I funghi potrebbero salvare l’umanità dall’estinzione nel caso si verificasse un evento a livello estinzione di massa

Per sopravvivere ad una catastrofe globale che oscurasse il Sole, saremmo costretti a nutrirci di Funghi, foglie morte, ratti ed insetti....

246
potremmo salvarci da una catastrofe globale che oscurasse il Sole mangiando funghi, ratti e insetti

Circa 66 milioni di anni fa, un asteroide precipitò nell’atmosfera terrestre e si schiantò sul fondo del mare, provocando un’esplosione oltre 6.500 volte più potente della bomba nucleare lanciata dagli Stati Uniti su Hiroshima.

L’impatto scagliò nuvole di detriti e zolfo nell’atmosfera terrestre, bloccando la luce e il calore del sole per circa due anni. La fotosintesi si interruppe e le piante smisero di crescere. I dinosauri sopravvissuti al cataclisma morirono di fame.

Ma i reperti fossili mostrano che i funghi continuarono a prosperare.

Secondo il giornalista scientifico ed editore di TIME Bryan Walsh, ciò rende i funghi cruciali per la sopravvivenza della specie umana se un simile evento apocalittico dovesse ripetersi in futuro.

Il nuovo libro di Walsh, “End Times, esamina come numerosi eventi catastrofici, sia naturali che di origine umana, minaccino la nostra esistenza. In esso, sottolinea che tre tipi di potenziali catastrofi, impatti di asteroidi, eruzioni di supervulcani e guerra nucleare, hanno tutti una cosa in comune: potrebbero finire per bloccare la luce solare necessaria per nutrire le piante.

Cancella il sole e persino il sopravvissuto meglio preparato, un maestro del deserto, morirà di fame insieme a tutti gli altri“, scrive Walsh nel libro.

Per sopravvivere, spiega, sarebbe necessario adottare un’agricoltura senza luce solare – coltivando funghi, ratti e insetti.

Asteroidi, supervolcano e guerre nucleari potrebbero bloccare il sole

castle bravo shrimp nuclear test blast bikini atoll mushroom cloud noaa
NOAA

La ricerca suggerisce che le conseguenze delle eruzioni di un supervolcano e delle bombe nucleari potrebbero essere simili alle conseguenze dell’impatto dell’asteroide che condannò i dinosauri.

Circa 74.000 anni fa, ad esempio, l’eruzione del supervulcano Toba lanciò nell’atmosfera nuvole di anidride solforosa, oscuramdo la luce solare fino al 90%. Quell’inverno vulcanico potrebbe aver ridotto la popolazione umana globale a sole 3.000 persone, sulla base di un’analisi.

Se un numero sufficiente di bombe nucleari (migliaia di esse) dovesse esplodere, ciò potrebbe provocare un inverno nucleare che ridurrebbe i livelli di luce solare di oltre il 90%, secondo un articolo del 1983 scritto da Carl Sagan. Le temperature globali potrebbero scendere fino a 7 gradi Celsius in quello scenario.

Un raffreddamento così rapido e drastico potrebbe rendere impossibile l’agricoltura, anche in quelle regioni risparmiate dai missili“, scrive Walsh.

Mt. St. Helens
L’eruzione del Monte Sant’Elena nel 1980 uccise 57 persone e causò danni per miliardi di dollari. La supereruzione di Toba fu equivalente a 2.800 eruzioni del Monte Sant’Elena. – AP

In altre parole, senza la luce del sole la catena alimentare da cui dipendiamo si bloccherebbe.

La soluzione per la coltivazione dei funghi descritta nel libro di Walsh proviene da David Denkenberger, un ingegnere civile che lo ha suggerito in un libro del 2014 sull’agricoltura post-apocalittica, chiamato “Nutrire tutti, non importa come“.

Forse, quando gli umani si estingueranno il mondo sarà nuovamente governato dai funghi“, ha detto Denkenberger a Walsh. “Perché non mangiamo solo i funghi e non ci estinguiamo?

