terra, ma abbastanza da intrigare gli scienziati.

Qui sul nostro pianeta natale, il metano è prodotto principalmente da processi biologici, quindi il sospetto che possano esserci microorganismi che vivono sotto la superficie marziana può essere legittimo. Altrove nel Sistema Solare, tuttavia, il metano è prodotto da processi geologici, quindi non possiamo dare nulla per scontato.

Composti organici

Proprio l’anno scorso, Curiosity ci ha finalmente fornito prove conclusive della presenza di diversi composti organici nel suolo di Marte. In campioni prelevati dal sottosuolo ha identificato tiofene, 2- e 3-metiltiofenici, metanethiolo e dimetilsolfuro, dimostrando che la chimica organica nella fanghiglia marziana è abbastanza vicina alla fanghiglia sulla Terra.

Con queste nuove scoperte, Marte ci sta dicendo di mantenere la rotta e continuare a cercare prove della vita“, ha dichiarato Thomas Zurbuchen della NASA.

Il cielo di Marte

Sapevamo già che i cieli marziani sono piuttosto diversi dai cieli della Terra, ma Curiosity ci ha permesso di vedere i tramonti marziani con i nostri occhi. E sono davvero alieni.

A differenza della Terra, dove il cielo diurno è blu e il cielo del tramonto diventa rosso, il cielo diurno marziano è rosso e i tramonti sono blu.

tramonto marziano blu(NASA / JPL-Caltech / MSSS / Damia Bouic)

Questo perché durante un tramonto sulla Terra, le lunghezze d’onda della luce all’estremità blu dello spettro sono sparse dalle molecole di gas nell’atmosfera. Marte, invece, non ne ha molte. Invece, ha un sacco di polvere – e che disperde le lunghezze d’onda rosse, risultando in un cielo blu mentre il sole tramonta.

Due lune, due eclissi

Marte ha due lune, Phobos e Deimos, che gli ruotano intorno a ritmo vertiginoso. Deimos compie un’orbita ogni 30.3 ore. Phobos ci mette solo 7,65 ore. Questa è una grande opportunità per osservare le eclissi lunari marziane e Curiosity è riuscita a filmarne alcune.

gif che mostra il deimos transitDeimos in transito. (NASA / JPL-Caltech / MSSS)

Sono molto diverse dalle eclissi solari della Terra: solo un pezzo di roccia che passa davanti al Sole e non blocca mai completamente la sua luce. (Questo perché la Terra è in realtà un po’ particolare: il Sole e la Luna sono esattamente alla giusta distanza perché appaiano quasi esattamente delle stesse dimensioni nel cielo).

Lo sapevamo già, ovviamente. Ma a volte vedere una prospettiva diversa evidenzia davvero in che meraviglioso universo viviamo.

Grazie, Curiosity. Ci hai dato tanto e speriamo che potrai tarscorrere molti altri anni a mostrarci i segreti di Marte.