Se terraformassimo Venere, ammesso di averne i mezzi, resterebbe abitabile?

Se non fosse per un qualche disastro geologico avvenuto in passato, Venere sarebbe ancora abitabile oggi? E ancora più allettante, se avessimo i mezzi per terraformare Venere e lo facessimo, rimarrebbe temperata?

0
1750
Venere probabilmente era abitabile fino a 700 milioni di anni fa

Se non fosse per un qualche disastro geologico avvenuto in passato, Venere sarebbe ancora abitabile oggi? E ancora più allettante, se avessimo i mezzi per terraformare Venere e lo facessimo, rimarrebbe temperata?

Tali domande nascono dalle notizie della scorsa settimana sulla possibilità che Venere possa essere stata abitabile per almeno tre miliardi di anni. Bene, la copertura di questa notizia ha ampiamente omesso un punto cruciale. Cioè, Venere si trova ancora all’interno della zona abitabile del nostro sistema solare in cui può esistere acqua liquida sulle superfici planetarie?

Lo studio pubblicato la scorsa settimana ha notato che se non fosse stato per un cataclisma geologico, Venere dovrebbe ancora abitabile. O almeno così dice Michael Way, un planetologo del NASA Goddard Space Institute for Space Studies, che ha presentato i suoi risultati in una riunione congiunta della Divisione per le scienze planetarie dell’American Astronomical Society e del Congresso europeo delle scienze planetarie.

Attualmente Venere riceve quasi il doppio della radiazione solare che abbiamo sulla Terra, tuttavia, in tutti gli scenari che abbiamo modellato, abbiamo scoperto che [potrebbe] supportare ancora temperature di superficie suscettibili di acqua liquida“, ha dichiarato Way in una nota.

La linea standard della comunità scientifica planetaria sulla storia evolutiva di Venere è stata finora basata sull’idea che, con il tempo, la luminosità del nostro Sole è progressivamente aumentata, spostando verso l’esterno il margine interno della zona abitabile del nostro sistema solare. E così facendo, il potenziale di Venere come possibile pianeta abitabile è radicalmente diminuito.

Mentre il nostro antico Sole acquistava luminosità, l’acqua di superficie di Venere iniziò ad evaporare nell’atmosfera. Allo stesso tempo, il calore ha iniziato a modificare la crosta del pianeta con una combinazione di convezione del mantello e alte temperature superficiali.

Questo fenomeno ha provocato un catastrofico degassamento del biossido di carbonio e una fusione superficiale, con conseguente rovesciamento e fusione della superficie di Venere in un evento (o eventi) che probabilmente è andato avanti per diverse centinaia di milioni di anni.

In effetti, Way e il collega ricercatore del Goddard Institute Anthony Del Genio ritengono che a partire da circa 750 milioni di anni fa, la situazione su Venere è precipitata drammaticamente. Il pianeta potrebbe ancora trovarsi nella zona abitabile, ma questi eventi hanno ha cambiato il suo clima. Il pianeta si è riscaldato troppo e il riciclo crustale del carbonio si è bloccato.

Date le prove attuali, Kane ritiene improbabile che questi eventi geologici abbiano causato il cambiamento climatico su Venere. Secondo lui, più probabilmente, è stata semplicemente la vicinanza di Venere a un Sole sempre più splendente che ha provocato il drammatico cambiamento climatico del pianeta, che ha avuto conseguenze per la sua geologia.

Concordo sul fatto che Venere potrebbe aver avuto un clima temperato [recentemente] come un miliardo di anni fa, ma non sono d’accordo sul fatto che il resurfacing abbia causato la catastrofe climatica“, ha detto Kane.

Way afferma che sulla Terra l’analogia più vicina a ciò che è successo su Venere, si può trovare nei flussi di lava de trappi del Deccan in India. Alcuni paleontologi ritengono che il gigantesco asteroide che impattò con la Terra circa 66 milioni di anni fa, che ha portato all’estinzione dei dinosauri, abbia anche innescato successive eruzioni vulcaniche globali.

Il concetto di zona abitabile di un sistema solare.

I flussi di lava generati dalle eruzioni in quella che oggi è l’India potrebbero aver contribuito all’estinzione dei dinosauri poiché si ritiene che abbiano emesso grandi quantità di anidride carbonica e altri gas nocivi nell’atmosfera terrestre.

Su Venere, tuttavia, si sospetta che questo tipo di eventi vulcanici siano stati di dimensioni più grandi e più drammatiche che qui sulla Terra. “È successo qualcosa su Venere in cui un’enorme quantità di gas è stata rilasciata nell’atmosfera senza che le rocce potessero riassorbirla“, ha spiegato Way in una nota. “Queso qualcosa ha completamente trasformato Venere “.

Se si dovesse sostituire l’attuale Venere con un nuovissimo pianeta di massa terrestre, con oceani e una sorta di meccanismo geologico per riciclare il carbonio del pianeta, allora questo Venere 2.0 rimarrebbe probabilmente abitabile, sostiene Way. Cioè, nella sua orbita attuale di 0,72 unità astronomiche (un’unità astronomica corrisponde alla distanza Terra-Sole).

È un’idea che non sarà mai adeguatamente testata a meno che la nostra lontana discendenza non decida di trasformare Venere in qualcosa che sostenga la vita come la conosciamo. Il primo passo sarebbe quello di dare a Venere un clima temperato con un sano mix di oceani e continenti, quindi attendere e vedere se rimane abitabile.

Way è convinto che potrebbe. Oggi Venere riceve quasi il doppio della radiazione solare della Terra. Ma, secondo lui, una Venere 2.0 dovrebbe essere ancora in grado di mantenere una temperatura superficiale media compresa tra 20 e 40 gradi Celsius. Insomma, secondo way, a dispetto dell’accresciuta luminosità del Sole, Venere dovrebbe ancora essere nella zona abitabile del sistema solare.

Fonte: Forbes