I cadaveri continuano ad effettuare movimenti per parecchi mesi dopo la morte

Durante la fase di decomposizione i corpi realizzano dei movimenti. Ad esempio, le braccia tendono lentamente a scendere lungo i fianchi. La scoperta è stata effettuata grazie a riprese in time lapse nell'arco dei primi sei mesi dal decesso. Questa scoperta può avere importanti ripercussioni sull'analisi di una scena del crimine, soprattutto quando il decesso risale a qualche tempo prima della scoperta.

0
9398
Durante la decomposizione i corpi effettuano dei movimenti, informazione utile per il forensic

Secondo una nuova ricerca, i morti potrebbero non riposare sempre in pace… letteralmente.

Per più di un anno dopo la morte, i cadaveri si muovono “in modo significativo” e questa scoperta potrebbe essere importante per le indagini forensi.

I ricercatori di una struttura di ricerca sulla decomposizione con sede in Australia – colloquialmente nota come “fattoria del corpo“, un termine che alcuni scienziati trovano irrispettoso, hanno fatto la scoperta sorprendente dopo aver usato telecamere time-lapse per filmare i cadaveri in decomposizione.

Per 17 mesi, una telecamera dell’Australian Facility for Taphonomic Experimental Research (AFTER) h scattato immagini aeree di un cadavere ogni 30 minuti durante le ore diurne. E per tutta la durata, il cadavere ha continuato a muoversi.

Ciò che abbiamo scoperto è stato che le braccia si muovono in modo significativo,scendendo lateralmente“, racconta il medico legale Alyson Wilson della Central Queensland University, all’Australian Broadcasting Corporation.

Alcuni movimenti post mortem erano previsti nelle primissime fasi della decomposizione, ha spiegato, ma il fatto che siano continuati per l’intera durata delle riprese è stata una sorpresa completa.

Pensiamo che i movimenti si riferiscano al processo di decomposizione, mentre il corpo si disidrata mummificandosi e i legamenti si asciugando riducendosi“, ha detto.

Questa conoscenza potrebbe essere significativa nelle indagini sulla morte inspiegabili“.

In effetti, potrebbe cambiare il modo in cui gli scienziati analizzano e interpretano le scene del crimine, in particolare nei casi in cui i resti umani vengono scoperti qualche tempo dopo il decesso.

Fino ad ora, a parte quando c’è l’evidenza che un corpo sia stato spostato – sia da animali che da persone – gli scienziati forensi hanno sempre generalmente supposto che la posizione in cui viene scoperto un corpo sia quella del momento della morte.

Poiché la ricerca di Wilson è il primo caso di utilizzo di una fotocamera time-lapse per studiare la decomposizione umana, questa è anche la prima prova che l’assunto sulla posizione del corpo alla morte potrebbe non essere vero.

Un documento che descrive la scoperta che i cadaveri sono piuttosto più vivaci del previsto deve ancora essere pubblicato, ma fa seguito a lavori precedenti, pubblicati su Forensic Science International: Synergy.

Wilson e colleghi hanno usato una fotocamera time-lapse per seguire la decomposizione di un cadavere per sei mesi. Le immagini risultanti sono state confrontate con un sistema di assegnazione di punti per i livelli di decomposizione in tutto il corpo per determinare l’intervallo post mortem, cioè da quanto tempo è avvenuto il decesso.

Il sistema a punti corrispondeva perfettamente alle fotografie time-lapse, aumentando la validità del sistema come strumento forense; inoltre, i risultati del team hanno convalidato l’utilità delle telecamere time-lapse nella ricerca forense.

Sulla base di questi risultati, sembra che se si studiassero abbastanza cadaveri in timelapse a lungo termine per generare dati statistici sul movimento post mortem, tali conoscenze potrebbero essere utilizzate per analizzare le scene del crimine con maggiore precisione, in futuro.

Tale banca dati fornirebbe informazioni sui modi in cui è probabile che i cadaveri si spostino, il che a sua volta potrebbe consentire agli scienziati forensi di ricostruire la posizione in cui si trovava il corpo al momento della morte. A sua volta, ciò potrebbe aiutare a capire cosa è successo.

“Mapperanno una scena del crimine, mapperanno la posizione del corpo della vittima, mapperanno ogni prova fisica trovata e potranno capire la causa della morte”, ha detto Wilson ad AFP.