Gli umani “migreranno” su altri pianeti? Un importante premio Nobel sostiene che non accadrà mai

Eventuali esopianeti abitabili dovremo accontentarci di guardarli da lontano.

0
405
gli uomini non arriveranno mai sui pianeti esterni al sistema solare

Il premio Nobel svizzero Michel Mayor ha affermato che gli esseri umani non migreranno mai su un pianeta al di fuori del sistema solare terrestre perché ci vorrebbe un tempo eccessivamente lungo per coprire le distanze interstellari.

Mayor ha ricevuto, assieme al collega Didier Queloz lo scorso martedì il premio Nobel per la fisica per le loro tecniche di raffinamento della ricerca per rilevare gli esopianeti.

Se stiamo parlando di esopianeti, le cose dovrebbero essere chiare: non migreremo lì“, ha detto Mayor a Madrid a margine di una conferenza quando gli è stato chiesto della possibilità che gli esseri umani si trasferissero su altri pianeti.

Questi pianeti sono molto, troppo lontani. Anche nel caso molto ottimista di un pianeta vivibile che non sia troppo lontano, diciamo poche decine di anni luce, che non è molto, è nel quartiere, il tempo per arrivarci sarebbe troppo “, ha aggiunto.

Stiamo parlando di centinaia di milioni di giorni usando i mezzi che abbiamo a disposizione oggi. Dobbiamo prenderci cura del nostro pianeta, è molto bello e ancora assolutamente vivibile“.

Mayor, oggi 77enne ha affermato di aver sentito il bisogno di “uccidere tutte le affermazioni che dicono ‘OK, andremo su un pianeta vivibile se un giorno la vita non fosse possibile sulla terra’“.

È completamente folle“, ha aggiunto.

Utilizzando gli strumenti nel loro osservatorio nel sud della Francia, Mayor e Queloz nell’ottobre 1995 hanno scoperto ciò che in precedenza era esistito solo nei racconti di fantascienza – un pianeta al di fuori del sistema solare terrestre, un esopianeta.

Mayor era all’epoca professore all’Università di Ginevra e Queloz il suo studente di dottorato, quando fecero la scoperta che rivoluzionò l’astronomia. Da allora sono stati trovati oltre 4.000 esopianeti nella nostra galassia.

Era una domanda molto antica che è stata discussa dai filosofi: ci sono altri mondi nell’universo?“, Ha detto Mayor.

Cerchiamo pianeti che siano i più vicini (a noi), che potrebbero assomigliare alla Terra. Insieme al mio collega abbiamo iniziato questa ricerca di pianeti, dimostrando che era possibile studiarli“.

Mayor ha aggiunto che spetta alla “prossima generazione” rispondere alla domanda se esiste la vita su altri pianeti.

Non lo sappiamo! L’unico modo per scoprirlo è sviluppare tecniche che ci permettano di rilevare la vita a distanza“, ha concluso.

Fonte: Futurism