Scoperto un mondo nascosto di vulcani sottomarini, camini e flussi di lava al largo della costa italiana

Si tratta di un'area geologicamente nuova che finora non era stata individuata.

0
2948
scoperto un nuovo complesso vulcanico al largo della costa italiana

Nascosto sotto le onde del Mar Tirreno, vicino all’Italia sud-occidentale, si trova un nuovo mosaico vulcanico punteggiato da camini geotermici e monti marini a cima piatta.

Questo complesso è nuovo sia per la scienza che per il pianeta, geologicamente parlando; ha solo circa 780.000 anni. Gli scienziati non sono particolarmente sorpresi di trovare vulcanismo nella regione, che ospita vulcani attivi come il Vesuvio e l’Etna. Il nuovo complesso, però, è insolito perché è stato creato da un fenomeno abbastanza raro, ha dichiarato il leader dello studio Fabrizio Pepe, geofisico dell’Università di Palermo.

Questa è un’area molto complessa“, ha commentato Pepe.

Regione irrequieta

Il Mediterraneo occidentale è sismicamente irrequieto a causa della collisione di tre placche tettoniche: africana, eurasiatica e anatolica. A rendere le cose più complesse è una piccola porzione di crosta chiamata micropiastra adriatico-ionica, che si staccò dalla placca africana più di 65 milioni di anni fa e ora viene spinta sotto la più grande placca eurasiatica in un processo chiamato subduzione. Il Vesuvio è uno dei vulcani creati dalla subduzione.

In precedenza, gli scienziati hanno scoperto una serie di archi vulcanici sottomarini creati da questi disordini tettonici, iniziando vicino alla costa sarda, con archi sempre più giovani a sud e ad est. Questi archi sono come una freccia che punta sempre più verso est, spingendo Pepe e i suoi colleghi a cercare un arco ancora più giovane a circa 15 chilometri al largo della costa calabrese, chiamato la “punta” dello “stivale” d’Italia.

Lì, sulla base della mappatura dei fondali marini, dei dati sismici e delle anomalie magnetiche, i ricercatori hanno scoperto una regione di 2.000 km quadrati di flussi di lava, montagne vulcaniche e camini idrotermali; le prese d’aria sul fondo del mare consentono ai minerali caldi di schizzare fuori e formare strutture simili a un camino. La nuova area è stata chiamata Diamante ‐ Enotrio ‐ Ovidio Volcanic ‐ Intrusive Complex, con tre monti a cima piatta (montagne sottomarine formate da vulcani spenti) che dominano il fondale marino.

Passo dopo passo

Quelle fratture sono ciò che ha permesso al magma di emergere in superficie nel complesso Diamante-Enotrio-Ovidio, creando un paesaggio sottomarino di flussi di lava e vulcani montuosi.
Questi monti vulcanici ora sono altipiani perché sporgevano in superficie quando il livello del mare era più basso e l’erosione ha dato loro l’attuale forma piatta, ha spiegato Pepe.
Il complesso vulcanico è inattivo, ma ci sono piccole intrusioni di lava in alcune parti del fondale marino, hanno riferito i ricercatori il 6 luglio sulla rivista Tectonics. Tuttavia, l’area potrebbe diventare attiva in futuro, ha detto Pepe, perché sul lato orientale del Mar Tirreno sono in corso fenomeni di vulcanismo attivo.
I ricercatori stanno lavorando per costruire una mappa del rischio vulcanico del complesso per capire meglio se potrebbero esserci in futuro rischi per la popolazione o le cose.
Sul complesso sono anche in corso studi per stabilire se sia possibile sfruttarlo per la produzione di energia geotermica.
Fonte: Live Science .