SpaceX risponde all’ESA sul potenziale incidente in orbita tra due satelliti

Un bug di sistema avrebbe impedito alla compagnia di Elon Musk di ricevere le informazioni complete. Iridium solidarizza con SpaceX.

0
320
un satellite starlink di SpaceX ha rischiato di entrare in collisione con il satellite Eolo dell'ESA

Come è noto, tre giorni fa l’Agenzia spaziale europea è stata costretta a eseguire una “manovra di prevenzione delle collisioni” per evitare una possibile collisione tra il suo satellite Eolo e uno dei satelliti Starlink di SpaceX, in quello che sta rapidamente diventando un evento fin troppo comune. SpaceX ha comunicato di non aver mai ricevuto l’avviso che una collisione fosse possibile.

Gli esperti del team Space Debris dell’ESA “hanno calcolato il rischio di collisione tra questi due satelliti attivi“, determinando che l’opzione più sicura per Eolo era aumentare la sua altezza e farlo passare sul satellite di SpaceX, secondo un tweet dell’ESA. Si è trattato della prima volta che l’ESA ha dovuto eseguire “una manovra per evitare le collisioni” per proteggere uno dei suoi satelliti dallo scontro con una “mega costellazione“, ha osservato l’agenzia spaziale.

Fare riferimento a Starlink di SpaceX come una “mega costellazione” è un po’ esagerato al momento, dato che il sistema è attualmente composto da 60 satelliti. Questo gruppo iniziale di satelliti è stato inserito in orbita terrestre bassa a maggio a bordo di un razzo Falcon 9 ed è stato il primo di molti schieramenti pianificati. SpaceX prevede di schierare una costellazione composta da centinaia e forse migliaia di satelliti Starlink interconnessi, che fornirebbero internet a banda larga ai clienti paganti indipendentemente da dove si trovino nel mondo.

L’ESA ha twittato ieri, che poiché “il numero di satelliti in orbita aumenta, a causa di “mega costellazioni “come #Starlink che comprende centinaia o addirittura migliaia di satelliti, la procedura manuale di prevenzione delle collisioni attuale diventerà impossibile …

Un grafico dell’ESA ha identificato il colpevole come Starlink 44. La manovra è stata eseguita una mezza orbita terrestre prima del punto di maggiore vicinanza tra Eolo e il satellite Starlink. Jeff Foust di SpaceNews ha fornito ulteriori informazioni sull’incidente:

Holger Krag, direttore dell’ufficio del programma di sicurezza spaziale dell’ESA, ha dichiarato in una e-mail del 3 settembre che il team di valutazione congiunta dell’agenzia ha notato il potenziale approccio ravvicinato con circa cinque giorni di anticipo, utilizzando i dati forniti dal 18° squadrone di controllo spaziale dell’aeronautica statunitense. “Abbiamo informato SpaceX“, ha detto. “Nel corso dei giorni la probabilità di collisione ha superato la soglia di decisione e abbiamo iniziato la preparazione alla manovra e condiviso i nostri piani con SpaceX. La decisione di manovrare è stata quindi presa il giorno prima“.

Le probabilità di una collisione sono state calcolate su 1 su 1.000,abbastanza alta da giustificare la manovra.

In una dichiarazione inviata a Gizmodo, un portavoce di SpaceX ha dichiarato che il team di Starlink “ha scambiato un’e-mail con il team operativo di Eolo il 28 agosto scorso, quando la probabilità di collisione era solo nel range di 1 su 50.000, ben al di sotto del range 1 su 10.000 soglia standard del settore e 75 volte inferiore alla stima finale”.

Una volta che gli aggiornamenti della US Air Force hanno mostrato che la probabilità era aumentata a più di 1 su 10.000, “un bug nel nostro sistema di paging su chiamata ha impedito all’operatore di Starlink di vedere il seguito sulla corrispondenza su questo aumento di probabilità“, secondo il portavoce, che ha detto “SpaceX sta ancora studiando il problema e implementerà azioni correttive… Se l’operatore Starlink avesse visto la corrispondenza, ci saremmo coordinati con l’ESA per determinare il miglior approccio con il proseguimento della loro manovra o l’esecuzione di una nostra manovra“.

Questo incidente rivela lo stato fragile e primitivo della gestione del traffico spaziale, in cui una comunicazione fallita ha portato l’ESA ad agire unilateralmente sulla questione.

Per quanto riguarda la costellazione di Starlink e il suo potenziale di creare rischi futuri man mano che cresce di dimensioni, SpaceX sta dotando i suoi satelliti di capacità automatizzate e manuali di prevenzione delle collisioni, secondo la società guidata da Elon Musk.

SpaceX condivide anche le previsioni di posizione e velocità, tra gli altri dati, con la US Air Force e altri operatori satellitari. Il portavoce ha affermato che SpaceX è “tra i primi a condividere volontariamente i dati di tracciamento delle effemeridi con altri operatori satellitari e con il pubblico su space-track.org“.

Nel 2018, l’ESA ha dovuto eseguire 28 manovre di elusione, riporta Cnet, quindi non si è trattato di un evento enormemente fuori dal comune. Detto questo, è “molto raro eseguire manovre di prevenzione delle collisioni con satelliti attivi“, secondo un tweet dell’ESA , poiché “la stragrande maggioranza delle manovre di prevenzione dell’ESA sono causate da satelliti morti o frammenti di precedenti collisioni“.

In risposta ai tweet dell’ESA, Matt Desch, CEO della società di comunicazioni satellitari Iridium, ha suggerito che questo incidente non sia stato un grosso problema: “Spostiamo i nostri satelliti in media una volta alla settimana e non pubblichiamo un comunicato stampa per dire per colpa di chi abbiamo effettuato la manovra…

In effetti, una lettura cinica suggerisce che l’ESA abbia usato questo incidente – che è stato un vero incidente – per sensibilizzare sul crescente problema della gestione del traffico spaziale, cosa che ha fatto cavalcando il clamore di SpaceXVale la pena sottolineare che l’ESA ha colto l’occasione per notare che al momento si sta preparando a semplificare il processo di rilevamento delle collisioni con intelligenza artificiale.

Alla fine, l’IA potrebbe essere utilizzata per automatizzare il sistema, dal rilevamento di una minaccia fino all’esecuzione dell’azione richiesta. Sia ESA che SpaceX stanno pianificando di utilizzare sistemi autonomi in futuro per mitigare il rischio di collisioni, riferisce SpaceNews. I sistemi automatizzati, ha osservato l’ESA, “stanno diventando necessari per proteggere la nostra infrastruttura spaziale“.

Fonte: Gizmodo