È possibile che gli esseri umani possano rigenerarsi come il dottor Who o, almeno, come una salamandra?

Una volta si pensava che la rigenerazione appartenesse o alla fantascienza o, esclusivamente, ad animali come l'axolotl, una salamandra che, in qualche modo, può farsi ricrescere parti del corpo perse. Può persino rigenerare parti del suo cervello.

0
604
Gli umani potrebbero potersi rigenerare come il doctor Who

Chi segue la popolare serie intitolata al doctor Who dovrebbe avere una certa familiarità con il concetto di rigenerazione del corpo. In pratica, dopo un certo periodo di vita, o dopo essere stato sottoposto ad importanti stress che ne minano le risorse, il corpo del doctor Who si rigenera, letteralmente trasformandolo in un’altra persona.

Forse, questo alieno è dotato di uno speciale DNA tipico della sua specie ma questa capacità di rigenerazione non è esclusiva dei signori del tempo Gallifreyani.

Una volta si pensava che la rigenerazione appartenesse o alla fantascienza o, esclusivamente, ad animali come l’axolotl, una salamandra che, in qualche modo, può farsi ricrescere parti del corpo perse. Può persino rigenerare parti del suo cervello.

Ora una nuova ricerca suggerisce che gli esseri umani hanno una certa capacità rigenerativa della cartilagine. Ovviamente non possiamo far ricrescere interi arti. Ciò che possiamo fare, tuttavia, è ancora qualcosa che la scienza pensava fosse impossibile.

Ciò che un gruppo di ricerca della Duke University School of Medicine (DUSM) ha recentemente scoperto è che gli esseri umani possono rigenerare, in una certa misura, la cartilagine come fanno le salamandre, il che è sicuramente importante anche se non abbiamo la capacità di risviluppare arti eventualmente persi. Ancora.

Riteniamo che la comprensione di questa capacità rigenerativa, simile a quella delle salamandre, nell’uomo, e dei meccanismi di regolazione di questo processo, potrebbe fornire le basi per nuovi approcci terapeutici per riparare i tessuti articolari e, possibilmente, interi arti umani“, ha spiegato la professoressa Virginia Kraus, coautrice della ricerca, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sulla rivista Science Advances.

La rigenerazione della cartilagine umana potrebbe essere una svolta miracolosa per invertire la degenerazione che causa l’artrosi. Il team ha scoperto un sistema intrinseco di riparazione della cartilagine che è più forte nelle articolazioni della caviglia ed è ancora presente, ma più debole, più in alto sulle gambe. L’età delle proteine ​​è stata determinata attraverso aminoacidi, la cui tendenza è prevedibile a passare da una forma all’altra. Più vecchia è la proteina, più conversioni di aminoacidi ha attraversato.

Questo è molto simile alla possibilità che un animale come l’axlotl avrà di rigenerare gli arti, a seconda di dove può essere morso da un predatore, le estremità hanno maggiori possibilità.

Ciò che i ricercatori hanno deciso di condividere con le salamandre e altri animali, che possono rigenerare arti, pinne, code e altre parti del corpo, sono molecole di microRNA.

Il microRNA è rimasto fuori dall’evoluzione ed è la superpotenza dietro la rigenerazione della cartilagine.

Proprio come negli animali in grado di rigenerarsi, nelle nostre caviglie è stata individuata una maggiore attività del microRNA. Trasformare il microRNA in farmaci potrebbe significare arrestare o addirittura invertire l’osteoartrite. E non è tutto. Sebbene non possiamo rigenerare gli arti da soli, questa scienza un giorno potrebbe permetterci di far ricrescere arti amputati.

Riteniamo di poter stimolare questi regolatori per rigenerare completamente la cartilagine degenerata di un’articolazione artritica. Se riusciamo a capire quali regolatori ci mancano rispetto alle salamandre, potremmo anche essere in grado di aggiungerli e sviluppare un modo per rigenerare una parte o tutto un arto umano ferito“, ha detto Kraus. “Riteniamo che questo sia un meccanismo fondamentale di riparazione che potrebbe essere applicato a molti tessuti, non solo alla cartilagine“.

Gli umani potrebbero non essere in parte salamandre, ma in un mondo in cui stiamo già scoprendo come unire i nostri geni con quelli di altre specie, non sarebbe sorprendente se alla fine trovassimo il modo di rigenerare parti del nostro corpo come un signore del tempo.

Fonte: Duke University School of Medicine