È improbabile che Planet Nine sia un buco nero, ma non impossibile

Sembra un'idea folle, ma non è al di fuori del regno delle possibilità. Per cominciare, se Planet Nine fosse un buco nero di massa planetaria, la sua attrazione gravitazionale sui TNO sarebbe esattamente la stessa. Tecnicamente, le prove gravitazionali per un nono pianeta sono anche prove di un possibile piccolo buco nero. Ed è possibile che esistano buchi neri di massa planetaria.

751

È noto che il nostro sistema solare è composto di otto pianeti ma, nascosto nel sistema solare esterno potrebbe essercene un nono. No, questo pianeta nove non è Plutone ma piuttosto un mondo dieci volte più distante dal Sole con una massa cinque volte più grande della Terra. Un mondo freddo e oscuro in agguato ai margini del regno del Sole.

Nessun pianeta del genere è stato ancora scoperto, ma ci sono alcuni indizi che potrebbe esserci.

Se Planet Nine esistesse davvero, la sua massa interagirebbe gravitazionalmente con gli altri corpi nel sistema solare. Questa attrazione sarebbe troppo piccola per essere notata per la maggior parte dei pianeti, ma influenzerebbe più fortemente i piccoli corpi che si trovano oltre l’orbita di Nettuno, quelli che sono noti come Trans-Neptunian Objects (TNOs).

Negli ultimi due decenni, abbiamo trovato centinaia di questi oggetti ed è stato notato che molti di loro hanno orbite che sembrano essere orientate in una direzione simile. Questo viene ritenuto un fatto anomalo poiché gli scienziati si aspetterebbero che le orbite di questi corpi distanti così distanti dal Sole siano abbastanza casuali. Nel 2016, Konstantin Batygin e Michael Brown suggerirono che questo raggruppamento potrebbe essere causato da un pianeta ancora da scoprireUlteriori studi sul raggruppamento statistico dei TNO hanno suggerito che le prove non sono così forti, ma vale comunque la pena cercare un tale pianeta.

Con una massa tra le cinque e le dieci terre, il Pianeta Nove sarebbe probabilmente grosso modo grande come Nettuno. Anche a una distanza di 500 UA sarebbe abbastanza grande da essere visto dai nostri migliori telescopi. Ma i sondaggi condotti sia dal Pan-STARRS che dal Wide-field Infrared Survey Explorer (WISE) non hanno trovato prove della presenza di questo fantomatico pianeta.

Ora, un nuovo articolo di Jakub Scholtz e James Unwin suggerisce che, dopo tutto, potremmo non essere in grado di vederlo. Perché potrebbe non essere un pianeta, ma piuttosto un buco nero.

Sembra un’idea folle, ma non è al di fuori del regno delle possibilità. Per cominciare, se Planet Nine fosse un buco nero di massa planetaria, la sua attrazione gravitazionale sui TNO sarebbe esattamente la stessa. Tecnicamente, le prove gravitazionali per un nono pianeta sono anche prove di un possibile piccolo buco nero. Ed è possibile che esistano buchi neri di massa planetaria.

Ma potrebbe esistere una terza tipologia di buchi neri noti come buchi neri primordiali.

Questi potrebbero essersi formati nei primi momenti dell’universo, quando la densità cosmica era così alta che le fluttuazioni di densità collassavano su se stesse.

Teoricamente, i buchi neri primordiali potrebbero avere una massa qualunque, da quella di un piccolo asteroide a quella di migliaia di stelle. Se esistessero i buchi neri primordiali, alcuni potrebbero avere una massa giusta per essere il Pianeta Nove.

I buchi neri primordiali, se esistessero, sarebbero troppo piccoli per essere osservati direttamente. Se Planet Nine fosse davvero un buco nero, avrebbe le dimensioni di una mela.

Uno dei modi che potrebbero permetterci di osservare i buchi neri primordiali è attraverso un effetto noto come microlensing gravitazionale. Se un piccolo buco nero si trovasse tra noi e una stella lontana, la luce della stella verrebbe deviata gravitazionalmente dal buco nero, facendo apparire la stella momentaneamente più luminosa.

Quando l’esperimento di lente gravitazionale ottica (OGLE) ha cercato eventi di microlensing, ne hanno trovati più del previsto e questo surplus potrebbe essere spiegato dalla presenza di buchi neri primordiali nella nostra galassia.

I dati di OGLE non dimostrano l’esistenza di buchi neri primordiali, ma suggeriscono che potrebbero esistere, proprio come il raggruppamento dei TNO suggerisce che Planet Nine potrebbe esistere.

Quindi, forse, un buco nero primordiale potrebbe essere stato catturato dal nostro Sole e ora orbita attorno alla nostra stella, alterando leggermente le orbite dei corpi distanti del sistema solare.

Va sottolineato che si tratta di molte speculazioni che cercano di giustificare alcune evidenti prove. Solo perché “potrebbe” esserci un buco nero nel sistema solare esterno non significa che ci sia. È possibile che un mondo simile a Nettuno sia là fuori e non sia stato ancora trovato. È anche possibile che il raggruppamento di TNO sia circostanziale e non vi sia alcun Pianeta Nove.

Riferimento: Scholtz, Jakub e James Unwin. “Che cosa succede se Planet 9 è un buco nero primordiale?” arXiv prestampa arXiv: 1909.11090 (2019).

Fonte: Forbes.