Trovata una correlazione tra deambulazione lenta nella mezza età e invecchiamento precoce

A quanto pare, camminare lentamente potrebbe significare, al di là del godersi una piacevole passeggiata, avere significativi deficit nella salute fisica e cognitiva. Almeno secondo quanto riportato in una nuova ricerca basata su uno studio durato quarant'anni.

0
1486
una camminata lenta potrebbe essere segno di di invecchiamento precoce, sia fisico che cognitivo

I risultati sono stati estrapolati da uno studio longitudinale effettuato partendo negli anni ’70 su poco più di 900 neozelandesi. Secondo quanto emerge, le persone sui 40 anni che camminano con un’andatura lenta hanno maggiori probabilità di mostrare segni di invecchiamento biologico accelerato e compromissione dell’integrità cerebrale.

La cosa davvero sorprendente è che questo succede nelle persone di 45 anni, non nei pazienti geriatrici che di solito vengono valutati con questi parametri“, afferma la ricercatrice biomedica Line JH Rasmussen della Duke University.

Rasmussen e altri ricercatori hanno esaminato i partecipanti dello Studio Dunedin, uno studio longitudinale sulla salute eccezionalmente lungo, iniziato quasi cinquant’anni fa con una coorte di oltre 1.000 bambini di tre anni.

In una ricerca che ha valutato la salute di 904 dei restanti partecipanti all’età di 45 anni, il team ha scoperto che la velocità della camminata durante la mezza età sembra offrire una finestra unica sui processi di invecchiamento che risalgono all’infanzia.

Questo studio ha riguardato il periodo che va dall’età prescolare alla mezza età e ha scoperto che una camminata lenta è un segno di invecchiamento precoce“. Afferma la psicologa e neuroscienziata della Duke Terrie E. Moffitt.

Nello studio, i partecipanti di 45 anni che hanno misurato la loro velocità di deambulazione sono stati valutati su una serie di misure delle funzioni fisica quotidiane. Sono stati anche valutati i loro sintomi di invecchiamento accelerato – che comprende 19 diversi biomarcatori che vanno dalla pressione sanguigna alla salute dentale – e sono stati sottoposti a scansione del cervello tramite risonanza magnetica.

Sono stati anche considerati i dati storici dello studio longitudinale, come le misure di capacità neurocognitiva basate su test condotti quandoi i partecipanti erano bambini.

I risultati rivelano che coloro che deambulano con una velocità di camminata più lenta intorno ai 45 anni sembrano soffrire di una cattiva funzione fisica e di invecchiamento accelerato, indicato dal  “deterioramento più rapido di più sistemi di organi” (basato sulle letture dei biomarcatori) e allineandosi con un’analisi visiva separata dell’età facciale dei partecipanti condotta da un panel.

Inoltre, l’andatura lenta durante la mezza età sembra correlata a un funzionamento neurocognitivo più scarso e non solo al momento del test.

Sorprendentemente, nel nostro studio, la velocità dell’andatura era associata non solo al funzionamento neurocognitivo simultaneo in età adulta, ma anche al funzionamento neurocognitivo nella prima infanzia“, spiegano gli autori nel loro articolo.

Mentre la coorte di Dunedin non è stata sottoposta a scansioni cerebrali all’inizio dello studio, sulla base dei test di oggi, i camminatori lenti hanno mostrato in media un volume cerebrale ridotto e uno spessore corticale ridotto.

Nonostante le limitazioni riconosciute dai ricercatori (inclusa la mancanza di misurazioni della velocità dell’andatura nei test precedenti con la coorte, insieme a una mancanza di dati storici sull’imaging cerebrale dei partecipanti), i ricercatori affermano che c’è molto da “spacchettare” nell’esame del legame tra funzionamento neurocognitivo dell’infanzia e velocità dell’andatura nella mezza età nella ricerca futura.

Non dovremmo supporre che i risultati scarsi dei test cognitivi nei bambini di tre anni li condannino in qualche modo a problemi per tutta la vita“, spiega la ricercatrice di medicina geriatrica Stephanie Studenski dell’Università di Pittsburgh, che non era coinvolta nello studio ma autrice di un commento sulla ricerca.

Piuttosto, sarà opportuno guardare in generale a ciò che potrebbe contribuire a prestazioni peggiori ed esplorare strategie per moderare gli effetti di questi contributori“.

Se comprenderemo la natura delle correlazioni che questo studio durato quasi cinquant’anni sembra mostrare, potremmo influenzare potenzialmente positivamente i fattori sociali per aumentare la longevità biologica e migliorare la funzione neurocognitiva e, potenzialmente aiutare, ad arrestare il declino cognitivo.

Questi sono, ovviamente, problemi molto grandi da risolvere – ma valutare la velocità dell’andatura anche nelle persone di mezza età potrebbe rivelarsi una parte trascurata e importante della soluzione, afferma Studenski.

Il cervello umano è dinamico; si riorganizza costantemente in base alle esposizioni e all’esperienza“, scrive Studenski. Forse in questo senso, la salute del cervello, riflessa nella struttura del cervello, nella cognizione e nella velocità dell’andatura, non è necessariamente una prima causa, ma piuttosto può essere una conseguenza o un mediatore delle patologie subite durante la vita“.

I risultati dello studio sono stati pubblicati in JAMA Network Open.