Dalla Terra alla Luna, compiendo la seconda metà del viaggio in ascensore spaziale

La Spaceline, una specie di ferrovia dello spazio, potrebbe essere realizzata con materiali già disponibili

0
312
ascensore spaziale collegato alla Luna

Spaceline, un tipo di ascensore spaziale di nuova concezione in grado di collegare il punto di Lagrange con la Luna potrebbe permettere di ridurre il costo dei viaggi spaziali.

Descritto in una ricerca pubblicata sul server di prestampa ArXiv dai ricercatori della Columbia University e dell’Università di Cambridge, la Spaceline sarebbe legata alla superficie della Luna e sarebbe appesa in orbita geostazionaria sopra alla Terra come un filo a piombo. Il documento dimostra che la Spaceline potrebbe essere costruita con materiali che esistono oggi, migliorando la possibilità di viaggiare nello spazio e, forse, potrebbe essere persino utile per realizzare insediamenti orbitali.

In pratica, i razzi provenienti dalla Terra dovrebbero solo lanciarsi fuori dell’atmosfera e raggiungere l’estremità della Spaceline nel punto di Lagrage, ottenendo interessanti risparmi sui costi ed i rischi connessi al viaggio nello spazio. Una volta arrivata nel vuoto dello spazio, superata la gravità terrestre e la pressione atmosferica, l’astronave raggiungerebbe il cavo e si aggancerebbe a una navetta ad energia solare che si arrampicherebbe lungo la sua lunghezza, fino a destinazione. 

Zephyr Penoyre, uno dei laureati in astronomia della Columbia dietro la Spaceline, ha dichiarato che “il cavo diventerebbe un pezzo di infrastruttura, molto simile a una ferrovia. Lo spostamento di persone e forniture lungo di essa sarebbe molto più semplice e facile rispetto ad un viaggio nello spazio profondo con un tradizionale razzo

Gli ascensori spaziali basati a terra sarebbero troppo impegnativi per qualsiasi materiale esistente, la forza di gravità terrestre e la velocità di rotazione spezzerebbero il cavo prima che possa essere completato. Ma il rischio di un crollo catastrofico, dicono i ricercatori, sarebbe inferiore per un cavo cavo legato alla Luna.

In tutto il documento, la studentessa laureata in astronomia di Penoyre e Cambridge Emily Sandford ha spesso notato che i nanotubi di carbonio sarebbero il materiale migliore da usare, ma non possono ancora essere costruiti su scala.

Sulla base dei calcoli nel documento, sembra che diversi materiali esistenti potrebbero essere all’altezza della sfida, è solo questione di trovare la cosa più forte che può essere realizzata nella scala richiesta.

“L’unica cosa da aggiungere è che deve anche essere in grado di sopravvivere bene nello spazio profondo“, ha detto Penoyre. “Ho esaminato brevemente questo aspetto, ma non sono un esperto di scienza dei materiali”.

Per quanto riguarda la linea stessa, i ricercatori hanno studiato una serie di forme, giungendo alla conclusione che servirebbe un cavo estremamente stretto su entrambe le estremità, per evitare che collassi sotto la pressione gravitazionale. Il cavo dovrebbe essere più spesso al centro per evitare che si spezzi.

Se tutto funzionerà e un giorno la Spaceline verrà realizzata, i ricercatori immaginano un futuro in cui l’umanità la userà per spostare nello spazio telescopi orbitali, centri di ricerca e altre strutture che potrebbero librarsi nel punto di Lagrange, il punto in cui le gravità della Luna e della Terra sono in equilibrio e si annullano.

Pensa ai primi campi base antartici, all’inizio potrebbero esserci solo tre ingegneri lassù alla volta, ma a differenza dell’orbita terrestre bassa, il punto di Lagrange è il luogo perfetto per costruire“, ha detto Penoyre. “Potremmo immaginare pannelli prefabbricati da inviare lungo la linea e assemblati in una colonia in continua crescita. Sono stato sorpreso di scoprire che ora ci sono migliaia di persone che vivono una parte significativa dell’anno in Antartide: alla fine lo stesso potrebbe valere per il punto di Lagrange ”.