Home Scienza Ambiente e Natura Gli scienziati studiano i livelli del mare di 125.000 anni fa ed...

Gli scienziati studiano i livelli del mare di 125.000 anni fa ed è uno sguardo terrificante sul nostro futuro

L'attuale cambiamento climatico provocato in buona parte dai gas a effetto serra, sta provocando il riscaldamento e la perdita di ghiaccio contemporaneamente sia in antartide che in artide.

0
307
125 mila anni fa i livelli dei mari si alzarono di dieci metri...

I livelli del mare erano 10 metri più alti dei livelli attuali durante l’ultimo periodo caldo della Terra, avvenuto 125.000 anni fa.

Questo risultato emerge in un articolo pubblicato su Nature Communications, che dimostra che lo scioglimento dei ghiacci dall’Antartide è stato il principale motore dell’innalzamento del livello del mare nell’ultimo periodo interglaciale, che è durato circa 10.000 anni.

L’innalzamento del livello del mare è una delle maggiori sfide che i cambiamenti climatici stanno ponendo all’umanità. Disporre di previsioni affidabili su quanto avverrà nelle prossime decadi sarà fondamentale per prevenire i danni provocati dall’innalzamento dei livelli marini.

La ricerca mostra che l’Antartide, a lungo considerato un “gigante addormentato” è un attore chiave in materia di livello dei mari. Le sue calotte glaciali possono cambiare rapidamente e in modi che potrebbero avere enormi implicazioni per le comunità e le infrastrutture costiere in futuro.

Un avvertimento dal passato

I cicli climatici della Terra comprendono periodi glaciali freddi, o ere glaciali, che avvengono quando grandi parti del mondo sono coperte da grandi calotte glaciali, ma anche periodi interglaciali più caldi quando il ghiaccio si scioglie e il livello del mare si alza.

La Terra è attualmente in un periodo interglaciale iniziato circa 10.000 anni fa. Ma le emissioni di gas serra negli ultimi 200 anni hanno causato cambiamenti climatici più rapidi ed estremi di quelli avvenuti durante l’ultimo interglaciale.

Ciò significa che i tassi noti di innalzamento del livello del mare forniscono solo previsioni di fascia bassa di ciò che potrebbe accadere in futuro.

Nell’articolo vengono esaminati i dati dell’ultimo periodo interglaciale, verificatosi tra 125.000 e 118.000 anni fa. Le temperature erano fino a 1℃ più alte di oggi, simili a quelle previste per il prossimo futuro.

La ricerca rivela che lo scioglimento dei ghiacci nell’ultimo periodo interglaciale ha causato un innalzamento globale dei livelli dei mari fino a circa 10 metri sopra l’attuale livello. Il ghiaccio si sciolse prima in Antartide, poi alcune migliaia di anni dopo in Groenlandia.

In quel periodo, livello del mare è salito fino a 3 metri al secolo, superando di gran lunga il dislivello di circa 0,3 metri osservato negli ultimi 150 anni.

Lo scioglimento di ghiaccio in Antartide ha iniziato a verificarsi quando l’Oceano Antartico si è riscaldato all’inizio del periodo interglaciale. Quest’acqua di fusione ha cambiato la circolazione delle correnti oceaniche della Terra, causando il riscaldamento nella regione polare settentrionale e innescando lo scioglimento del ghiaccio in Groenlandia.

Comprensione dei dati

Si stima che il livello medio globale del mare stia aumentando di oltre 3 millimetri all’anno. Si prevede che questo tasso aumenterà e che l’innalzamento totale del livello del mare entro il 2100 (rispetto al 2000) dovrebbe raggiungere i 70-100 centimetri, a seconda di come ci regoleremo con le emissioni di gas serra.

Tali proiezioni di solito si basano su dati raccolti in questo secolo da calibri di marea e dagli anni ’90 da dati satellitari.

La maggior parte di queste proiezioni non tiene conto di un processo naturale chiave, l’instabilità della scogliera di ghiaccio, che non è stata osservata nella breve documentazione strumentale. Ecco perché le osservazioni geologiche sono vitali.

Quando il ghiaccio raggiunge l’oceano, diventa una piattaforma galleggiante galleggiante che termina in una scogliera di ghiaccio. Quando queste scogliere diventano molto grandi, diventano instabili e possono rapidamente collassare.

Questo collasso aumenta lo scarico del ghiaccio terrestre nell’oceano. Il risultato finale è l’innalzamento globale del livello del mare. Alcuni modelli hanno tentato di includere l’instabilità della scogliera di ghiaccio, ma i risultati sono controversi.

I risultati di questi modelli prevedono tuttavia tassi di innalzamento del livello del mare sorprendentemente simili a quanto osservato di recente nello studio dell’ultimo periodo interglaciale.

Lo studio esamina le registrazioni del cambiamento totale del livello del mare, che per definizione include tutti i processi naturali pertinenti.

Sono stati effettuati studi sui cambiamenti chimici nei gusci di plancton fossili presenti nei sedimenti marini del Mar Rosso, che si riferiscono in modo affidabile ai cambiamenti del livello del mare. Unitamente alle prove del rilascio di acqua di fusione nell’Antartide e nella Groenlandia, queste registrazioni rivelano la rapidità con cui il livello del mare è aumentato e distingue tra i diversi contributi della calotta glaciale.

Guardando al futuro

Ciò che colpisce nelle registrazioni dell’ultimo periodo interglaciale è quanto rapidamente il livello del mare sia salito al di sopra dei livelli attuali.

Le temperature durante l’ultimo interglaciale erano simili a quelle previste per il prossimo futuro, il che significa che lo scioglimento delle calotte polari influirà probabilmente sui futuri livelli del mare in modo molto più drammatico di quanto finora previsto.

L’ultimo interglaciale, ovviamente, non è uno scenario perfetto per il futuro. La radiazione solare in arrivo era più alta di oggi a causa delle differenze nella posizione della Terra rispetto al Sole.

I livelli di anidride carbonica erano solo 280 parti per milione, rispetto a oltre 410 parti per milione di oggi.

Fondamentalmente, il riscaldamento tra i due poli nell’ultimo interglaciale non è avvenuto contemporaneamente. Ma sotto l’attuale cambiamento climatico provocato in buona parte dai gas a effetto serra, il riscaldamento e la perdita di ghiaccio stanno avvenendo contemporaneamente in entrambe le regioni.

Ciò significa che se i cambiamenti climatici continuano senza sosta, il drammatico aumento del livello del mare nel passato potrebbe essere un piccolo assaggio di ciò che verrà.La conversazione

Fiona Hibbert , ricercatrice post-dottorato, Australian National University ; Eelco Rohling , professore di Oceano e cambiamenti climatici, Australian National University e Katharine Grant , ARC DECRA Postdoctoral Research fellow, Australian National University .

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l’articolo originale .

NO COMMENTS