Home Editoriali Un nuovo studio ipotizza una nuova risposta al “Paradosso di Fermi”

Un nuovo studio ipotizza una nuova risposta al “Paradosso di Fermi”

Secondo un nuovo studio, la Via Lattea potrebbe essere piena di civiltà aliene interstellari, solo che, semplicemente, non lo sappiamo perché l'ultima volta che sono passati da queste parti è stato dieci milioni di anni fa.

0
1353
una nuova ipotesi per rispondere al paradosso di fermi

Lo studio, pubblicato il mese scorso su The Astronomical Journal, ipotizza che la vita extraterrestre intelligente potrebbe impiegare del tempo per esplorare la galassia, sfruttando il movimento dei sistemi stellari per facilitare il salto da stella a stella.

Il lavoro è una nuova risposta alla domanda nota come il paradosso di Fermi, che ci chiede perché non riusciamo a rilevare segni di intelligenza extraterrestre.

Il paradosso fu posto per la prima volta dal fisico Enrico Fermi, che notoriamente chiese: “Dove sono tutti?

Fermi stava mettendo in dubbio la fattibilità del viaggio tra le stelle, ma da allora la sua domanda è arrivata a rappresentare dubbi sull’esistenza stessa degli extraterrestri.

L’astrofisico Michael Hart esplorò formalmente la domanda quando sostenne in un articolo del 1975 che c’era stato un sacco di tempo perché la vita intelligente colonizzasse la Via Lattea nei 13,6 miliardi di anni trascorsi dall’inizio della formazione della galassia e che, quindi, è strano che non ne abbiamo saputo nulla.

La conclusione di Hart fu che non ci devono essere altre civiltà avanzate nella nostra galassia.

Il nuovo studio offre una prospettiva diversa sulla domanda: forse gli alieni stanno solo prendendosi il tempo necessario per seguire una specifica strategia per l’esplorazione della galassia, suggeriscono gli autori.

Se non si tiene conto del movimento delle stelle quando si tenta di risolvere questo problema, sostanzialmente solo con due possibili soluzioni“, ha dichiarato a Business Insider Jonathan Carroll-Nellenback, scienziato computazionale e autore principale dello studio.

O nessuno lascia il proprio pianeta o, in realtà, siamo l’unica civiltà tecnologica nella galassia.”

Le stelle (e i pianeti intorno a loro) orbitano attorno al centro della galassia su percorsi diversi a velocità diverse. Mentre lo fanno, a volte si incrociano, ha sottolineato Carroll-Nellenback. Quindi gli alieni potrebbero aspettare che la loro prossima destinazione si avvicini abbastanza a loro, dice il suo studio.

Se questo fosse il caso, le civiltà impiegherebbero più tempo a diffondersi tra le stelle di quanto stimato da Hart. Quindi potrebbero non averci ancora raggiunti oppure averlo già fatto, molto prima che gli umani si evolvessero.

Una nuova idea sul viaggio interstellare

I ricercatori hanno cercato di rispondere al paradosso di Fermi in vari modi: gli studi hanno considerato anche la possibilità che tutte le forme di vita aliene si siano sviluppate negli oceani al di sotto della superficie di un pianeta e hanno ipotizzato che le civiltà tecnologiche, ad un certo punto, possano essere distrutte dalla loro insostenibilità prima di arrivare ad essere in grao compiere qualsiasi viaggio interstellare.

C’è anche l’ipotesi dello zoo“, che immagina che le società della Via Lattea abbiano deciso di non contattarci per gli stessi motivi per cui noi abbiamo istituito riserve naturali o mantengono le protezioni per alcune popolazioni indigene mai contattate, una specie di “Prima Direttiva” di Star Trek.

Uno studio dell’Università di Oxford del 2018, nel frattempo, ha suggerito che ci sono circa 2 possibilità su 5 che siamo soli nella nostra galassia e una possibilità di 1 su 3 che siamo soli nell’intero cosmo.

Ma gli autori del nuovo studio sottolineano che le ricerche precedenti non hanno tenuto conto di un fatto cruciale della nostra galassia: si muove. Proprio come i pianeti orbitano attorno alle stelle, i sistemi stellari orbitano attorno al centro galattico. Il nostro sistema solare, ad esempio, orbita attorno alla galassia ogni 230 milioni di anni.

Se delle civiltà aliene fossero sorte in sistemi stellari abbastanza isolati e lontani dagli altri (come il nostro, che si trova alla periferia della galassia), potrebbero rendere il viaggio interstellare più breve aspettando che il loro percorso orbitale li avvicini a un sistema stellare abitabile.

Quindi, una volta sistemati in quel nuovo sistema, gli alieni potevano aspettare di nuovo una distanza di viaggio ottimale per fare un altro salto, e così via.

In questo scenario, gli alieni non stanno piazzando un jet nella galassia. Stanno solo aspettando abbastanza a lungo perché la loro stella si avvicini a un’altra stella con un pianeta abitabile.

Se abbastanza a lungo è un miliardo di anni, beh, questa è una soluzione al paradosso di Fermi“, ha detto Carroll-Nellenback. “I mondi abitabili sono così rari che devi aspettare più a lungo di quanto ci si aspetta da qualsiasi civiltà prima che ne arrivi un altro“.

