Sembrerebbe che sia possibile inviare informazioni attraverso i wormholes ma molto, molto, brevi

L'invio di un piccione viaggiatore attraverso il cosmo sarebbe probabilmente un modo più affidabile per inviare un messaggio.

0
744
L'invio di un piccione viaggiatore attraverso il cosmo sarebbe probabilmente un modo più affidabile per inviare un messaggio.

Vuoi inviare un messaggio attraverso un wormhole? Sarà meglio che sia breve.

Secondo un nuovo studio, in determinate circostanze, sarebbe possibile inviare un messaggio attraverso un wormhole teorico che collega due buchi neri in universi diversi. Sfortunatamente, i risultati mostrano che solo una piccola quantità di informazioni (misurate in bit quantici o qubit) potrebbe essere scambiata.

Nella nostra configurazione specifica, abbiamo avuto risultati deludenti, nel senso che è risultato possibile inviare attraverso un wormhole solo uno o due qubit di informazioni” ha spiegato Sam van Leuven, coautore del nuovo articolo e ricercatore presso l’Università del Witwatersrand a Johannesburg.

In genere, se si inviasse qualcosa in un buco nero, questo qualcosa finirebbe al centro, in un punto infinitamente denso noto come la singolarità, da cui non è possibile tornare indietro. Ma se un buco nero fosse collegato a un altro buco nero attraverso un wormhole e la traiettoria del messaggio fosse giusta, teoricamente potrebbe uscire dall’altro capo di quel wormhole, che potrebbe trovarsi in un universo alternativo.

Per fare ciò è necessario che entrambi gli universi e il buco nero collegato abbiano un certo tipo di fisica e geometria. Ad esempio, un wormhole attraversabile potrebbe esistere solo nel caso che lo spazio-tempo abbia una curvatura negativa.

Secondo i ricercatori autori dello studio, in teoria, questa configurazione specifica dell’universo consentirebbe il passaggio di informazioni attraverso un wormhole e hanno effettuato alcune stime per determinare quante informazioni potrebbero viaggiare in questo modo.

Ora sappiamo da [studi precedenti] che questo processo è analogo al teletrasporto quantistico… Ma ci sono limiti su quante informazioni possono essere inviate“, ha affermato Aron Wall, ricercatore del Dipartimento di Matematica Applicata e Fisica Teorica dell’Università di Cambridge che non è stata coinvolta nel nuovo studio. (Nel teletrasporto quantico , le informazioni possono essere inviate quasi istantaneamente attraverso grandi distanze usando particelle che sono state impigliate nel quantum, il che significa che i loro stati sono collegati indipendentemente dalla distanza che le separa).

Nella nuova ricerca, Van Leuven e i suoi colleghi hanno studiato i wormholes attraversabili usando la geometria dello spazio-tempo come descritto dalla teoria della relatività generale di Albert Einstein. La matematica usata per descrivere lo scenario è stata sviluppata in un universo bidimensionale per semplicità, ma dovrebbe valere anche per un universo 3D, come il nostro.

I risultati hanno mostrato che solo poche informazioni alla volta possono essere passate attraverso il wormhole – meno di quanto avessero trovato altri metodi. Hanno anche scoperto che l’invio di messaggi attraverso il wormhole dovrebbe destabilizzare i buchi neri. Il buco nero di invio aumenterebbe in massa, e il buco nero di ricezione diminuirebbe in massa, con ogni messaggio inviato. Con il primo messaggio, il buco nero ricevente perderebbe circa il 30% della sua massa e, nei messaggi successivi, il buco nero scomparirebbe. Inoltre, ogni messaggio successivo dovrebbe ridursi di dimensioni, in modo tale che il messaggio alla fine non conterrà alcuna informazione.

Van Leuven e altri scienziati stanno continuando a studiare una vasta gamma di configurazioni e regole, simili e dissimili a quelle del nostro universo, che potrebbero consentire la trasmissione di più informazioni. Attualmente, tali wormhole e buchi neri collegati sono del tutto teorici, ma gli scienziati pensano che non sia del tutto impossibile che possano essere creati o manipolati da un qualche tipo di civiltà avanzata.

Stiamo cercando di trovare generalizzazioni del nostro setup che consentirebbe di ottenere maggiori informazioni [da trasmettere], ma si tratta di un lavoro in corso“, ha detto Van Leuven. “Ma ci sarà sempre un limite. Non ci sarà una quantità infinita di informazioni inviabili senza distruggere il wormhole“.

Lo studio è stato pubblicato online il 29 luglio sulla rivista di prestampa arXiv ed è stato presentato al Journal of High Energy Physics.

Originariamente pubblicato su Live Science.