L’anno senza estate provocato dall’eruzione del monte Tambora

La temperatura globale scese tra uno e tre gradi Celsius. Il 1816 fu l'anno più freddo negli ultimi 250 anni, secondo quanto riferisce lo studio.

0
1841
L'eruzione del monte Tambora nel 1815 provocò l'anno senza estate

È successo più di due secoli fa, ma il suo impatto rimane enorme. Gli storici hanno associato il famigerato “anno senza estate” del 1816, almeno indirettamente, con l’invenzione della bicicletta e la pubblicazione del romanzo “Frankenstein“.

Nell’aprile del 1815, il Monte Tambora esplose in una potente eruzione che uccise decine di migliaia di persone sull’isola indonesiana di Sumbawa. L’anno seguente divenne noto come “l’anno senza un’estate” quando un clima insolitamente freddo e piovoso si abbattè sull’Europa e il Nord America.
Già nel 1913, i ricercatori suggerirono che i due eventi erano collegati. Ora un nuovo studio mostra che le fredde temperature estive del 1816 non sarebbero state possibili senza l’eruzione vulcanica. La ricerca è stata pubblicata nei giorni scorsi sulla rivista Environmental Research Letters.
Gli effetti immediati dell’eruzione del Tambora vulcano furono distruttivi. L’eruzione, i flussi che ne derivarono e i relativi tsunami causarono almeno 10.000 morti, distruggendo tutto lungo le linee costiere. Altri 80.000 furono i morti per le epidemie che si diffusero in seguito.
Il cratere del Monte Tambora - profondo mezzo miglio e largo più di 7 miglia - fu creato dalla sua eruzione dell'aprile 1815.
Il cratere del Monte Tambora – profondo mezzo 700 metri e largo più di 11 chilometri- fu creato dalla sua eruzione dell’aprile 1815.
L’eruzione del Monte Tambora nell’aprile del 1815 è stata tra le più esplosive dell’ultimo millennio“, ha dichiarato Andrew Schurer, autore principale dello studio e associato di ricerca presso la School of Geosciences dell’Università di Edimburgo. “Ha avuto un impatto enorme a livello locale, devastando l’isola di Sumbawa“.
L’enorme quantità di materiale espulso dal vulcano ha contribuito all’impatto globale che ne è seguito.
L’eruzione ha iniettato un’enorme quantità di anidride solforosa nella stratosfera, che si è poi rapidamente diffusa in tutto il mondo, ossidandosi per formare aerosol di solfato“, ha detto Schurer. “Questi aerosol vulcanici riducono le radiazioni a onde corte causando un raffreddamento superficiale diffuso e di lunga durata. Inoltre, portano a una riduzione delle precipitazioni globali, bagnando al contempo alcune regioni secche e provocando cambiamenti dinamici nella circolazione su larga scala sia dell’oceano che dell’atmosfera“.
La temperatura globale scese tra uno e tre gradi Celsius. Il 1816 fu l’anno più freddo negli ultimi 250 anni, secondo quanto riferisce lo studio. Ogni stagione ha mostrato anomalie della temperatura, ma l’estate si sono visti i cambiamenti più drastici, con la temperatura estiva media in Europa più bassa tra quelle registrate tra il 1766 e il 2000.
Nell’estate del 1816, le condizioni fredde e umide nell’Europa centrale e occidentale e persino nel Nord America portarono al fallimento delle colture, alla morte del bestiame e della carestia.
Una Ricerca precedente ha persino suggerito che le pesanti nuvole e le piogge dell’eruzione abbiano contribuito alla sconfitta di Napoleone a Waterloo tre mesi dopo l’eruzione, in Belgio.
Schurer e i suoi colleghi hanno usato i primi dati e modelli climatici per determinare l’effetto dell’eruzione vulcanica. Hanno confrontato i dati con quelli di altri anni che hanno presentato modelli simili di pressione a livello del mare. In anni simili, le precipitazioni erano comparabili, ma non le temperature fredde. Quando l’eruzione del Tambora è stata  introdotta nello scenario della simulazione, un passaggio chiamato forzatura vulcanica, gli scienziati hanno letteralmente replicato l’estate del 1816.
L’inclusione della forzatura vulcanica nei modelli climatici può giustificare il raffreddamento e stimiamo che aumenti la probabilità di temperature estremamente fredde fino a 100 volte“, ha affermato Schurer. “Esistono prove evidenti nelle simulazioni del modello che l’eruzione vulcanica aumenta la probabilità di un’estate così umida sull’Europa centrale da circa 1,5 a tre volte“.
In questo periodo si è avuta una notevole percentuale di morte delle colture, con un conseguente aumento del prezzo del cibo. Aumentò anche il prezzo dell’avena per i cavalli, che all’epoca erano il principale mezzo di trasporto, secondo il National Center for Atmospher Research. A ciò è stato attribuito il merito di aver contribuito a ispirare l’invenzione della bicicletta da Karl Drais nel 1817.
L’estate, o la sua mancanza, nel 1816 ispirò anche qualcos’altro: racconti gotici.
Lord Byron, Claire Clairmont, il Dr. John William Polidori, Percy Shelley e Mary Godwin (prima di sposare Shelley) hanno soggiornato in una villa con vista sul Lago di Ginevra in Svizzera. Ma la loro vacanza fu funestata dal brutto tempo. Durante una conversazione Byron suggerì che ogni membro del gruppo scrivesse una storia dell’orrore da condividere.
Nel giro di poche settimane, Godwin aveva scritto “Frankenstein”, Byron scrisse la sua poesia “Darkness” e Polidori redasse il suo racconto “The Vampyre”.