La Via Lattea potrebbe essere piena di sistemi stellari stabili

Per esplorare gli scenari in cui potrebbero esistere gli alieni, i ricercatori hanno utilizzato modelli numerici per simulare la diffusione di una civiltà nella galassia. Hanno preso in considerazione una varietà di possibilità per l’ipotetica vicinanza di una nuova civiltà ai nuovi sistemi stellari, la portata e la velocità delle sue sonde interstellari e la velocità di lancio di tali sonde.

Il team di ricerca non ha tentato di indovinare le motivazioni o la politica degli alieni, una tendenza che alcuni astronomi considerano un trabocchetto in altre soluzioni del Paradosso di Fermi.

Abbiamo cercato di elaborare un modello che coinvolgesse il minor numero di ipotesi sulla sociologia che potevamo“, ha detto Carroll-Nellenback.

Tuttavia, parte del problema con la modellizzazione della diffusione galattica delle civiltà aliene è che stiamo lavorando solo con un punto dati: noi stessi. Quindi tutte le nostre previsioni sono basate sul nostro comportamento.

Ma anche con questa limitazione, i ricercatori hanno scoperto che la Via Lattea potrebbe essere piena di sistemi stellari stabili che non conosciamo. Ciò era ancora vero quando usavano stime prudenti della velocità e della frequenza del viaggio interstellare degli alieni.

“Anche se ogni sistema fosse abitabile probabilmente non ci visiterebbero perché non sono abbastanza vicini“, ha detto Carroll-Nellenback, anche se ha aggiunto che “solo perché una cosa è possibile, ciò non la rende probabile“.

Finora abbiamo rilevato circa 4.000 pianeti al di fuori del nostro sistema solare e, per quanto ne sappiamo, nessuno di loro sembra ospitare la vita. Ma non abbiamo guardato ancora abbastanza: ci sono almeno 100 miliardi di stelle nella Via Lattea e ancora più pianeti.

Uno studio recente ha stimato che fino a 10 miliardi di quei pianeti potrebbero essere simili alla Terra.

Quindi gli autori dello studio hanno scritto che concludere che nessuno di quei pianeti ha vita sarebbe come guardare un po’ d’oceano e non avendo visto delfini, concludere che l’intero oceano non ha delfini.

Gli alieni potrebbero aver visitato la Terra in passato

Un altro elemento chiave nei dibattiti sulla vita aliena è quello che Hart ha chiamato “Fatto A“: non ci sono visitatori interstellari sulla Terra ora e non ci sono prove di visite passate.

Ma ciò non significa che non siano mai stati qui, affermano gli autori del nuovo studio.

Se una civiltà aliena fosse venuta sulla Terra milioni di anni fa (la Terra ha 4,5 miliardi di anni), potrebbero non essere più possibile identificare segni del loro passaggio, scrivono gli autori. Hanno indicato ricerche precedenti che suggeriscono che potremmo non essere in grado di rilevare prove di precedenti visite aliene.

È anche possibile che gli alieni siano passati vicino alla Terra da quando siamo qui, ma abbiamo deciso di non visitarla. Il documento lo chiama “effetto Aurora“, così chiamato per il romanzo di Kim Stanley Robinson Aurora.

Inoltre, gli alieni potrebbero non voler visitare un pianeta che ha già una forma di vita autoctona, ipotizzano gli autori.

Lo studio ha tenuto conto di tutte queste considerazioni: i calcoli presupponevano che le civiltà aliene avrebbero visitato solo una parte dei mondi abitabili incontrati. Tuttavia, secondo i ricercatori se ci fossero abbastanza mondi abitabili, ormai gli alieni si sarebbero facilmente diffusi in tutta la galassia.

C’è ancora molto altro da imparare

Per ora, i ricercatori non pensano che dovremmo scoraggiarci dal silenzio percepito dall’universo.

Non significa che siamo soli“, ha detto Carroll-NellenbackSignifica solo che i pianeti abitabili sono probabilmente rari e difficili da raggiungere“.

Nei prossimi anni, si prevede che la nostra capacità di rilevare e osservare altri pianeti potenzialmente abitabili migliorerà drasticamente man mano che nuovi telescopi vengono costruiti e lanciati nello spazio.

Il telescopio Kepler fece passi da gigante nella ricerca di pianeti che potrebbero ospitare la vita nella nostra galassia. Oggi, nell’orbita terrestre, il telescopio spaziale Hubble e il satellite di indagine sugli esopianeti in transito (TESS) continuano la ricerca.

La NASA sta anche costruendo il James Webb Space Telescope, che potrebbe essere in grado di vedere attraverso lo spazio e il tempo fino al Big Bang. È previsto il lancio nel 2021.

Naturalmente, ciò che migliorerebbe davvero la capacità degli scienziati di stimare la probabilità che siamo soli nell’universo sarebbero più dati sulla velocità o sugli intervalli delle sonde interstellari. Sarebbe utile anche capire meglio quanto durino le ipotetiche civiltà aliene.

Abbiamo un disperato bisogno di alcuni punti dati“, ha detto Carroll-Nellenback.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da Business Insider .

NO COMMENTS