I funghi crescono sugli alberi, con o senza il sole

drought dead almond trees california
Un campo di mandorli morti dopo una siccità nella Central Valley della California, il 6 maggio 2015. –  Lucy Nicholson / REUTERS

Se nuvole di detriti o ceneri dovessero oscurare il Sole e provocare un rapido raffreddamento climatico globale, morirebbero trilioni di alberi. Gli umani non sarebbero in grado di digerire quel legno morto, ovviamente, ma i funghi potrebbero, loro non hanno bisogno della fotosintesi.

Non sembra molto, ma con una piccola popolazione post-disastro e un’efficiente produzione di funghi, Denkenberger pensa che potrebbe bastare.

mushrooms bunker france
I funghi ostrica crescono da un blocco di substrato nel “Bunker Comestible” (il “bunker commestibile”) a Strasburgo, Francia, 19 febbraio 2018. – Vincent Kessler / Reuters

Mentre usiamo il legno per coltivare funghi, potremmo usare anche le foglie degli alberi morti. “Le foglie tritate potrebbero essere trasformate in tè per fornire nutrienti mancanti come la vitamina C, o somministrate ad animali ruminanti come mucche o ratti“, ha detto Denkenberger a Walsh.

Gli alberi morti possono nutrire altre forme di vita, come ratti e insetti

I ratti, proprio come i funghi, possono digerire la cellulosa, lo zucchero che costituisce il 50% del legno. Quindi tutto ciò che i funghi lasciano alle spalle potrebbe essere nutrimento per i topi, suggerisce Walsh. In questo modo, i sopravvissuti umani potranno mangiare carne.

Inoltre, i ratti si riproducono rapidamente e probabilmente non hanno bisogno della luce solare per farlo, aggiunge Walsh. Ad un ratto bastano solo sei settimane per raggiungere la maturità sessuale e da lì solo 70 giorni per produrre da sette a nove cuccioli. Nei calcoli di Denkenberger, tutta l’umanità potrebbe mangiare ratti entro due anni dal disatro.

Anche gli insetti sarebbero utili perché potrebbero fornire proteine ​​e molti di loro sopravviverebbero a una catastrofe che provocasse l’oscuramento del Sole.

Le stesse qualità che rendono gli insetti così abbondanti e così resistenti consentirebbero a molte specie di sopravvivere anche alle più estese catastrofi“, scrive Walsh. “Gli scarabei potrebbero banchettare con legno morto e gli umani potrebbero banchettare con gli scarabei“.

Eating Insects meal worm pralines
Praline di farina di vermi – REUTERS / Jerry Lampen

Gli insetti sono già un alimento base in alcune parti del mondo e stanno iniziando a guadagnare mercato altrove. Walsh descrive una fiera del cibo per insetti a Richmond, in Virginia, dove ha assaggiato un piatto di pasta con polpette di grilli macinati e larve di vermi fritti.

Erano entrambi mangiabili“, scrive. “Se fossi affamato, non avrei difficoltà a nutrirmene“.

I sopravvissuti si unirebbero

Il libro di Walsh ridimensiona un’altra idea popolare su come nutrirci durante un’apocalisse: il cannibalismo.

Ciò non aiuterebbe all’indomani di una catastrofe che mette gli umani a rischio di estinzione, dice, perché gli esseri umani, semplicemente, non sono una fonte di cibo sostenibile. Walsh indica uno studio del 2017 in cui un gruppo di studenti universitari calcolava quanto sarebbe durata la specie umana se fossimo costretti a nutrirci solo con il cannibalismo. Secondo questo studio, rimarrebbe un solo uomo in 1.149 giorni (circa 3 anni).

Aggiunge, tuttavia, che la costruzione di un nuovo sistema agricolo richiederebbe unità di intenti e sostiene che la collaborazione sarebbe probabilmente molto praticata in uno scenario di disastro.

Per tutta la nostra paura di ciò che verrebbe dopo, per tutte le nostre storie desolate, il collasso e il conflitto non sono causati da un disastro“, scrive Walsh. “Gli esseri umani si aiutano a vicenda, anche in quei momenti in cui non sembra essere nel loro interesse. È probabile che l’Homo sapiens sia sopravvissuto al suo momento di maggior rischio di estinzione, la supereruzione di Toba, proprio collaborando. Ed è l’unico modo in cui sopravviveremo al prossimo disastro naturale”.

Fonte: Business Insider