Rinviato il lancio del missile di “Mad” Mike Hughes

Il terrapiattista volante ha per ora rimandato, per un problema tecnico, il lancio del suo missile sperimentale a vapore

0
263

Mike “Mad” Hughes, ex autista di limousine e costruttore di razzi, come vi abbiamo raccontato pochi giorni fa, aveva progettato di lanciarsi con un missile di sua fabbricazione nei cieli della comunità di Amboy nel deserto del Mojave in California lo scorso lunedì 12 agosto.

Sfortunatamente il suo razzo a vapore realizzato “in casa” non è decollato, per colpa di uno scalda acqua difettoso che ha comprato da Craigslist. Il lancio è stato quindi rinviato e probabilmente verrà effettuato sabato 17 agosto.

Secondo Darren Shuster, il riscaldatore difettoso che Hughes ha acquistato per 325 dollari su Craigslist non è stato in grado di riscaldare l’acqua fino a 200 gradi Celsius, la temperatura necessaria per creare il vapore necessario per spingere il razzo. Hughes ha pagato 50 dollari per il cono del razzo, che prevede di lanciare dal retro di un camion che gli è stato donato. Shuster ha aggiunto che nessuno sa da dove provenga il cono del razzo o quale fosse il suo utilizzo originale, ma Hughes lo ha modificato per montarlo sul razzo.

Apprezzo il sostegno, l’amore e l’eccitazione da parte di tutti, e un ritardo non fermerà la mia missione: il razzo è pronto e ha bisogno di una regolata, quindi il prossimo fine settimana sarà un successo”, ha detto Hughes a Space.com.

Hughes ha 63 anni e si è già lanciato a bordo di un suo razzo a vapore a marzo del 2018 raggiungendo un’altezza di 572 metri, razzo che poi ha modificato ulteriormente per il lancio annullato ieri. Hughes, nel precedente lancio ha avuto un atterraggio un po’ duro ma se l’è cavata con la compressione di una vertebra; resta da vedere se nel prossimo lancio riuscirà a restare indenne, anche perché l’obbiettivo è quello di raggiungere un’altezza ancora maggiore: 1500 metri.

I media presentarono il suo precedente lancio, quello del marzo 2018, come un tentativo che Hughes compiva per cercare di osservare la curvatura della Terra, essendo lui un noto “terrapiattista”. Tale notizia è stata sconfessata in parte dallo stesso Hughes che ha detto a “Space.com” di voler tentare il lancio solo perché è “un temerario”.

Credo che la Terra sia piatta“, ha detto Hughes. Ma “questo non ha nulla a che fare con il lancio di missili a vapore“, ha aggiunto. “Non l’ha mai fatto. Non lo farà mai. Sono un temerario!

Hughes ha espresso un’altra motivazione prima di tentare il lancio di domenica scorsa, il presidente Donald Trump.
Questo lancio riguarda il mio desiderio personale di ispirare gli americani a contribuire a rendere di nuovo grande questo Paese“, ha detto in una nota, aggiungendo che spera che la sua impresa sia un invito alla Casa Bianca per sé stesso e la sua squadra di lancio.

Trump è il più grande presidente da quando c’è stato un presidente!Hughes ha aggiunto nella stessa dichiarazione. “Ho intenzione di spargere la voce su MAGA con il mio missile a vapore, con equipaggio umano. Sono il Rocket Man nazionale“.

Non è facile capire le vere intenzioni di Hughes nel rischiare la propria vita lanciandosi in volo con un missile autocostruito, questo re-brand di Trump potrebbe essere un altro tentativo di generare più attenzione e quindi, più soldi per finanziare la sua impresa di tentare di raggiungere al più presto la fatidica linea di Karman – il confine posto a 100 km sopra la superficie terrestre che rappresenta l’inizio dello spazio.

Fonte: Tradotto da Space.com